Archivio Keystone
CANTONE
17.05.20 - 08:460
Aggiornamento : 17:05

«I frontalieri hanno comprato tutte le mascherine»

L’accusa di un cittadino ai collaboratori del negozio Aldi. Che si difende: «Non è vero, e comunque ce n’è per tutti»

MORBIO INFERIORE - Martedì 5 maggio Aldi ha messo in vendita le mascherine monouso a 70 centesimi, in scatola da 50 pezzi (34,90 franchi). Un cittadino che si era recato in negozio per acquistarle, ha lanciato un’accusa: «A Morbio Inferiore e Chiasso i dipendenti frontalieri della catena hanno fatto incetta di mascherine, magari per poi rivenderle al di là del confine singolarmente e a prezzi gonfiati».

L’uomo riferisce anche di avere assistito a «una discussione animata tra una cassiera e un cliente». «Lei gli ha urlato che anche loro (frontalieri) le pagano come tutti e che potevano quindi acquistarne quante ne volevano», racconta.

Affermazioni che Aldi rispedisce al mittente, sottolineando come «in questo periodo» abbiano «deciso di mettere in vendita le mascherine a prezzo di costo contribuendo attivamente a sostenere la popolazione».

«In tutto il Ticino si è riscontrata una richiesta importante e nettamente superiore al resto del Paese - aggiunge il portavoce Angelo Geninazzi -. A fronte di tale domanda alcune filiali sono rimaste senza il prodotto, tuttavia questa situazione è stata risolta in poco tempo organizzando della merce aggiuntiva».

Per quanto riguarda il caso sollevato, Aldi aggiunge che «tutto il personale, sia esso residente o frontaliere, ha il diritto di acquistare per uso proprio le mascherine messe in vendita». Ma nega che i dipendenti abbiano fatto «incetta di tale articolo».

Le direttive aziendali prevedono infatti che «le quantità vendute sono da limitarsi al consumo famigliare». E per il tempo passato al lavoro e l’utilizzo in filiale i collaboratori ricevono inoltre il materiale necessario a proteggersi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
1 ora
Altri 15 contagi in Ticino
Le strutture sanitarie accolgono 19 pazienti con sintomi gravi della malattia. Sei si trovano in cure intense.
CANTONE
1 ora
Vaccinazione: un weekend dedicato agli adolescenti
Il primo fine settimana di ottobre verranno riaperti quattro centri cantonali.
RIAZZINO
2 ore
Al Vanilla si torna a ballare
Il reopening, a lungo rimandato a causa della pandemia, è previsto per il 9 ottobre prossimo.
LOCARNO
5 ore
«Che imbarazzo, io trattato come un mostro»
Calci, pugni e pallone: dopo la rissa delle Semine, settimana da incubo per Mauro Cavalli, presidente del FC Locarno.
CANTONE
16 ore
«Metà dei clienti scappati per il pass»
Nel mondo "bio" la diffidenza nei confronti dei vaccini è maggiore. Lo sfogo di un esercente in difficoltà
MENDRISIO
18 ore
La biblioteca si trasferisce e diventa una palestra
Il progetto SportAcademy riunirà sotto lo stesso tetto, a Genestrerio, diverse discipline sportive.
CANTONE
23 ore
Salario minimo: «La situazione va monitorata»
Le parti convocate al tavolo delle discussioni hanno condiviso che la deroga prevista per i CCL non va stralciata.
CANTONE
23 ore
Fattacci fra Semine e Locarno, arrivano le prime sospensioni
Per far luce sull'accaduto è stata pure avviata un'inchiesta, il cui rapporto è atteso a inizio ottobre.
CANTONE
1 gior
In Ticino 36 contagi e un altro decesso
Le persone ospedalizzate a causa del coronavirus salgono a 16, sei delle quali in terapia intensiva.
CANTONE
1 gior
Il monopattino è roba da grandi
I monopattini elettrici sono vietati ai minori di 14 anni. Ma spesso i genitori non lo sanno
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile