keystone
CANTONE
06.05.20 - 22:400

Covid-19 e anticorpi: «Patentino per l'immunità? Non esiste e per ora sarebbe rischioso»

Al via i test sugli anticorpi SARS-CoV-2. Ma non sono pensati per determinare o meno la possibilità di ricadute

L'esperto: «Non è ancora possibile escludere che si possa contrarre il virus una seconda volta»

LUGANO - Su questo Covid-19 si è detto tutto e il contrario di tutto. Eppure c'è un aspetto, di non poco conto, che non è stato ancora chiarito. Riguarda la presunta immunità protettiva indotta dagli anticorpi che il corpo produrrebbe (e su questo quantomeno vi sarebbero delle conferme) dopo aver contratto il virus.

Un aspetto di non poco conto perché significherebbe che chi guarisce, almeno per un certo periodo di tempo, non rischia più ammalarsi. E potrebbe persino ottenere una sorta di "attestato di immunità". Il follow up, tuttavia, è al momento troppo breve per avere un quadro e consentire conclusioni chiare al riguardo, come ci conferma dall'Ufficio del medico cantonale il Capo Servizio di promozione e di valutazione sanitaria, la dottoressa Martine Bouvier Gallacchi: «Allo stato attuale, non ci sono evidenze scientifiche che accertino l’immunità al Covid-19 da parte delle persone oggi guarite e che hanno sviluppato degli anticorpi. Non è quindi da escludere che possano contrarre il virus una seconda volta».

Insomma, certificare l'esenzione dal rischio di ricaduta non è possibile al momento: «Non sussistendo alcuna garanzia sulla protezione delle persone, ipotizzare una sorta di “passaporto d’immunità” o “patentino” sarebbe quindi errato», spiega la dottoressa.

Con il "patentino" rischio di trasmissione - Al riguardo, l'OMS è stata molto chiara: «Le persone che presumono di essere immuni a una seconda infezione, perché sono risultate positive a un test sugli anticorpi SARS-CoV-2, potrebbero ignorare i consigli sulla salute pubblica se in possesso di un "patentino di immunità". L'uso di tali certificati può quindi aumentare i rischi di trasmissione del virus».

Test non ancora affidabili - Sempre l'OMS fa una precisazione importante su questi test sierologici: «I test di laboratorio che rilevano gli anticorpi contro la SARS-CoV-2 nelle persone, compresi i test immunodiagnostici rapidi, necessitano di ulteriori convalide per determinarne l'accuratezza e l'affidabilità. Test immunodiagnostici imprecisi possono classificare erroneamente le persone in due modi. Il primo è che possono etichettare falsamente le persone che sono state infettate come negative, e il secondo è che le persone che non sono state infettate sono erroneamente etichettate come positive. Entrambi gli errori hanno gravi conseguenze. Questi test devono anche distinguere accuratamente tra le infezioni da SARS-CoV-2 e quelle causate dagli altri 6 coronavirus umani noti. Quattro di questi causano il raffreddore comune e circolano ampiamente. I restanti due sono i virus che causano la sindrome respiratoria mediorientale e la sindrome respiratoria acuta grave».

Non per determinare immuni... - I test, inoltre, non sono progettati per stabilire alcuna immunità: «Questi studi forniranno dati sulla percentuale di persone con anticorpi Covid-19 rilevabili - sottolinea l'OMS -, ma la maggior parte non è progettata per determinare se queste persone siano immuni a nuove ricadute».

... e nemmeno positivi al Covid - A proposito dei test sierologici, la dottoressa Gallacchi aggiunge: «Non sono adatti a diagnosticare un’infezione da Covid. Stando alle direttive dell’Ufsp, questi test permettono di rilevare nel sangue gli anticorpi specifici contro il SARS-CoV-2, l'agente patogeno del Covid-19, e indicano se la persona testata è stata infettata e ha sviluppato anticorpi specifici in risposta all’infezione. Ma si tratta per l’appunto di test utili per studi scientifici (per cui verranno specificati prossimamente anche le raccomandazioni per l’interpretazione dei risultati), e non diagnostici».

Insomma, per stabilire se una persona è positiva al Coronavirus, «si continua a far riferimento ai test PCR di campioni prelevati dalle vie respiratorie superiori e inferiori da personale medico specializzato (i cosiddetti “strisci” o “tamponi”)».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
2 ore
Luci rosse spente: «Le nostre ragazze ora lavorano a Berna»
Lo sconcerto del gerente dell'Oceano: «La coerenza? Quali distanze sociali si possono garantire in un bordello?»
ITALIA / CANTONE
3 ore
«Stressate» dalla scuola: 13enni fiorentine scappano in Ticino
Sono state localizzate grazie ai telefoni cellulari e individuate su un treno diretto a Lugano
CANTONE
5 ore
Oggi in Ticino al via la vaccinazione di prossimità
Over 80 e conviventi con più di 75 anni che vogliono vaccinarsi nel proprio comune devono annunciarsi
CANTONE
6 ore
Troppe polveri fini nei cieli del Mendrisiotto
Ieri le concentrazioni hanno abbondantemente superato la soglia d'informazione alla popolazione.
CANTONE
10 ore
Covid, in Ticino altri 7 decessi
Nelle ultime 24 ore registrati 86 nuovi contagi. Il bollettino del medico cantonale
CANTONE
11 ore
Il telelavoro non cambia la situazione sui bus
Interpellanza PPD al Consiglio di Stato: «Perché non fa qualcosa invece di chiedere a Berna di intervenire?»
MENDRISIO
14 ore
«Mia figlia ha paura ad andare a scuola così»
Bus strapieno per gli allievi delle medie. La testimonianza di una mamma. Le autorità, per ora, osservano.
CASTEL SAN PIETRO
14 ore
Quando la cena (da asporto) te la prepara il sindaco
Otto sindaci momò prenderanno parte a una gustosa iniziativa.
CANTONE
1 gior
Lo sfogo del broker: «Il Covid ha fatto scappare i clienti»
Le difficoltà di chi lavora a provvigione. «Non abbiamo uno stipendio minimo, e nessun aiuto».
CANTONE
1 gior
«Vogliamo controlli sistematici alla frontiera»
È la rinnovata richiesta del Governo ticinese a Berna. Anche se la situazione epidemiologica sta migliorando
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile