tipress
CANTONE
07.05.20 - 10:510
Aggiornamento : 13:07

Quanto siamo spiati, in Ticino?

La statistica degli 007: intercettazioni in calo. Ma restiamo tra i cantoni più sorvegliati

LUGANO - Sempre in ascolto, senza farsi sentire. Tra telefonate, e-mail, messaggi social di vario tipo, gli 007 hanno avuto parecchio da fare negli ultimi tempi. La sorveglianza sulla popolazione in Ticino si è allentata, dopo gli anni del terrorismo islamico: ma la guardia rimane alta. 

A dirlo è il rapporto annuale pubblicato dal Servizio delle attività informative della Confederazione (SIC), che ha reso noti giovedì i numeri delle attività di "spionaggio" telematico nel 2019. 

Intercettazioni di telefonate, messaggi controllati in "real time": le misure di sorveglianza in tempo reale sono diminuite, a livello svizzero, passando da 1676 nel 2018 a 1429 nel 2019 (-15 per cento). In aumento invece le misure di sorveglianza retroattiva, ossia il tracciamento dei contatti avuti dai soggetti nel mirino delle autorità: chi ha telefonato a chi, quando, dove e per quanto tempo. 

Grazie anche alle nuove tecnologie disponibili - si legge nel rapporto - le Procure dei 26 Cantoni hanno potuto ordinare 6550 verifiche, l'anno scorso erano state 5225.

In Ticino sono stati 184 i controlli a posteriori effettuati dalla Polizia cantonale, e 27 invece quelli in tempo reale. I numeri sono inferiori a quelli dell'anno scorso (rispettivamente 201 e 34) e più che dimezzati rispetto al 2015, quando il SIC aveva effettuato nel nostro cantone un totale di 594 intercettazioni (347 retroattive, 247 in tempo reale). 

Era il periodo degli attentati terroristici, quando il Ticino era in testa alla classifica nazionale per numero di ricerche "complesse" sulla popolazione. Le indagini amministrative su persone sospette (raccolta di documenti, informazioni da altri paesi) hanno toccato un picco quattro anni fa (803 dossier) per poi scendere progressivamente. L'anno scorso sono stati condotti 650 accertamenti: comunque tanti. Solo Zurigo supera il Ticino (1068 dossier) in termini assoluti. 

Il rapporto comprende anche le ricerche dei condannati da assicurare alla giustizia (24 in Svizzera, 0 in Ticino) e le misure di sorveglianza disposte per ritrovare persone disperse, escursionisti coinvolti in incidenti o bambini scomparsi. Questi ultimi casi sono aumentati in Ticino: 53 l'anno scorso, contro i 30 dell'anno precedente (nel 2015 erano stati solo 17).

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
2 ore
Il Covid colpisce anche via Nassa
Bucherer licenzia, ma tutto il settore orologiero in Ticino è in difficoltà. «Mancano i clienti arabi e americani»
CANTONE
2 ore
Gobbi sorpreso dalla decisione sugli eventi: «Si parlava di fine anno»
Secondo il Presidente del Governo cantonale, la decisione porrà molte competenze e costi sulle spalle dei cantoni
CANTONE
4 ore
Pornografia fra minorenni: «A chi sgarra confischiamo il telefono»
Il fenomeno dello scambio di materiale via chat o social è in aumento. Così come le segnalazioni alla magistratura.
CONFINE
5 ore
Pregiudicato napoletano estradato a Ponte Chiasso
Gravi capi d'imputazione, da omicidio ad associazione mafiosa. Avrebbe dovuto trovarsi in custodia cautelare a Napoli
FOTO
MESOCCO (GR)
8 ore
Centro sportivo vittima dei ladri
Qualcuno si è introdotto nel locale dopo aver tentato di sfondare la vetrina e aver rotto alcune finestre
SONDAGGIO
CANTONE
10 ore
«I turisti persi tra marzo e maggio non si possono recuperare»
Per gli alberghi ticinesi si prospetta un calo del giro d'affari di almeno il 25%, nonostante il turismo interno
CANTONE
11 ore
Covid, due mesi senza decessi
È di 3'460 il totale dei tamponi finora risultati positivi da inizio pandemia nel nostro cantone.
FOTOGALLERY
BREGAGLIA (GR)
11 ore
Non solo acqua per produrre energia
Oltre 1'200 pannelli sono stati posati sulla diga dell'Albigna. Sarà il più grande impianto solare alpino in Svizzera.
AGNO
15 ore
Scintille tra e-biker e pedoni
La convivenza sulla frequentata passeggiata "Bill Arigoni" è messa a rischio dalla velocità dei ciclisti
CANTONE / LIBANO
15 ore
Un ticinese a Beirut: «Vivo per miracolo»
L'ex granconsigliere ha raccontato la sua esperienza durante gli scoppi: «L'appartamento è completamente distrutto»
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile