Immobili
Veicoli
Keystone - foto d'archivio
CANTONE
08.05.20 - 14:390
Aggiornamento : 15:07

«Homeworking per chi vive con persone a rischio»

PPD e PS si uniscono per sottoporre al Consiglio di Stato le difficoltà di alcuni collaboratori dell'ente pubblico.

Il sindacato VPOD chiede di favorire il telelavoro anche a chi deve fare lunghi tragitti per recarsi in ufficio

BELLINZONA - Tra i dipendenti cantonali che si ritrovano in difficoltà a dover tornare fisicamente in ufficio non ci sono solo i genitori. È questo il concetto della lettera aperta indirizzata al Consiglio di Stato da Fiorenzo Dadò e Fabrizio Sirica.

In particolare, il presidente cantonale del PPD e il co-presidente del PS attirano l’attenzione del Governo su «quei dipendenti che vivono in casa con persone a rischio, per esempio genitori o parenti che hanno un’età superiore ai 65 anni, presentano una salute precaria o necessitano di un aiuto frequente». In questo momento in cui, per motivi di protezione, non è sempre possibile affidarli a badanti o centri diurni, spesso sono i figli/nipoti a doversene occupare.

«Se per i genitori di bambini piccoli è stata prevista la possibilità di proseguire con il telelavoro, sembra strano che non sia stata estesa questa misura anche a questa particolare fascia di dipendenti altrettanto in difficoltà nell’organizzare la cura della propria famiglia» scrivono Dadò e Sirica.

Al Consiglio di Stato viene pertanto chiesto di «considerare la possibilità di favorire il telelavoro anche per chi vive a stretto contatto con persone a rischio e che necessitano di cure quotidiane».

Il Sindacato VPOD Ticino si unisce alla voce di Dadò e Sirica. «La nuova comunicazione del Consiglio di Stato sulle condizioni di lavoro dei dipendenti cantonali dall'11 maggio 2020 non è purtroppo stata messa in consultazione ai sindacati del personale pubblico» precisa. E chiede pure di accordare il telelavoro (in tutto o in parte) ai dipendenti che devono fare lunghi tragitti con i mezzi pubblici e usufruiscono di un abbonamento TILO.

«Questa modalità di lavoro andrebbe promossa in generale anche per i dipendenti che si muovono con i mezzi privati - aggiunge il VPOD -, nell’ottica di una risposta proattiva all’emergenza climatica».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
5 min
Altri 1'262 positivi, ma nessuna nuova vittima
Stabile il numero di ricoveri in ospedale causa Covid: 166. Ma si registra una persona in più in terapia intensiva.
CANTONE
2 ore
«Don Tamagni si sente come se il mondo gli fosse crollato addosso»
La solitudine del prete in carcere per avere rubato 800.000 franchi. Nonostante tutto, riceve visite e sostegno.
CANTONE
2 ore
La merla porta la coperta
Pioggia gelida a nord delle Alpi, ma in Ticino le temperature toccheranno i 15 gradi, anche nel weekend
AGNO
11 ore
L'operaio schiacciato da un macchinario è deceduto
Si tratta di un 51enne svizzero domiciliato nel canton Zurigo.
LUGANO
15 ore
Frontaliere, ma «vive in Marocco»
Nuovi dettagli sul caso del presunto prestanome della 'ndrangheta con un piede in Ticino
LUGANO
17 ore
Lugano, dopo anni in calo, diventa più grande
Nel corso del 2021 la popolazione è aumentata di 95 unità.
CANTONE
18 ore
«La cassa nera mi è stata ordinata»
Al Tribunale militare parlano l’ex comandante Antonini e l’ex capo dello stato maggiore delle guardie di confine
RIVERA
19 ore
Un altro weekend di tamponi
Riapre domenica il centro della Protezione civile di Rivera. Ecco dove farsi testare il 28 e 29 gennaio
CANTONE
21 ore
Don Tamagni, proposti sei mesi da scontare, altri 27 sospesi
Tra appropriazione indebita e truffa, il parroco ha estorto oltre 900mila franchi.
CANTONE
22 ore
«L’atto d’accusa è un pasticcio»
Chiesto (e negato) il rinvio del processo nei confronti dell’ex comandante delle guardie di confine Antonini.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile