Keystone (archivio)
CANTONE
14.05.20 - 09:010

Il grido d'allarme dei media: «Agire prima che sia troppo tardi»

L'Associazione ticinese dei giornalisti è preoccupata dalla crisi nel settore: «La situazione è drammatica».

Durante la pandemia le entrate pubblicitarie sono diminuite dal 60 al 95%, a seconda della testata. Impressum: «Dal 2010 il settore ha perso oltre un miliardo di franchi».

BELLINZONA - «Agire prima che sia troppo tardi». «Situazione drammatica». Questo è il grido d'allarme lanciato in simultanea da ATG (Associazione ticinese dei giornalisti) e da Impressum per salvare un settore, quello mediatico, già da tempo in crisi. Una crisi che è stata ulteriormente acuita dalla pandemia. «Dopo aver analizzato, e giustamente, la curva della pandemia per delle settimane intere, per le nostre autorità è arrivato il momento di osservare anche l’andamento di altre curve, da tempo ormai in picchiata libera», esordisce l'ATG in una nota. 

Il maggior problema per il settore mediatico rimane quello delle entrate pubblicitarie, un mercato che era già in crisi prima della pandemia. «Le entrate sono diminuite dal 60 al 95%, a seconda della testata. La situazione è drammatica».

«I giornali rischiano di sparire, ma non solo dai ristoranti» - A preoccupare ATG ed impressum è la «desertificazione a livello mediatico che questa crisi potrebbe creare. «I giornali non scompariranno solo da bar e ristoranti, come deciso per ragioni sanitarie, scompariranno del tutto…». In soccorso al settore, nelle ultime settimane, però qualcosa si è mosso, soprattutto a livello federale. La settimana scorsa il parlamento ha dato il via libera a diversi provvedimenti urgenti, pari a un totale di 65 milioni di franchi per garantire nell’immediato la sopravvivenza di giornali, radio e TV. In precedenza, anche il Consiglio federale si era mosso varando un pacchetto di aiuti del valore di 50 milioni. A questi due provvedimenti vanno poi aggiunti i primi aiuti d’urgenza varati dal Consiglio federale: i crediti Covid-19 e il lavoro ridotto. «Questi interventi - precisa Impressum - vanno visti solo come un primo piccolo passo, basti pensare che dal 2010 a oggi l’insieme del settore ha perso qualcosa come un miliardo di franchi».

Sostegno ticinese - A sostegno dei media si erano mossi nei mesi scorsi anche diversi cantoni, ad esempio Vaud, Friborgo e Berna. Anche in Ticino lo scorso 14 febbraio - proprio poco prima dell’inizio della crisi pandemica – i partner sociali avevano presentato con il suo autore, il granconsigliere Lorenzo Jelmini, una mozione interpartitica che chiedeva al governo di varare una serie di misure in favore dei media locali. «Questa mozione - conclude ATG - va ora discussa con urgenza da Gran consiglio e governo. È un appello che rivolgiamo con forza al mondo della politica ticinese proprio a due anni esatti dalla chiusura del Giornale del Popolo, che fu allora un inequivocabile campanello d’allarme per l’intero panorama mediatico ticinese. C’è bisogno di una vera e propria mobilitazione politica a sostegno dei media, strumento essenziale del dibattito democratico nella nostra società».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Nmemo 1 anno fa su tio
L'Associazione ticinese dei giornalisti si è adagiata per troppo tempo sul quieto vivere, sovente a rimorchio della partitocrazia, peggio al suo servizio. Quando ciò succede si azzera di proprio l'efficacia del giornalismo, sia quello della carta, sia quello dei media online e tv per quanto concerne un’informazione equa e neutra. A prescindere, il giornalismo d’indagine sovente si “butta” su certi malaffari, ma ne schiva altri.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
RIAZZINO
42 min
Al Vanilla la musica resta spenta
Il Consiglio federale è andato incontro alle discoteche. Ma la struttura di Riazzino mantiene la propria decisione
BELLINZONA
2 ore
Il villaggio natalizio di Bellinzona solo per vaccinati e guariti
Per il mercato del sabato e i mercatini in programma varrà invece l'obbligo di mascherina
Ticino
2 ore
Ecco dove verranno posizionati i radar la prossima settimana
La polizia ricorda che «la velocità elevata permane una delle maggiori cause d'incidenti»
CANTONE
3 ore
La cucciolata che non intenerisce gli allevatori
Il nascita di tre lupacchiotti è «una cattiva notizia» commenta l'associazione per la protezione dai predatori
LUGANO
3 ore
Obbligo di mascherina in centro a Lugano
La misura scatta domani, sabato 4 dicembre, nella zona pedonale della città
SVIZZERA
4 ore
Niente test a scuola, il sindacato protesta
Il Vpod/Ssp invoca una maggiore protezione dell'insegnamento in presenza
CANTONE
8 ore
Gli anni ticinesi di Highsmith in un documentario
Le riprese del film sono di recente iniziate sul Lago Maggiore e in Valle Maggia
CANTONE
9 ore
In Ticino il booster è per tutti
Da subito tutti gli over 16 che hanno ricevuto la seconda dose da almeno sei mesi possono prenotare il richiamo
CANTONE
9 ore
In Ticino 186 nuovi contagi e altre 13 classi in quarantena
Sono 67 i pazienti Covid che attualmente si trovano negli ospedali del nostro cantone
LOCARNO
9 ore
Storia del "guerriero" Toni
Toni Milano, 40 anni, ha lasciato il ciclismo a causa della distrofia muscolare. Ma non ha smesso di lottare
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile