Tipress
LUGANO
08.05.20 - 14:220

L’aeroporto “ridecolla” con 41 posti in meno

Lugano Airport, in liquidazione, ha scelto il personale che farà parte della nuova struttura

Il team ridotto, nella fase ribattezzata Transition, avrà 21 collaboratori che lavoreranno sotto la gestione della Città

LUGANO - Tutto a bordo, ma con 41 posti in meno. È una giornata triste per il nuovo corso dell’aeroporto, che con la liquidazione di Lugano Airport (Lasa), manterrà un team ridotto all’osso. Sono 21 i dipendenti della nuova struttura che garantirà per conto della Città di Lugano l’operatività dello scalo fino al subentro previsto dei privati.

L’annuncio ai collaboratori è stato fatto oggi da Lasa, che ha ringraziato le persone a cui - si legge in una nota della società - «non è stato possibile offrire l'opportunità di continuare la loro apprezzata collaborazione nel nuovo progetto». 

La scelta su chi tenere dopo il 1. giugno non è stata semplice, sottolinea la società: «Considerate le ottime qualifiche dei collaboratori, la scelta delle persone che compongono il team che dovrà garantire la continuità operativa dell'aeroporto è stata molto difficile». I criteri adottati sono stati due: «La copertura delle funzioni operative richieste dall'Ufficio federale dell'aviazione civile (UFAC) e la tipologia di servizi erogati a partire dal 1. giugno. Si è tenuto conto, in particolare, delle certificazioni del personale e della possibilità di essere "multifunzionali"». 

La nuova struttura, come detto, impiegherà 21 collaboratori. Capo d’aerodromo è stata confermata Julia Detourbet, attiva in questo ruolo dal 2013. A 41 collaboratori invece, stata purtroppo comunicata la cessazione del rapporto di impiego. «La Città di Lugano - si legge ancora nel comunicato - si è impegnata a fornire un supporto per favorire il loro ricollocamento».

Il progetto Transition, questo il nome scelto per inaugurare l’era senza aviazione civile, è scaturito dal gruppo di lavoro costituito dal Municipio di Lugano nel mese di marzo per cercare in via prioritaria una soluzione - seppure transitoria e con alcune limitazioni negli orari di apertura - atta a garantire la continuità operativa dell'aeroporto. Obiettivo: «Permettere agli operatori, alle aziende e ai privati che hanno nello scalo un punto di interesse economico e lavorativo di pianificare la loro attività, compatibilmente con il particolare momento legato alla pandemia Covid-19. Una chiusura temporanea dello scalo avrebbe, infatti, ulteriormente aggravato le conseguenze negative già indotte dal periodo di lockdown» sottolinea Lasa. 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
user1010 1 anno fa su tio
Da fonti interne, su 21 persone hanno tenuto 11 capi, tra i quali sempre la direzione totalmente incompetente comandata dalla bionda che si spaccia per pilota.. che vergogna. Lasciato a casa persone sposate che lavorano entrambi in aeroporto e padri di figli per tenere ragazzi senza figli e non sposati, solo basandosi su chi leccava di più il sedere.. Parlano di scelte multifunzionali quando molti di quelli che sono rimasti non hanno esperienza nella aviazione generale o non sono completamente formati. La città di Lugano può prendersi a carico stipendi altissimi di 11 capi ma non riesce a trovare lavoro a chi ne è rimasto senza. Vergognoso.. Era meglio che chiudesse a sto punto piuttosto che vedere queste cose. Spero che salti fuori la verità.
centauro 1 anno fa su tio
@user1010 Se è vero ciò che scrivi penso che ci sia da preoccuparsi non poco per questa gestione, vorrei vedere se una normale azienda si potrebbe permettere certe scelte, ma quando sono i contribuenti a pagare con le tasse allora tutto è possibile.
user1010 1 anno fa su tio
@centauro Ti posso assicurare che è vero. La persona che me lo ha riferito è stato lasciato a casa.
user1010 1 anno fa su tio
@centauro È verissimo..infatti spero che venga fatta una indagine su come mai soprattutto in un periodo di forte crisi economica, la città di Lugano si sia presa a carico 11 stipendi da capogiro, lasciando a casa persone più qualificate. Mi auguro che venga fatta luce
centauro 1 anno fa su tio
@user1010 Mah...vedremo, almeno dovrebbero in futuro dare delle spiegazioni in merito.
pontsort 1 anno fa su tio
Ma l'italiano non lo parla più nessuno?
miba 1 anno fa su tio
Ciao seo56, pienamente d'accordo con te :)
streciadalbüter 1 anno fa su tio
seo56,ben detto.L`aeroporto di agno é uno zombie che succhia soldi ai contribuenti.
seo56 1 anno fa su tio
Ma chiudetelo questo “morto che cammina“. Basta sperpero di denaro pubblico.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LOCARNO
16 ore
Solduno, un giovane «psichicamente instabile»
Il 20enne che ha sparato alla ex fidanzata è accusato di tentato assassinio. Chiesta una perizia psichiatrica
SOLDUNO
20 ore
È salva la 22enne, giallo sul fucile
Sparatoria a Solduno: le condizioni della giovane sono stabili. Intanto riprendono gli interrogatori
MENDRISIO
21 ore
Il car-pooling salverà Ligornetto?
Un'interrogazione del gruppo Lega-Udc-Udf propone di puntare sulla modalità condivisa
CURIO
1 gior
Cede un pannello di legno, gravi ferite per un 49enne
L'infortunio è avvenuto questo tardo pomeriggio in un'abitazione privata di Curio.
CANTONE
1 gior
Quando le recinzioni sono trappole letali per la selvaggina
In Svizzera si stima che ogni anno migliaia di animali muoiano a causa dei mezzi di cinta.
AIROLO
1 gior
Lo scatto che gli salvò la vita
Vent'anni fa Oliviero Toscani entrava in galleria dietro al camion della tragedia
LOCARNO
1 gior
Sparatoria di Solduno, l'ex compagno non poteva avvicinarsi
Prima di esplodere i colpi, il 20enne ha probabilmente rincorso la malcapitata giù per le scale.
CANTONE
1 gior
Più radar nel Luganese che in tutto il resto del cantone
La lista dei controlli della velocità annunciati per la settimana dal 25 al 31 ottobre sulle strade del nostro cantone
CANTONE
1 gior
Trasparenza totale in politica: «Giù le maschere!»
Il caso Fidinam-Pandora riporta d'attualità il tema delle «relazioni d'interesse» tra politica e parastato
CANTONE
1 gior
Mobilità e Covid: «È evidente che qualcosa è cambiato in peggio»
Un'interrogazione di Marco Passalia chiede al Consiglio di Stato di chinarsi sulla situazione dei trasporti ticinesi
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile