tipress
Al lavoro in una fabbrica di orologi, a Stabio
LUGANO
06.05.20 - 19:300

«Il fatturato delle aziende precipita»

Il direttore dell'AITI Stefano Modenini sulle prospettive industriali in Ticino: «Pesante l'impatto nei prossimi mesi»

Tra intoppi e dubbi, le industrie ripartono. Ma la seconda metà dell'anno potrebbe essere la più dura

LUGANO - Nel post-lockdown, il mondo degli affari naviga a vista. Sul Ceresio c'è chi da giorni prova a organizzare un incontro con dei clienti a Milano. Si può fare? Non si può? «Impossibile scoprirlo, le autorità italiane nicchiano» lamenta un disperato imprenditore del Luganese. «Non so come fare».

Le trasferte lavorative sono consentite, in teoria. Ma le associazioni di categoria confermano che, a cavallo del confine italo-svizzero, gli intoppi non mancano. «Sappiamo di aziende che hanno avuto ritardi e difficoltà a fare entrare dei tecnici dall'Italia, per degli interventi inderogabili nelle fabbriche» spiega Stefano Modenini, direttore dell'Associazione industrie ticinesi (Aiti). In uscita dal Ticino «le difficoltà sono ancora maggiori».

Lunghe attese in dogana, ritardi, accessi negati. Mentre a Berna si discutono i primi passi verso la riapertura delle frontiere, il mondo produttivo della Svizzera italiana inizia a spazientirsi. Il problema dei "rallentamenti" non riguarda solo i frontalieri, ma i viaggi di lavoro in generale: «Speriamo che i movimenti diventino più agevoli nel corso delle prossime settimane» auspica Modenini. 

Meno ottimismo, invece, sul fronte finanziario. Gli industriali prevedono un semestre in salita. «Stiamo vivendo settimane frenetiche dove molte aziende evadono gli ordini bloccati nei mesi scorsi. Ma la preoccupazione è per cosa ci sarà dopo» spiega il direttore di Aiti. «Una volta esaurite le richieste accumulatesi, se non ci sarà una ripresa a livello internazionale assisteremo inevitabilmente a delle ristrutturazioni». 

Occhi puntati sul secondo semestre del 2020, dunque. Ricordando che l'80 per cento della produzione in Ticino è rivolta all'export. «È presto per fare previsioni, ma se la prospettiva non cambia i licenziamenti saranno inevitabili» avverte Modenini. Anche perché «la capacità produttiva viene ridotta di molto dalle regole per il distanziamento sociale» precisa il portavoce degli industriali. Una cosa è certa, finora: «Il fatturato delle imprese sta precipitando. E alcuni settori, come la filiera aeronautica, avranno un impatto pesante».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
GIGETTO 1 anno fa su tio
E chi se ne frega caro Modenini....prima di tutto viene la salute dell'intera popolazione anziani, giovani, etc. Mica dobbiamo lasciarci le penne per l'economia, la finanza e il Modenini.....
Don Quijote 1 anno fa su tio
Si sente spesso dire prima la salute e poi il resto! Questo concetto vale solo quando quelli che non lavorano sono una minoranza e hanno il supporto di quelli che lavorano, producendo i vari servizi per continuare a vivere. Leggendo i vari commenti non mi stupisco che il mondo sia afflitto da tanti problemi da migliaia d'anni!
tip75 1 anno fa su tio
non insegnate a modenini a piangere....il problema è mondiale, ci sono rami molto più colpiti delle industrie per favore basta...la salute prima i soldi poi. pensiamo una volta al bene nostro e a quello del mondo. il prima del virus era una follia..dovrebbero usare il tempo per pensare a qualcosa di meglio per chi vive e lavora qui invece di sfruttare continuamente l export e prendere gente da fuori e renderci la vita invivibile per soldi
Sandokan85 1 anno fa su tio
@tip75 Belle parole Tip. Per ogni ultranovantenne che potrà vivere fino a 93, avresti dovuto pagarli tu sti 20 miliardi.
anndo76 1 anno fa su tio
@tip75 concordo sulla salute. Purtoppo ( e spero di sbagliare ) a settembre/ottobre faremo i conti con altre "morti", tra cui quella sociale etc. e il problema e' globale purtroppo. Speriamo di sbagliare
Mattiatr 1 anno fa su tio
@anndo76 Mettiamola così, la salute prima di tutto, io dopo due mesi senza alcun contatto oltre ai colleghi e ai famigliari (quando capita) sto impazzendo. Pensare che dovrò passare un anno intero senza poter far niente, visto che quel pochissimo che c'era è stato annullato, mi sta facendo scoppiare la testa. Io sono fortunato, perché il mese prossimo mollo il lavoro per 10 mesi di militare, questa è una di quelle situazioni che ti fanno odiare il lavoro, quindi ti rovinano la vita. La psiche non deve essere in salute quanto il corpo? (se non di più). Tra l'altro il cantone non aiuta visto che per qualche bigolo che fa una passeggiata hanno tappezzato la mia valle di radar, casualmente la sera quando torno da lavoro.¶ Diciamo che più si sarà esageratamente cauti, e più si pagherà in termini di disoccupati, depressione (economica e psicologica) e tutto ciò che ne consegue.¶ Inoltre non sarebbe una schifezza se l'EOC pubblicasse le risorse disponibili e quelle necessarie per un paziente COVID-19. Ho faticato a trovare i posti letto, figuriamoci se mai sapremo quanto personale serve per un paziente e se veramente siamo in crisi sanitaria. (per quanto riguarda i posti l'ultimo picco ne ha occupati il 70% ca.)
Bandito976 1 anno fa su tio
Dalla Lombardia entrano indisturbati, coronavirus e non, dal Ticino non si puó andare in Lombardia. Che senso ha? Ed a Berna decidono di riaprire le dogane.
anndo76 1 anno fa su tio
@Bandito976 be' non e' cosi. dalla Lombardia entrano solo coloro che vanno al lavoro, ( tra cui 4.600 persone che lavorano in ospedali ticinesi ) il resto non entra. Per noi andare in lombardia e' lo stesso ( validi motivi di lavoro, urgenze sanitarie etc ) . Hanno solo dato l'opportunita' ad entrare in ticino a chi lavora, se no eravamo in totale ginocchio .
Giovanii 1 anno fa su tio
Lock down fino a settembre. È tutta salute per il pianeta. Anti traffico. Aria fresca e meno frontalieri. Ringraziamo al posto di piangere.
anndo76 1 anno fa su tio
@Giovanii se riesci a mantenere tutto ( infrastrutture, alimentazione,costi , stipendi etc ) per me puoi fare lockdow tutto l'anno :)
Mattiatr 1 anno fa su tio
@anndo76 Ricordiamo però che niente lavoro vuol dire niente contributi e niente imposte, quindi in automatico nessuna ipg, disoccupazione, assistenza, sussidio, ... Vediamo poi per quanto ringrazierà ;-)
Mirketto 1 anno fa su tio
Se non ci fosse Modenini che mondo sarebbe....
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
VIDEO E SONDAGGIO
CANTONE
40 min
Viaggiare è (di nuovo) più complicato
Con la variante Omicron, i paesi stanno correndo ai ripari. E ci sono viaggiatori costretti a rivedere i propri piani
RIAZZINO
9 ore
Il Vanilla si ferma dopo appena due mesi
La discoteca più grande della Svizzera abbassa di nuovo la serranda. La causa è sempre la stessa
LUGANO
13 ore
«Sempre più solo, così il prete cede al sesso»
Torna d'attualità il celibato obbligatorio tra i sacerdoti cattolici. Il teologo Alberto Bondolfi lo abolirebbe.
CANTONE
14 ore
Con la mascherina già dalla quarta elementare
Il Consiglio di Stato ha comunicato ai Comuni di voler introdurre la misura a partire da lunedì.
CANTONE
16 ore
Test ripetuti nelle scuole? «I laboratori sarebbero in difficoltà»
Ecco il parere ticinese sulle misure anti-coronavirus che il Consiglio federale ha messo in consultazione
LUGANO
17 ore
Ex Macello, di nuovo interrogata Karin Valenzano Rossi
La municipale ha risposto oggi alle domande dell'avvocato degli autogestiti Costantino Castelli.
CANTONE
21 ore
Le quarantene di classe salgono ancora: ce ne sono altre 12
Anche il Ticino deve fare i conti con la quinta ondata. Mai così tanti casi giornalieri dal 6 gennaio scorso a oggi.
CANTONE
22 ore
Scatta Prevena 2021: ecco come prevenire furti e borseggi
I consigli della polizia per le festività. Prevista la presenza accresciuta di agenti su tutto il territorio
LUGANO
23 ore
L'Orto a scuola, perché solo con loro il futuro sarà più green
Alle scuole elementari di Besso ha preso avvio un innovativo progetto di "Permacultura".
FOCUS
23 ore
Che fine ha fatto l'AIDS?
Esiste da 40 anni. Un vaccino ancora non c'è. Perché? Intervista a Enos Bernasconi, viceprimario Malattie infettive ORL
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile