tipress
Maurizio Merlo
LUGANO
12.05.20 - 06:320
Aggiornamento : 10:24

«A licenziare ho cominciato da me»

Maurizio Merlo ha fatto un passo indietro da direttore dell'Aeroporto di Agno. Il futuro? «Chissà»

LUGANO - L'uomo dei cieli ha ripiegato le ali, e le ha appese al chiodo. Almeno per ora. Maurizio Merlo da fine mese sarà senza lavoro. Il direttore dell'aeroporto di Lugano è tra i 41 dipendenti che hanno perso il posto con la liquidazione dello scalo di Agno, affondato dall'epidemia di Covid-19

Pilota di lungo corso, ex direttore di Darwin Airline e poi di Lugano Airport (dal 2017), il 58enne di Novazzano non rientra tra i 22 dipendenti che traghetteranno l'aeroporto verso la "fase due", quella dell'aviazione privata. Perché? E quali prospettive vede per l'aviazione in Ticino? Lo abbiamo intervistato. 

Direttore Merlo, ha abbandonato l'aereo in mezzo alla tempesta?
«Non direi. Ho sempre creduto e continuo a credere nell'aeroporto di Lugano. Al momento faccio parte del gruppo di lavoro che accompagnerà la transizione dalla proprietà pubblica ai nuovi proprietari, privati. Un lavoro importante e delicato». 

Come ha preso la notizia della liquidazione?
«Con grande tristezza. Siamo tutti molto abbattuti: soprattutto per i dipendenti che dal mese prossimo rimarranno senza lavoro». 

Sono 41 su un totale di 63. C'è anche lei
«Con una struttura fortemente ridimensionata e un'operazione di traghettamento da portare avanti, la figura del direttore generale sarebbe stata solo di peso, dal punto di vista finanziario. Rimanere non aveva senso. È giusto così».

È stato lei a fare un passo indietro? O l'hanno messa alla porta?
«È stata una mia scelta: ho presentato io il piano strutturale sul nuovo assetto dell'aeroporto, e mi sono auto-escluso. Andavano fatte delle scelte per il bene dell'aeroporto, non di Maurizio Merlo». 

Lei ha lavorato per 30 anni ad Agno. In futuro, cosa farà?
«È presto per dirlo ora. Tengo tantissimo a questo scalo, e adesso voglio fare la mia parte per garantirgli un futuro». 

In questo futuro potrebbe esserci di nuovo lei al timone?
«Da parte mia non escludo niente. Ripeto: mi sono impegnato da sempre e mi impegnerò ancora per l'aeroporto. Ma la decisione spetterà ai nuovi proprietari». 

Si sono già fatti avanti degli offerenti?
«Dei contatti c'erano stati in passato, ma adesso è il momento di quagliare. Il tempo stringe, entro fine anno dovremo passare alla fase successiva». 

Qualche rimpianto, per come sono andate le cose?
«Mi dispiace che la popolazione non abbia potuto esprimersi democraticamente, e dire se voleva o no un aeroporto pubblico. Ma è andata così». 

Il coronavirus ha dato la "mazzata" finale. 
«È stata da subito una strada in salita. Il fallimento di Adria e di Skywork, Swiss che ha abbandonato la tratta Lugano-Zurigo. Poi la scelta del referendum, e alla fine ci si è messa l'epidemia». 

L'aviazione si riprenderà dal Covid-19?
«L'aviazione era già in difficoltà prima del coronavirus. La storia dei cieli è fatta di continui alti e bassi, ma sono convinto che ci sarà una ripresa». 

Anche a Lugano?
«Ovunque gli aeroporti sono vettori di crescita per i territori che li ospitano. Ad Agno i privati manterranno l'aviazione generale, e poi ristruttureranno lo scalo in attesa di vedere gli scenari futuri. Bisognerà aspettare e avere pazienza, ma sono fiducioso. In particolare sulla tratta Lugano-Ginevra, che è sempre stata importante».   

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
miba 3 mesi fa su tio
Io dubito fortemente però......... :):):)
gigipippa 3 mesi fa su tio
Chissà se le varie indennità verranno calcolate con un sistema all`americana, mediante un fattore favorevole a chi a già guadagnato tanto?
seo56 3 mesi fa su tio
E per fortuna!
miba 3 mesi fa su tio
Il giornalista ha dimenticato una domanda e cioè nel gruppo di lavoro che accompagnerà la transizione dalla proprietà pubblica ai nuovi proprietari privati a quanto ammonta il compenso che percepisce? Uguale, minore o superiore del salario che aveva?
albertolupo 3 mesi fa su tio
@miba Ma gratis, no?
vulpus 3 mesi fa su tio
@albertolupo Volete sapere troppo..
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
1 ora
Il Covid colpisce anche via Nassa
Bucherer licenzia, ma tutto il settore orologiero in Ticino è in difficoltà. «Mancano i clienti arabi e americani»
CANTONE
2 ore
Gobbi sorpreso dalla decisione sugli eventi: «Si parlava di fine anno»
Secondo il Presidente del Governo cantonale, la decisione porrà molte competenze e costi sulle spalle dei cantoni
CANTONE
3 ore
Pornografia fra minorenni: «A chi sgarra confischiamo il telefono»
Il fenomeno dello scambio di materiale via chat o social è in aumento. Così come le segnalazioni alla magistratura.
CONFINE
5 ore
Pregiudicato napoletano estradato a Ponte Chiasso
Gravi capi d'imputazione, da omicidio ad associazione mafiosa. Avrebbe dovuto trovarsi in custodia cautelare a Napoli
FOTO
MESOCCO (GR)
8 ore
Centro sportivo vittima dei ladri
Qualcuno si è introdotto nel locale dopo aver tentato di sfondare la vetrina e aver rotto alcune finestre
SONDAGGIO
CANTONE
9 ore
«I turisti persi tra marzo e maggio non si possono recuperare»
Per gli alberghi ticinesi si prospetta un calo del giro d'affari di almeno il 25%, nonostante il turismo interno
CANTONE
10 ore
Covid, due mesi senza decessi
È di 3'460 il totale dei tamponi finora risultati positivi da inizio pandemia nel nostro cantone.
FOTOGALLERY
BREGAGLIA (GR)
11 ore
Non solo acqua per produrre energia
Oltre 1'200 pannelli sono stati posati sulla diga dell'Albigna. Sarà il più grande impianto solare alpino in Svizzera.
AGNO
14 ore
Scintille tra e-biker e pedoni
La convivenza sulla frequentata passeggiata "Bill Arigoni" è messa a rischio dalla velocità dei ciclisti
CANTONE / LIBANO
14 ore
Un ticinese a Beirut: «Vivo per miracolo»
L'ex granconsigliere ha raccontato la sua esperienza durante gli scoppi: «L'appartamento è completamente distrutto»
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile