Polizia cantonale grigionese
Il capo della Regione di polizia est, Marco Steck (a sinistra), in visita al valico di Castasegna.
GRIGIONI
18.05.20 - 10:490

«Abbiamo dovuto respingere alcune persone»

La Polizia cantonale grigionese ha fatto un primo bilancio del suo impiego a supporto delle dogane

COIRA - Si protrae ormai da due mesi l’impiego di appoggio della Polizia cantonale dei Grigioni a favore dell’Amministrazione federale delle dogane alle frontiere nazionali. Gli interventi, che si svolgono sull’arco delle 24 ore, sono finalizzati a controllare il traffico in entrata in Svizzera.

Il 13 marzo scorso in concomitanza con il lockdown, l’Amministrazione federale delle dogane (AFD) ha richiesto assistenza per i controlli al confine con l’Italia. Agenti di polizia della regione Grigioni Centrali hanno coadiuvato i colleghi della regione Engiadina alla frontiera, per un totale di 200 giornate lavorative. I controlli del traffico in entrata in Svizzera sono stati eseguiti ai valichi di Castasegna, Campocologno, Müstair e Martina e hanno visto impegnati agenti di polizia e funzionari delle dogane sull’arco delle 24 ore. La presenza nelle vallate sud ha subito un incremento durante la crisi dettata dal coronavirus.

Respinte alcune persone - Marc Obrist, di stanza presso il posto di polizia di Tiefencastel, è uno degli agenti del distaccamento della Polizia che ha ricevuto l’ordine di impiego "Frontiera / Regione di Polizia est". Il 34enne assieme al suo cane d’utilità Akira, un bloodhound in fase di formazione, è stato in servizio tre volte al valico di Castasegna. Nonostante la sveglia suonasse molto presto e già alle due di notte si metteva in viaggio, Obrist è sempre stato contento di prestare il suo turno di otto ore alla frontiera. «Chiaro, ci sono state alcune facce deluse. Ad esempio quando abbiamo dovuto respingere delle persone provenienti dall’Italia che volevano far visita ad amici nei Grigioni», ricorda Obrist. «Ad ogni buon conto, abbiamo esposto la situazione e le persone hanno compreso il senso della misura e accettato la nostra decisione».

Assistenza amministrativa - A esplicita richiesta dell’Amministrazione federale delle dogane, la Polizia cantonale dei Grigioni coadiuva in via di assistenza amministrativa l’ente richiedente. Gli agenti di polizia coadiuvano pure, su richiesta, i Comuni grigionesi nel loro compito di controllare e fornire consulenza alle aziende o alle scuole in merito ai piani di protezione. Le competenze per l’attuazione dell’Ordinanza 2 COVID-19 sono delegate nella città di Coira alla Polizia municipale e nel comune di St. Moritz a quella comunale.

Polizia cantonale grigionese
Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
3 ore
I consigli della Polizia fanno arrabbiare le femministe
Il collettivo "Io l'8 ogni giorno" punta il dito contro un vademecum anti-aggressione, e chiede di rimuoverlo
BELLINZONA
3 ore
I giovani ne hanno combinate (anche con il Covid)
Furti, incendi, reati sui social, assembramenti. Il punto con il Magistrato dei minorenni
LUGANO
5 ore
Colpì la giornalista con una testata, identificata dalla polizia
Si tratta di una 20enne svizzera domiciliata nel Luganese che il 30 novembre manifestava contro le restrizioni Covid
LUGANO
6 ore
La prima neve è arrivata
Da Chiasso a Mendrisio fino a parte del Luganese i primi timidi fiocchi stanno scendendo dal cielo
LUGANO
6 ore
«Concreti indizi di un movente estremista»
La 28enne di Vezia resta in carcere, arresto confermato dal giudice. L'avvocato: «Serve una perizia psichiatrica»
BELLINZONA
6 ore
Picchiato e poi chiuso in casa dagli "amici"
Nuovi dettagli sulla lite di stamattina in un appartamento. I vicini: «C'erano già stati problemi»
CANTONE
10 ore
Affitti commerciali: «Il Cantone intervenga»
Se Berna non fa sconti, il Ps chiede a Bellinzona di aiutare le imprese
CANTONE
12 ore
Nuovo calo di pazienti negli ospedali
Nelle ultime 24 ore 18 persone sono state ricoverate nelle strutture sanitarie cantonali, mentre 26 le hanno lasciate.
FOTO
BELLINZONA
13 ore
Violenta lite in appartamento, la polizia cerca i responsabili
Un 25enne domiciliato nel Luganese ha riportato leggere ferite. Prima di andarsene, lo avrebbero chiuso dentro
BELLINZONA
15 ore
«Vado avanti a morfina, chiedo giustizia»
Continua la lotta di un 30enne contro il medico che lo ha operato alla schiena: «Io, danneggiato. E nessuno risponde».
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile