Tipress
LUGANO
14.05.20 - 18:440
Aggiornamento : 22:39

Mezzo milione ai dipendenti licenziati. Borradori: «Impegno morale»

Il sindaco parla del piano sociale che integrerà per sei mesi il pieno stipendio di chi non lavora più all'aeroporto

Borradori smentisce anche una buonuscita al direttore Maurizio Merlo

LUGANO - Un piano sociale per complessivi 500mila franchi. È la cifra che il Municipio di Lugano intende destinare alla quarantina di dipendenti rimasti senza lavoro per la liquidazione di Lugano Airport.  «Più che da una ragione giuridica - spiega il sindaco Marco Borradori, che di LASA è anche il presidente - ci sentivamo impegnati da una questione morale. Tra gli ex collaboratori dell’aeroporto parecchi avevano alle spalle una collaborazione di ultradecennale». Un legame che si è materializzato stamani nel patio di Palazzo Civico dove una quindicina di loro ha incontrato il sindaco. Presente anche il segretario di Unia Giangiorgio Gargantini che così commenta: «Si è voluto dare un futuro allo scalo, scelta che non sta a me commentare, ma esigiamo che lo stesso impegno, anche finanziario, venga messo per dare anche un futuro ai dipendenti lasciati a casa».

Il piano sociale, presentato oggi pomeriggio, ruota attorno alla disponibilità ad integrare il 20% del salario non coperto dalla disoccupazione per un periodo di 6 mesi. «È un segnale - riprende Borradori - della volontà del Municipio di trovare una soluzione soddisfacente. Frutto anche di una negoziazione con i sindacati». Ma anche con la Commissione della Gestione che avrebbe già incontrato gli stessi sindacati. È un percorso a paletti, «ma in realtà a noi interessa fare qualcosa di giusto».

Inoltre, continua Borradori, «c’è la volontà della Città di tentare di ricollocare il maggior numero delle persone possibili. Siamo già all’opera con il settore delle risorse umane». Tra le voci circolanti in questi giorni, anche quella che di una buonuscita al direttore di LASA Maurizio Merlo… voce che però il sindaco smentisce categoricamente: «Anche il direttore ha rinunciato ai bonus. Limitandosi allo stipendio base e non c’è stata nessuna liquidazione».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
5 min
«Questo terrore non c'entra con l'Islam»
Aggressione alla Manor: la dura condanna della comunità musulmana sciita in Ticino
FOTO
CANTONE
21 min
«Gli assembramenti sono stati solo spostati di un'ora»
Lo slittamento dell'orario delle scuole superiori non avrebbe finora avuto l'effetto sperato.
CANTONE
3 ore
Aveva tentato di recarsi in Siria, senza successo
La fedpol ha fornito nuove informazioni sulla donna che ieri ha ferito due persone alla Manor di Lugano.
ONSERNONE
3 ore
Mentre tagliava le piante, gli è caduto addosso un muro
L'incidente si è verificato in Valle Onsernone. Gravi ferite per un 52enne della regione
CANTONE
4 ore
«Sconcerto e delusione» per la conferenza stampa di ieri
Critiche da parte dell’Associazione ticinese dei giornalisti per come Gobbi e Cocchi hanno gestito la conferenza stampa
CANTONE
4 ore
Altre dieci vittime del Covid-19 in Ticino
Nelle ultime ventiquattro ore 21 persone sono state ricoverate in ospedale, mentre 29 lo hanno lasciato.
CANTONE
5 ore
«Quando mi ha detto “ti ammazzo” qualcosa si è rotto»
Quella di Federica è solo una delle tante, troppe, storie di violenza. Che non è solo fisica, ma psicologica, verbale
FOTO E VIDEO
MAROGGIA
7 ore
«Un colpo duro per tutti. Maroggia ha perso il suo ultimo simbolo»
Il Mulino apparteneva alla famiglia Fontana da 42 anni ed era stato tramandato di padre in figlio.
CANTONE
8 ore
Il Ticino chiama Berna
Un'iniziativa cantonale chiede di modificare il codice penale, a tutela delle donne vittima di violenza
CANTONE
16 ore
«Già coinvolta in un'indagine legata al terrorismo»
La Fedpol conferma il possibile ruolo della donna in fatti legati al terrorismo jihadista
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile