keystone
CANTONE
06.05.20 - 22:400

Covid-19 e anticorpi: «Patentino per l'immunità? Non esiste e per ora sarebbe rischioso»

Al via i test sugli anticorpi SARS-CoV-2. Ma non sono pensati per determinare o meno la possibilità di ricadute

L'esperto: «Non è ancora possibile escludere che si possa contrarre il virus una seconda volta»

LUGANO - Su questo Covid-19 si è detto tutto e il contrario di tutto. Eppure c'è un aspetto, di non poco conto, che non è stato ancora chiarito. Riguarda la presunta immunità protettiva indotta dagli anticorpi che il corpo produrrebbe (e su questo quantomeno vi sarebbero delle conferme) dopo aver contratto il virus.

Un aspetto di non poco conto perché significherebbe che chi guarisce, almeno per un certo periodo di tempo, non rischia più ammalarsi. E potrebbe persino ottenere una sorta di "attestato di immunità". Il follow up, tuttavia, è al momento troppo breve per avere un quadro e consentire conclusioni chiare al riguardo, come ci conferma dall'Ufficio del medico cantonale il Capo Servizio di promozione e di valutazione sanitaria, la dottoressa Martine Bouvier Gallacchi: «Allo stato attuale, non ci sono evidenze scientifiche che accertino l’immunità al Covid-19 da parte delle persone oggi guarite e che hanno sviluppato degli anticorpi. Non è quindi da escludere che possano contrarre il virus una seconda volta».

Insomma, certificare l'esenzione dal rischio di ricaduta non è possibile al momento: «Non sussistendo alcuna garanzia sulla protezione delle persone, ipotizzare una sorta di “passaporto d’immunità” o “patentino” sarebbe quindi errato», spiega la dottoressa.

Con il "patentino" rischio di trasmissione - Al riguardo, l'OMS è stata molto chiara: «Le persone che presumono di essere immuni a una seconda infezione, perché sono risultate positive a un test sugli anticorpi SARS-CoV-2, potrebbero ignorare i consigli sulla salute pubblica se in possesso di un "patentino di immunità". L'uso di tali certificati può quindi aumentare i rischi di trasmissione del virus».

Test non ancora affidabili - Sempre l'OMS fa una precisazione importante su questi test sierologici: «I test di laboratorio che rilevano gli anticorpi contro la SARS-CoV-2 nelle persone, compresi i test immunodiagnostici rapidi, necessitano di ulteriori convalide per determinarne l'accuratezza e l'affidabilità. Test immunodiagnostici imprecisi possono classificare erroneamente le persone in due modi. Il primo è che possono etichettare falsamente le persone che sono state infettate come negative, e il secondo è che le persone che non sono state infettate sono erroneamente etichettate come positive. Entrambi gli errori hanno gravi conseguenze. Questi test devono anche distinguere accuratamente tra le infezioni da SARS-CoV-2 e quelle causate dagli altri 6 coronavirus umani noti. Quattro di questi causano il raffreddore comune e circolano ampiamente. I restanti due sono i virus che causano la sindrome respiratoria mediorientale e la sindrome respiratoria acuta grave».

Non per determinare immuni... - I test, inoltre, non sono progettati per stabilire alcuna immunità: «Questi studi forniranno dati sulla percentuale di persone con anticorpi Covid-19 rilevabili - sottolinea l'OMS -, ma la maggior parte non è progettata per determinare se queste persone siano immuni a nuove ricadute».

... e nemmeno positivi al Covid - A proposito dei test sierologici, la dottoressa Gallacchi aggiunge: «Non sono adatti a diagnosticare un’infezione da Covid. Stando alle direttive dell’Ufsp, questi test permettono di rilevare nel sangue gli anticorpi specifici contro il SARS-CoV-2, l'agente patogeno del Covid-19, e indicano se la persona testata è stata infettata e ha sviluppato anticorpi specifici in risposta all’infezione. Ma si tratta per l’appunto di test utili per studi scientifici (per cui verranno specificati prossimamente anche le raccomandazioni per l’interpretazione dei risultati), e non diagnostici».

Insomma, per stabilire se una persona è positiva al Coronavirus, «si continua a far riferimento ai test PCR di campioni prelevati dalle vie respiratorie superiori e inferiori da personale medico specializzato (i cosiddetti “strisci” o “tamponi”)».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
52 min
Massimo Suter passa all'UDC
La conferma arriva da un post pubblicato sulla pagina Facebook della sezione ticinese del partito
CANTONE
5 ore
Gobbi è diventato più permissivo
Permessi di residenza agli stranieri, il Ticino ha detto meno "no". Un ammorbidimento «per adeguarci alle sentenze»
FOTO
MAGLIASO
5 ore
Tre nasua albini allo Zoo al Maglio
Sono figli di un esemplare albino confiscato e che ha trovato accoglienza in Ticino.
CANTONE
7 ore
Delitto di Muralto, chiesti diciannove anni e sei mesi
Secondo l’accusa nella notte del 9 aprile 2019 all’Hotel La Palma si consumò un assassinio
CANTONE / SVIZZERA
10 ore
Il Ticino perderà due deputati... nel 2051
Colpa del calo della popolazione. La previsione dei politologi
CANTONE
11 ore
«L’ha strangolata, non erano tipi da asfissia erotica»
Nel processo per il delitto di Muralto, la procuratrice ha ribadito che la versione dell’imputato è «una menzogna».
CANTONE
13 ore
Il delitto in hotel, poi tutta una serie di menzogne
Si è riaperto con la requisitoria il processo nei confronti del 32enne accusato di assassinio
CANTONE
13 ore
Controlli di polizia nella fascia di confine
Si tratta di una campagna congiunta che mira a rendere le strade più sicure. Avrà luogo domani.
CANTONE
14 ore
In Ticino altri 27 contagi
Un paziente è stato dimesso dall'ospedale. Resta stabile l'occupazione delle cure intense
AGNO
18 ore
Alla ricerca della falla da cui il nonno di Eitan è volato via
Non si spegne la polemica sui controlli doganali all'aeroporto di Lugano
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile