Paura e "tasche vuote" tirano il freno della corsa al drink
keystone
CANTONE
11.05.20 - 07:000
Aggiornamento : 10:24

Paura e "tasche vuote" tirano il freno della corsa al drink

Questo, almeno, stando ai risultati del sondaggio dell'Istituto di ricerche economiche

I motivi? Dal timore di una seconda ondata al peggioramento delle condizioni economiche

LUGANO - Corsa all'aperitivo con la riapertura dei locali pubblici? Sembra di no. Almeno stando ai risultati del sondaggio, realizzato dall'Istituto di ricerche economiche (Ire) e lanciato negli scorsi giorni su Tio/20Minuti.

«Estrema cautela» - Altro che code e attese, quello che si paventa all'orizzonte è uno scenario di estrema cautela nel riprendere le proprie abitudini. «Solo una minoranza della popolazione prevede (infatti) di ricominciare a frequentare i locali dal primo giorno di apertura (15%), circa un terzo prevede di riprendere a consumare fuori nella prima settimana, mentre circa il 40% non si aspetta di ritornare a frequentare i locali pubblici prima di un mese», sottolinea l'Ire nel suo rapporto.

«Paura di una seconda ondata» - A tirare il freno dei consumi, conferma il sondaggio, è principalmente «il timore che un'eventuale seconda ondata possa generare una ulteriore pressione al sistema sanitario (61%) e condurre a ulteriori chiusure delle attività economiche (59%)». Il divieto di assembramenti (52%), le limitazioni alla socialità (47%) e il timore di contrarre il virus personalmente (45%) rappresentano «altri fattori di disincentivo alla frequentazione dei locali».

Il peggioramento delle condizioni economiche - Sono in pochi (22%) a considerare l’abitudine a stare in casa «un deterrente per uscire meno alla riapertura dei locali pubblici», ma per quasi un quarto dei rispondenti (il 24%) la frequentazione dei locali pubblici diminuirà piuttosto «a causa di un peggioramento delle condizioni economiche».

Rischio di una contrazione del 30% - Il fattore economico non va trascurato anche perché «tutte le tipologie di consumo rischiano di subire una contrazione intorno al 25-30%», e ciò in funzione di un risparmio da parte dei cittadini.

Alternative al ristorante - Le alternative sono le più ovvie. L'83% si affiderà alle proprie doti culinarie, mentre - molto più distanziati -  seguono il consumo a casa di pietanze comprate nei locali pubblici (21% l’asporto, 18% il delivery).

Sì al cameriere con i guanti, no all'extra per le misure di protezione - I risultati del sondaggio riportano infine come i rispondenti «preferiscano andare al ristorante con i tavoli distanziati», mentre non trova grandi sostenitori la possibilità di separare i tavoli con pannelli di plexiglass. Se poi è gradito il cameriere con «guanti e mascherine», vi è meno propensione ad «accettare il ritiro della pietanza al bancone». Un supplemento per le misure extra? «I clienti non sembrano intenzionati a contribuire».

Il sondaggio

Hanno partecipato al sondaggio 4’388 cittadini. Tra questi, 2'835 questionari sono stati considerati validi per l’analisi dei dati, corrispondenti al 65% del totale di coloro che lo avevano cominciato. Il campione è composto dal 45,7% di donne e dal 54,3% di uomini. L’età media dei rispondenti è di 45 anni, la distribuzione risulta piuttosto eterogenea, ma rispetto alla popolazione ticinese rappresenta maggiormente la parte compresa tra i 26 e i 60 anni e meno quella non compresa in tale fascia di età. La maggior parte dei rispondenti registra un reddito netto compreso tra i 40'000 e i 60'000 CHF annui, con una media stimata leggermente superiore alla mediana ticinese. I rispondenti sono per la maggior parte ticinesi (93%), ma si registra anche la presenza di persone residenti in altri cantoni in svizzera (5%) o in italia (2%), soprattutto in Lombardia.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
2 ore
Certificato Covid, le proposte che non convincono il Ticino
Il Consiglio di Stato ha risposto alla consultazione del Consiglio federale sullo sviluppo del pass.
SVIZZERA
7 ore
L'aereo è partito senza Chiesa
Il presidente Udc doveva partecipare a un viaggio di rappresentanza negli Stati Uniti. Ma è rimasto bloccato al check-in
CANTONE
9 ore
Donazione di sangue: a decine tra politici e dipendenti cantonali
Per 27 di loro si è trattato della prima donazione.
LUGANO
13 ore
Infortunio sul lavoro a Cadro, 59enne in fin di vita
L'uomo è caduto da un'altezza di circa un metro e mezzo, battendo la testa. La sua vita è in pericolo.
BELLINZONA
13 ore
Altre 28 postazioni per il bike sharing di Bellinzona
Il Municipio intende aumentare ulteriormente il numero di biciclette disponibili sul territorio comunale
CANTONE
14 ore
I nuovi contagi in Ticino sono 36
Quattro le sezioni in quarantena nelle scuole ticinesi
CANTONE
16 ore
Tecnologie: «Si sta creando una tribù di esclusi»
Il "divario digitale" si è amplificato con la pandemia. Serenella Morinini, 73enne valmaggese, suona la carica.
LUGANO
16 ore
L'uomo che vuole costruire lo stadio
Chi è l'imprenditore che realizzerà il Polo Sportivo, votazione permettendo? Lo abbiamo intervistato.
LOCARNO
18 ore
Colpo di spugna alla Santa Chiara: disdetta all'ex direttrice e altri 3 medici
Tre allontanati subito. Il quarto dovrà lasciare a fine anno. Contestate loro gravi manchevolezze di tipo gestionale
Massagno
18 ore
Per Elisa ci vogliono 18 milioni
L'edificio ha un valore di stima peritale di 18 milioni e mezzo
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile