keystone-sda.ch / STF (Antonio Calanni)
Importante scoperta compiuta in Veneto dai ricercatori dell'Istituto oncologico di ricerca (IOR) di Bellinzona.
CANTONE / ITALIA
07.05.20 - 00:010
Aggiornamento : 06:33

Farmaci contro il cancro alla prostata, scudo contro il Covid-19?

La scoperta è stata compiuta in Veneto da ricercatori dell'Istituto oncologico di ricerca (IOR) di Bellinzona

BELLINZONA - Essere in cura contro un cancro alla prostata potrebbe proteggere dall'infezione da Sars-CoV-2.

Secondo uno studio condotto da ricercatori dell'Istituto oncologico di ricerca (IOR) di Bellinzona in Veneto, i malati di tumore prostatico trattati con farmaci che inibiscono gli effetti degli ormoni sessuali maschili (terapia di deprivazione androgenica, Adt) hanno meno probabilità di contrarre Covid-19 e, se infettati, sviluppano la patologia in forma meno grave.

I ricercatori dello IOR guidati da Andrea Alimonti, professore all'Istituto di ricerca in biomedicina (IRB) dell'Università della Svizzera italiana (USI), all'Università di Padova e al Politecnico federale di Zurigo, hanno osservato che su 4'532 uomini contagiati dal nuovo coronavirus il 9,5% (430) aveva un cancro e il 2,6% (118) lo aveva alla prostata, rivela lo studio pubblicato sulla rivista specializzata "Annals of Oncology".

Ma benché in generale i pazienti con tumore abbiano un rischio di Covid-19 quasi doppio (1,8 volte più alto) e maggiori probabilità di aggravarsi, quando Alimonti e i suoi colleghi hanno esaminato tutti i pazienti con carcinoma prostatico della regione Veneto hanno fatto una scoperta: solo 4 sui 5'273 trattati con Adt hanno sviluppato Covid-19 e nessuno è morto. Dei 37'161 malati di tumore alla prostata non curati con Adt, invece, 114 hanno contratto il Covid-19 e 18 sono deceduti. E su 79'661 pazienti con altri tipi di cancro, 312 hanno sviluppato il Covid-19 e 57 sono morti.

«I pazienti con carcinoma prostatico sottoposti a terapie Adt avevano un rischio significativamente ridotto, di 4 volte, di ammalarsi di Covid-19 rispetto ai pazienti con tumore alla prostata che non avevano ricevuto Adt - spiega Alimonti -. E rispetto ai pazienti con qualsiasi altro tipo di cancro, quelli con carcinoma prostatico trattati con Adt, avevano un rischio d'infezione oltre 5 volte minore».

L'idea degli autori è che, in prospettiva e se altre ricerche valideranno la tesi pubblicata, anche gli uomini senza cancro alla prostata, ma ad alto rischio di Covid-19 potrebbero assumere trattamenti Adt per un periodo di tempo limitato in modo da prevenire l'infezione, mentre in quelli contagiati si potrebbero utilizzare Adt per cercare di ridurre la gravità dei sintomi.

«Spero che i nostri risultati inducano altri ricercatori a condurre studi clinici utilizzando un trattamento temporaneo con Adt in uomini infettati da Sars-CoV-2, oltre ad altre terapie sperimentali», auspica Alimonti.

«Sebbene debbano essere ulteriormente validati su altre grandi coorti di pazienti», tiene a precisare, «questi dati forniscono una risposta all'ipotesi che i livelli di ormoni androgeni possano facilitare le infezioni da coronavirus e aumentare la gravità dei sintomi, come è stato osservato nei pazienti maschi» rispetto alle donne.

Fabrice André, redattore capo degli "Annals of Oncology" e direttore della ricerca all'Istituto Gustave Roussy di Villejuif, in Francia, spiega che «abbiamo deciso di pubblicare questo studio perché fornisce un razionale per valutare l'efficacia della terapia Adt nei pazienti Covid. Tuttavia - avverte - lo studio non fornisce una conclusione definitiva sul ruolo dei trattamenti anti-androgeni nei contagiati da nuovo coronavirus, e questa classe di farmaci non dovrebbe essere utilizzata a questo scopo fino a quando futuri studi clinici non ne avranno confermato l'efficacia».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CONFINE
4 ore
La Provincia di Como sarà zona arancione rafforzata
Chiuderanno le scuole in presenza. Anche Viggiù (Varese), finora in fascia rossa, passerà all'arancione.
SONDAGGIO
CANTONE
6 ore
«Riaprite i ristoranti, altrimenti i negozi faranno fatica»
I negozianti sono tornati al lavoro «con sollievo e la speranza di non dover nuovamente chiudere»
LOCARNO
8 ore
«Chiusi per Pasqua? Sarebbe una beffa»
L'Organizzazione turistica Lago Maggiore e Valli auspica la riapertura di bar e ristoranti per il prossimo 22 marzo.
CANTONE
12 ore
Denuncia "il malandazzo" in ufficio, parte la procedura di licenziamento
Sul caso avvenuto all'Istituto delle assicurazioni sociali (IAS) l'MPS ha presentato un'interpellanza
FOTO E VIDEO
CANTONE
12 ore
«La gente ha voglia di uscire e fare shopping»
Dopo quarantadue giorni di chiusura a causa della pandemia, oggi è avvenuta l'attesa riapertura dei negozi
CANTONE
15 ore
«Pensavo di aver visto tutto a 80 anni, ma sono finito in prigione»
Don Azzolino Chiappini rompe il silenzio, a qualche giorno dal decreto di abbandono per "sequestro di persona"
CANTONE
15 ore
Assembramenti e mascherina: in Ticino sono scattate 490 multe
È il bilancio del primo mese di controlli effettuati dalla polizia cantonale e da quelle comunali
CANTONE
16 ore
Revocato il limite degli 80 chilometri orari in autostrada
Alle 13.30 scadranno le misure straordinarie, introdotte giovedì scorso dal DT, per contrastare lo smog nel Sottoceneri.
BELLINZONA
17 ore
Restano in carcere i sei giovani della rissa di Giubiasco
Il Giudice dei provvedimenti coercitivi ha confermato l'arresto di tutte le persone coinvolte nell'alterco.
CANTONE
17 ore
Nessun ricovero e nessun morto per coronavirus
Nelle strutture sanitarie del nostro cantone 63 posti letto sono attualmente occupati da pazienti positivi
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile