keystone-sda.ch / STF (Antonio Calanni)
Importante scoperta compiuta in Veneto dai ricercatori dell'Istituto oncologico di ricerca (IOR) di Bellinzona.
CANTONE / ITALIA
07.05.20 - 00:010
Aggiornamento : 06:33

Farmaci contro il cancro alla prostata, scudo contro il Covid-19?

La scoperta è stata compiuta in Veneto da ricercatori dell'Istituto oncologico di ricerca (IOR) di Bellinzona

BELLINZONA - Essere in cura contro un cancro alla prostata potrebbe proteggere dall'infezione da Sars-CoV-2.

Secondo uno studio condotto da ricercatori dell'Istituto oncologico di ricerca (IOR) di Bellinzona in Veneto, i malati di tumore prostatico trattati con farmaci che inibiscono gli effetti degli ormoni sessuali maschili (terapia di deprivazione androgenica, Adt) hanno meno probabilità di contrarre Covid-19 e, se infettati, sviluppano la patologia in forma meno grave.

I ricercatori dello IOR guidati da Andrea Alimonti, professore all'Istituto di ricerca in biomedicina (IRB) dell'Università della Svizzera italiana (USI), all'Università di Padova e al Politecnico federale di Zurigo, hanno osservato che su 4'532 uomini contagiati dal nuovo coronavirus il 9,5% (430) aveva un cancro e il 2,6% (118) lo aveva alla prostata, rivela lo studio pubblicato sulla rivista specializzata "Annals of Oncology".

Ma benché in generale i pazienti con tumore abbiano un rischio di Covid-19 quasi doppio (1,8 volte più alto) e maggiori probabilità di aggravarsi, quando Alimonti e i suoi colleghi hanno esaminato tutti i pazienti con carcinoma prostatico della regione Veneto hanno fatto una scoperta: solo 4 sui 5'273 trattati con Adt hanno sviluppato Covid-19 e nessuno è morto. Dei 37'161 malati di tumore alla prostata non curati con Adt, invece, 114 hanno contratto il Covid-19 e 18 sono deceduti. E su 79'661 pazienti con altri tipi di cancro, 312 hanno sviluppato il Covid-19 e 57 sono morti.

«I pazienti con carcinoma prostatico sottoposti a terapie Adt avevano un rischio significativamente ridotto, di 4 volte, di ammalarsi di Covid-19 rispetto ai pazienti con tumore alla prostata che non avevano ricevuto Adt - spiega Alimonti -. E rispetto ai pazienti con qualsiasi altro tipo di cancro, quelli con carcinoma prostatico trattati con Adt, avevano un rischio d'infezione oltre 5 volte minore».

L'idea degli autori è che, in prospettiva e se altre ricerche valideranno la tesi pubblicata, anche gli uomini senza cancro alla prostata, ma ad alto rischio di Covid-19 potrebbero assumere trattamenti Adt per un periodo di tempo limitato in modo da prevenire l'infezione, mentre in quelli contagiati si potrebbero utilizzare Adt per cercare di ridurre la gravità dei sintomi.

«Spero che i nostri risultati inducano altri ricercatori a condurre studi clinici utilizzando un trattamento temporaneo con Adt in uomini infettati da Sars-CoV-2, oltre ad altre terapie sperimentali», auspica Alimonti.

«Sebbene debbano essere ulteriormente validati su altre grandi coorti di pazienti», tiene a precisare, «questi dati forniscono una risposta all'ipotesi che i livelli di ormoni androgeni possano facilitare le infezioni da coronavirus e aumentare la gravità dei sintomi, come è stato osservato nei pazienti maschi» rispetto alle donne.

Fabrice André, redattore capo degli "Annals of Oncology" e direttore della ricerca all'Istituto Gustave Roussy di Villejuif, in Francia, spiega che «abbiamo deciso di pubblicare questo studio perché fornisce un razionale per valutare l'efficacia della terapia Adt nei pazienti Covid. Tuttavia - avverte - lo studio non fornisce una conclusione definitiva sul ruolo dei trattamenti anti-androgeni nei contagiati da nuovo coronavirus, e questa classe di farmaci non dovrebbe essere utilizzata a questo scopo fino a quando futuri studi clinici non ne avranno confermato l'efficacia».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FOTO E VIDEO
LOCARNO
1 ora
Sparo in un appartamento, una donna ferita
Scompiglio in Via Vallemaggia. Fermate due persone. Isolata l'intera zona.
MAROGGIA
5 ore
I segreti delle impronte digitali
Perché tanta gente comune è attratta da questo tema? Lo spiega Federica Keller, esperta in analisi delle mani.
CANTONE
6 ore
Quei nomi che mettono “a rischio” la reputazione della Supsi
Vanno e vengono tra la Supsi e la tanto discussa Fidinam coinvolta nei Pandora Papers
FOTO
MASSAGNO
7 ore
Svelato il nuovo look del Lux
Da domani il cinema di Massagno sarà nuovamente aperto al pubblico dopo la ristrutturazione.
MENDRISIO
10 ore
Sfonda la vetrina con il Suv
Incidente questa mattina davanti alla stazione di Mendrisio. Un brutto spavento, ma nessun ferito
CONFINE
12 ore
Turisti del tampone, oltre frontiera per risparmiare
In Germania costa 14 euro, in Italia 15. Ma c'è chi per i ticinesi rialza il prezzo anche del 60 per cento
CANTONE
13 ore
Covid, i pazienti in cure intense salgono a due
I ricoverati a causa del virus restano nove.
CANTONE
14 ore
Meno auto, moto, bus e treni (ma più biciclette)
Il Dipartimento del territorio ha pubblicato oggi il rapporto "La mobilità in Ticino nel 2020".
LOCARNO
15 ore
«Volevo aiutare i "piccoli" a sopravvivere»
Economia e Covid: ecco come e perché Katia Roncoroni, 50enne di Losone, si è reinventata influencer marketing.
CANTONE
17 ore
Meno di 30 anni e già con il fegato compromesso
La pandemia ha acutizzato le dipendenze da alcol, che possono sfociare in gravi problemi di salute.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile