Keystone - foto d'archivio
CANTONE
08.05.20 - 14:390
Aggiornamento : 15:07

«Homeworking per chi vive con persone a rischio»

PPD e PS si uniscono per sottoporre al Consiglio di Stato le difficoltà di alcuni collaboratori dell'ente pubblico.

Il sindacato VPOD chiede di favorire il telelavoro anche a chi deve fare lunghi tragitti per recarsi in ufficio

BELLINZONA - Tra i dipendenti cantonali che si ritrovano in difficoltà a dover tornare fisicamente in ufficio non ci sono solo i genitori. È questo il concetto della lettera aperta indirizzata al Consiglio di Stato da Fiorenzo Dadò e Fabrizio Sirica.

In particolare, il presidente cantonale del PPD e il co-presidente del PS attirano l’attenzione del Governo su «quei dipendenti che vivono in casa con persone a rischio, per esempio genitori o parenti che hanno un’età superiore ai 65 anni, presentano una salute precaria o necessitano di un aiuto frequente». In questo momento in cui, per motivi di protezione, non è sempre possibile affidarli a badanti o centri diurni, spesso sono i figli/nipoti a doversene occupare.

«Se per i genitori di bambini piccoli è stata prevista la possibilità di proseguire con il telelavoro, sembra strano che non sia stata estesa questa misura anche a questa particolare fascia di dipendenti altrettanto in difficoltà nell’organizzare la cura della propria famiglia» scrivono Dadò e Sirica.

Al Consiglio di Stato viene pertanto chiesto di «considerare la possibilità di favorire il telelavoro anche per chi vive a stretto contatto con persone a rischio e che necessitano di cure quotidiane».

Il Sindacato VPOD Ticino si unisce alla voce di Dadò e Sirica. «La nuova comunicazione del Consiglio di Stato sulle condizioni di lavoro dei dipendenti cantonali dall'11 maggio 2020 non è purtroppo stata messa in consultazione ai sindacati del personale pubblico» precisa. E chiede pure di accordare il telelavoro (in tutto o in parte) ai dipendenti che devono fare lunghi tragitti con i mezzi pubblici e usufruiscono di un abbonamento TILO.

«Questa modalità di lavoro andrebbe promossa in generale anche per i dipendenti che si muovono con i mezzi privati - aggiunge il VPOD -, nell’ottica di una risposta proattiva all’emergenza climatica».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
12 min
I più scattanti con il "booster" agli over16
A questa cifra vanno aggiunte le persone che si sono rivolte alle farmacie e agli studi medici
RIAZZINO
2 ore
Al Vanilla la musica resta spenta
Il Consiglio federale è andato incontro alle discoteche. Ma la struttura di Riazzino mantiene la propria decisione
BELLINZONA
3 ore
Il villaggio natalizio di Bellinzona solo per vaccinati e guariti
Per il mercato del sabato e i mercatini in programma varrà invece l'obbligo di mascherina
Ticino
3 ore
Ecco dove verranno posizionati i radar la prossima settimana
La polizia ricorda che «la velocità elevata permane una delle maggiori cause d'incidenti»
CANTONE
4 ore
La cucciolata che non intenerisce gli allevatori
Il nascita di tre lupacchiotti è «una cattiva notizia» commenta l'associazione per la protezione dai predatori
LUGANO
5 ore
Obbligo di mascherina in centro a Lugano
La misura scatta domani, sabato 4 dicembre, nella zona pedonale della città
SVIZZERA
6 ore
Niente test a scuola, il sindacato protesta
Il Vpod/Ssp invoca una maggiore protezione dell'insegnamento in presenza
CANTONE
9 ore
Gli anni ticinesi di Highsmith in un documentario
Le riprese del film sono di recente iniziate sul Lago Maggiore e in Valle Maggia
CANTONE
10 ore
In Ticino il booster è per tutti
Da subito tutti gli over 16 che hanno ricevuto la seconda dose da almeno sei mesi possono prenotare il richiamo
CANTONE
11 ore
In Ticino 186 nuovi contagi e altre 13 classi in quarantena
Sono 67 i pazienti Covid che attualmente si trovano negli ospedali del nostro cantone
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile