tipress (archivio)
CANTONE
12.05.20 - 18:030
Aggiornamento : 13.05.20 - 00:03

«Con l'aria condizionata la mascherina è consigliabile»

Il dottor Garzoni commenta il "doppio zero" odierno: «Numeri incoraggianti, ma i contagi risaliranno»

L'invito è a non abbassare la guardia: «Non è ancora il caso di organizzare party sulle rive del fiume»

LUGANO - «Sono numeri sicuramente incoraggianti. Che tra l'altro si stanno ripetendo da diversi giorni». Anche per Christian Garzoni, direttore sanitario della Clinica Luganese Moncucco, il "doppio zero" registrato oggi in termini di contagi/vittime da Covid-19, è un segnale decisamente positivo che non può passare inosservato. «Vuol dire che le misure di contenimento adottate dalle Autorità sono state efficaci e abbiamo potuto, se non debellare il virus, almeno ridurlo sensibilmente», ha commentato oggi ai microfoni di Radio Ticino.

Garzoni ringrazia a tal proposito la popolazione ticinese: «È stata in grado di seguire molto bene le raccomandazioni quali il rispetto della distanza sociale, l'evitare i contatti inutili, il lavarsi le mani e l'uso delle mascherine quando serve».

Tuttavia per il medico questo non può equivalere a un "libera tutti": «La fase 1 ce la siamo lasciata alle spalle, però la guardia non va abbassata. I numeri è plausibile che riaumentino. Insomma, non è il caso di organizzare il party sulle rive del fiume o in spiaggia. Dobbiamo restare vigili».

Con l'arrivo del caldo e i condizionatori che tornano a funzionare sorge inoltre la preoccupazione riguardo la possibilità che questi ricicli d'aria possano fungere da diffusori del virus. Preoccupazione che Garzoni non si sente di smentire: «A maggior ragione mantenere la distanza sociale e evitare i contatti inutili saranno prioritari e fondamentali. In Svizzera l'uso delle mascherine non è vietato. Negli uffici, anche se i tavoli sono separati, ci si ritrova in un ambiente chiuso con l'aria condizionata. Qui un uso delle mascherine più generoso è sicuramente benvenuto. Lo stesso vale per i mezzi di trasporto. La mascherina è una buona soluzione».

«L'aria condizionata - spiega il medico -, se non è un fattore di rischio, è un elemento in più che può favorire la diffusione del virus soprattutto in un ambiente, come quello di lavoro, in cui ci sono tante persone e c'è una ventilazione importante».

Anche nel fare la spesa al supermercato il suggerimento è sempre quello della mascherina: «Un contatto ravvicinato è a rischio quando la distanza è inferiore ai due metri e si protrae per almeno un quarto d'ora. Incrociarsi sul marciapiede non dovrebbe far paure. In un negozio affollato è vero che ci si incrocia per pochi secondi, ma la mascherina è meglio tenerla».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
Vacallo
11 min
Da otto anni, Edo Pellegrini chiede spiegazioni al Municipio sul fondo 451
Ci sono un sentiero impraticabile, una costruzione di utilità non specificata e delle domande rimaste senza risposta
STABIO
3 ore
Non accetta il salario fuorilegge: licenziata
Alle dipendenze della sua azienda da cinque anni, la donna è stata messa alla porta.
CANTONE / SVIZZERA
4 ore
«Spostarli nel Luganese non è una soluzione»
Simonetta Sommaruga ha risposto a Marco Romano, che si è fatto portavoce delle preoccupazioni dei comuni momò.
FAIDO
9 ore
Alcuni bimbi in sciopero: niente scuola
Genitori in protesta. Manifestazione pacifica contro l'obbligo della mascherina durante le lezioni.
CANTONE
10 ore
Otto arresti per droga
I soggetti finiti in manette sono sospettati di aver preso parte allo smercio tra Albania, Italia e Ticino.
CANTONE
11 ore
Altre 20 classi in quarantena
Si tratta di 15 sezioni di scuola elementare e 5 di scuola dell'infanzia. Il totale sale a quota 62
CANTONE
11 ore
In Ticino oltre 400 casi e tre decessi nel weekend
I pazienti Covid ospedalizzati salgono a quota 77.
CANTONE
12 ore
Controlli e multe in vista per chi è al telefono alla guida
L'operazione della Polizia cantonale ha il via già da questo mese.
CANTONE
13 ore
Per rimpiazzare i boomer non basteranno i salari
In vista del pensionamento di massa dei boomer è necessario, secondo l'AITI, puntare di più sulle condizioni di lavoro.
CANTONE
15 ore
Passa da Berset il caso dei neo-psicologi non riconosciuti
Il Consiglio di Stato ha scritto al ministro dell'Interno proponendo una soluzione
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile