Deposit
LUGANO/MARTIGNY
25.05.20 - 18:570

Non lo accettano in brigata perché è di colore

Un cuoco ticinese si vede rifiutata la candidatura per non indisporre un altro dipendente che non sopporta gli arabi

Il pessimo esempio arriva da un ristorante vallesano.

LUGANO/MARTIGNY - Il colore della pelle come ingrediente indigesto. È successo a un giovane cuoco ticinese che si è visto rifiutare l’assunzione in un ristorante vallesano per ragioni che trasudano razzismo.

La giustificazione? Surreale. Il proprietario gli avrebbe detto no, per non avere problemi con un altro suo dipendente. La provenienza del candidato è diventata quindi un ostacolo insormontabile per entrare in brigata. «Il proprietario mi ha chiesto di che origine ero» racconta il cuoco a Tio.ch/20Minuti. «Una domanda posta anche con tatto, sebbene non ne abbia capito il senso, visto che il mio nome e la fotografia a colori allegata al curriculum contenevano già la risposta». 

La pelle che discrimina e impedisce a questo trentenne svizzero, di origine indiana, adottato da una famiglia ticinese quando aveva un anno e mezzo, di trovare un lavoro nel proprio Paese. Il razzismo più forte del curriculum che il cuoco ticinese può vantare dopo aver già fatto esperienza in un ristorante italiano, e avere lavorato ai fornelli in Francia dove diventa secondo cuoco di cucina e in un altro ristorante sul Lago d’Orta.

Fino alla recente frittata a Martigny, dove il gerente gli fa capire che la sua origine è incompatibile con l’avversione che un altro suo dipendente nutre verso chi ha la pelle di un altro colore: «Perché ha avuto problemi con una ragazza araba». Questa la “motivazione” addotta giustificazione del rifiuto.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
37 min
«Sì al Polo Sportivo, ma a sette condizioni»
La sezione del Partito socialista di Lugano pretende alcune modifiche per dare il proprio assenso al progetto.
CANTONE
1 ora
In Ticino altre 22 persone positive al coronavirus
Nelle ultime ventiquattro ore non è stato registrato nessun decesso
FOTO
LUGANO
15 ore
Fuga di gas a Breganzona, bloccate le 5 vie
Grande dispiegamento di mezzi dei pompieri e della polizia e diversi disagi al traffico
CANTONE
1 gior
In Ticino altri 63 casi e un decesso
Nelle strutture ospedaliere ci sono 69 pazienti col Covid, di cui 10 in terapia intensiva
CONFINE
1 gior
A Viggiù parte la vaccinazione di massa
Dallo scorso 16 febbraio il comune al confine col Ticino si trova in zona rossa per la presenza di varianti
BELLINZONA
1 gior
Sulla mobilità lenta le polemiche corrono veloci
I Verdi attaccano il Municipale Simone Gianini per un presunto conflitto d'interesse fra due cariche «non compatibili».
CANTONE
1 gior
I radar risparmiano solo la Leventina
Ecco le località che saranno oggetto di controlli della velocità mobili e semi-stazionari.
FOTO
CASTEL SAN PIETRO
1 gior
Schiacciata da un furgone, grave una 49enne
L'incidente è avvenuto in via Alle Zocche a Castel San Pietro.
CANTONE
1 gior
Torna il sereno nelle case anziani: visite in camera e uscite consentite
Dal 1. marzo adeguate le direttive per le strutture della terza età e per le cliniche psichiatriche
FOTO E VIDEO
AIROLO
1 gior
Guasto alla seggiovia di Varozzei, nove persone evacuate in elicottero
Operazione di salvataggio, questa mattina, nel comprensorio sciistico di Airolo-Pesciüm.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile