Foto lettore
La strada lungo il Vallone
AGNO
29.05.20 - 20:220
Aggiornamento : 30.05.20 - 09:41

«Galleria della circonvallazione: occhio che frana tutto»

Secondo il municipale Giancarlo Seitz il futuro tunnel andrà a toccare un pendio già instabile

Il Dipartimento del territorio tranquillizza: «La prossima fase sarà analizzare e definire il miglior tracciato». Magari entrando "più in profondità" nella montagna

AGNO - Non è il monte Toc, ma il pendio che sovrasta il Vallone tra Agno e Magliaso qualche preoccupazione la smuove. In particolare perché lì è previsto il passaggio, in galleria, della futura circonvallazione del Vedeggio. 

A puntare l’indice alla montagna è il municipale di Agno Giancarlo Seitz, per nulla tranquillo riguardo alla stabilità geologica del terreno: «È un’area - sottolinea - già oggi particolarmente sollecitata dal passaggio del trenino e lo sarà ancor di più con il tram, ma soprattutto è una zona sollecitata da un transito che raggiunge i 27mila veicoli. Ora una certa preoccupazione è comprensibile perché proprio lì parte il progetto della circonvallazione con la galleria».

Traforo che, secondo il municipale, va a toccare un declivio che «da trent’anni continua a franare e viene rappezzato. Un giorno potrebbe andar via tutto». Senza fare l'uccello del malaugurio, Seitz ricorda che «l’Axenstrasse ha già mostrato cosa significa avere a che fare con montagne che franano». Da non sottovalutare dunque.

E il Cantone, o meglio il Dipartimento del territorio, non sottovaluta affatto. «Le difficoltà geologiche della zona sono conosciute - commenta l'ingegner Diego Rodoni, Capo dell’Area operativa del Sottoceneri -. Nelle prossime fasi progettuali andranno approfonditi gli studi geotecnici (con eventuali nuovi sondaggi) per meglio capire la situazione e ottimizzare il tracciato della galleria. Laddove si dovessero riscontrare grossi problemi legati all’instabilità del pendio si andrà a scegliere un tracciato che “entra più in profondità” nella montagna in modo da avere una roccia più sana dove eseguire lo scavo. Questo comporterà gioco forza una galleria più lunga ma con minori misure di stabilizzazione del pendio (a volte una galleria più lunga in materiale buono costa meno che una galleria più corta ma in materiale problematico!). Ma ripeto sarà la prossima fase di progetto che andrà a analizzare più dettagliatamente il tutto e definire il miglior tracciato della futura galleria».

Non che la strada sia del tutto in discesa una volta superato il paese di Agno. «La parte interrata del tunnel in direzione dell’aeroporto - rileva ancora Seitz - passerà letteralmente nell’acqua che si trova appena sotto la superficie del terreno. E dove c’è acqua i costi aumentano». Insomma metà sacca di Piora e metà tunnel sotto la Manica, la futura galleria di Agno seppur lunga solo 250 metri fa già discutere. Ed è un bene. Se si parla d'altro, significa che stiamo uscendo dal tunnel... della pandemia.

Foto lettore
Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
TENERO
4 ore
Tensione al centro Tertianum Al Vigneto
Dipendenti scontenti per quanto starebbe accadendo nelle ultime settimane. Nel mirino la nuova direttrice. 
GAMBAROGNO
7 ore
Quanto è complicato avere un cane da protezione
Greggi e lupo: la recente giornata informativa del Cantone mette a nudo tutte le difficoltà dei contadini.
CANTONE / SVIZZERA
9 ore
La danza che unisce, premiati due progetti ticinesi
MOPS_DanceSyndrome e Mix-Dance New Ability si sono spariti il premio principale dell'associazione ilmioequilibrio.
BELLINZONA
13 ore
Ristrutturazione del Liceo: «Un progetto che nasce vecchio»
L'MPS prende posizione rispetto al piano pensato dal Governo e non risparmia critiche.
CANTONE / SVIZZERA
16 ore
Niente più mascherine sui marciapiedi delle stazioni
La decisione è stata presa dopo che il Consiglio federale ha revocato l'obbligo d'indossarla all'aperto.
CANTONE
17 ore
Il ventiseiesimo giorno senza decessi
In Ticino si segnalano altri cinque contagi in ventiquattro ore
CANTONE
18 ore
Un Super Puma per la radioattività
Il 30 giugno l'elicottero effettuerà dei voli di misurazione sopra Lugano e altre aree ticinesi
CANTONE / SVIZZERA
19 ore
In Svizzera si contano 343'000 frontalieri
Alla fine del 2020 la percentuale più alta si registrava in Ticino. Un ritratto dei lavoratori provenienti dall'estero
LUGANO
21 ore
Il neonato paga la piscina: ma il Comune rimedia
Tariffe "baby" fino a tre anni nei Lidi della Città. Il caso di un bambino di 14 giorni a Carona
CANTONE
22 ore
Non banalizzate la montagna, il pericolo è dietro l'angolo
Affinché le vette ticinesi siano luoghi di piacere non bisogna sottovalutarle: i consigli di Montagne Sicure
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile