Ti Press
CANTONE
03.05.20 - 15:330
Aggiornamento : 18:24

Due genitori su tre preoccupati per la riapertura delle scuole

A dirlo è un sondaggio promosso dalla Conferenza cantonale dei Genitori.

Nonostante i timori, la maggioranza non è contraria alla riapertura delle sedi scolastiche

VEZIA - Soddisfazione (relativa) per l'esperienza avuta con la scuola a distanza e apprensione per l'ormai prossima riapertura degli istituti. È questo, in estrema sintesi, l'esito del sondaggio promosso tra il 24 e il 28 aprile dalla Conferenza cantonale dei Genitori.

I risultati del sondaggio - Ad emergere è l’apprensione per la riapertura delle scuole principalmente a causa dei rischi per la salute dei famigliari, oltre che dei bambini stessi. Il 52% dei genitori ha dedicato tre ore o più ogni giorno per seguire i figli nelle attività scolastiche, pur riuscendo a trovare un equilibrio famigliare positivo. Sebbene si ritenga soddisfacente la relazione avuta con la scuola è, però, auspicato un maggior contatto diretto con i docenti ed una più importante differenziazione dell’insegnamento. Espressa preoccupazione pure per il periodo di vacanze estive.

Solo qualche disagio - Alla domanda se la situazione di scuola a casa abbia creato disagi nelle famiglie, la metà dei genitori ha dichiarato di avere raggiunto un equilibrio tra i vari impegni. Tuttavia, emerge che per il 34% delle famiglie l’impegno è stato a volte problematico, e che per circa il 20% abbastanza critico, se non addirittura insostenibile.

Apprensione per il rientro - Sul tema dell’apertura scolastica nel ciclo dell’obbligo, emerge che 2 genitori su 3 sono preoccupati per il rientro a scuola. Il nodo da sciogliere è quello della salute dei figli (39%) e degli altri famigliari (52%), oltre che della difficoltà di conciliare lavoro e impegni famigliari (10%).

La maggioranza è favorevole - Nonostante le preoccupazioni sulla salute, nella settimana del sondaggio oltre la metà dei genitori non era contraria alla riapertura delle sedi scolastiche, e di questi il 36% era esplicitamente favorevole a una ripresa dell’istruzione a scuola per i propri figli, in caso di apertura l’11 maggio.

Al sondaggio hanno partecipato 2’600 famiglie con figli scolarizzati, domiciliate in tutto il Cantone. Un totale di 4'700 genitori e 5'000 figli ha risposto a domande relative alla riapertura degli istituti, alla gestione degli impegni famigliari e alla collaborazione con la scuola nel periodo della chiusura.

Al momento in cui le famiglie si sono espresse in questo sondaggio non erano note le ultime decisioni del Consiglio federale e del Cantone sulla riapertura delle scuole, né erano note le direttive del DECS sulla riapertura delle scuole dell’obbligo o i recenti aggiornamenti dell’Ufficio federale di sanità pubblica.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
vulpus 9 mesi fa su tio
Ma quanti grulli: avanti fuori tutti, tutto aperto. Ma quando, senza andare a scomodare scienziati ( ma lo saranno poi tutti? Chi li conosce?), abbiamo quì in Ticino persone come il dott. Lepori vice capo area EOC, che , afferma a chiare lettere che è un grosso pericolo quello che si stà facendo, aprendo tutto: la pandemia ricomincerà a mietere infetti e vittime, senza poi permettere di capire quali siano le categorie che diffondono il virus. Per cui vista le poche giornate che gli allievi frequenteranno le aule, sarebbe stato meglio lasciarli a casa. Come del resto aprire alberghi, bar , ristoranti, fabbriche e industrie tutte assieme. Incomprensibile come pareri contrastanti, da parte di chi è alla testa del sistema sanitario, non porti a maggior prudenza nelle decisioni.
sedelin 9 mesi fa su tio
@vulpus poi verrà un terremoto e un'alluvione. seguirà un virus ancor più cattivo, moriranno milioni di persone, non ci sarà posto nei cimiteri. verrà pure il morbillo che mieterà milioni di vittime, ecc ecc ecc.
F/A-18 9 mesi fa su tio
@vulpus Ma è chiaro che ci sarà un nuovo aumento dei contagi con altri morti e via discorrendo, e questo fino a quando almeno il 60% delle persone non ha sviluppato gli anticorpi e fino a quando non arrivi il vaccino anticov. Questa è la politica adottata è decisa dalla nostra confederazione svizzera. Siamo in guerra ed i soldati devono difendere la patria ben sapendo di rischiare la pelle, chi invece si nasconde è un disertore ed in tempo di guerra viene fucilato sul posto. Tu da che parte stai?
pillola rossa 9 mesi fa su tio
@sedelin Ahahahah...
sedelin 9 mesi fa su tio
il sindaco di vernate, cossi, dovrebbe essere estromesso dalla politica. come si permette di polemizzare sulle decisioni del decs e della confederazione? i ragazzi hanno bisogno di modelli adulti propositivi, che dialoghino e che non sputino veleno di pancia. il momento é tale da rendere tutti solidali, pacifici: sembra che cossi non stia imparando nulla da questa esperienza :-(
sedelin 9 mesi fa su tio
faccio parte della fascia che vorrebbe vedere TUTTI i bambini e i ragazzi a scuola da subito. non c'è pericolo, il pericolo vero é la paura dei genitori ansiosi che la trasmettono ai figli. loro sono tranquilli, sani e immuni.
lollo68 9 mesi fa su tio
@sedelin La penso allo stesso modo e vorrei vedere riaperte anche le scuole superiori, ma posso capire la paura per chi si considera a rischio (adulto o bambino).
MIM 9 mesi fa su tio
Io non faccio parte dei due su tre. La riapertura delle scuole, per la salute di mio figlio, va effettuata senza indugio. Ricordatevi che il 100% delle persone infettate produce l'anticorpo. Il 100%!!!!
lollo68 9 mesi fa su tio
@MIM Completamente d'accordo! Mio figlio, come compito, ha dovuto argomentare l'insegnamento a distanza esprimendo la sua opinione (pro o contro). È decisamente contro: dare compiti o pagine da leggere non è insegnare! A lui manca il contatto umano malgrado abbia tre fratelli. Ho 4 computer accesi tutto il giorno e a dipendenza dei compiti anche la sera. Con il Wi-Fi acceso e le relative onde abbiamo più probabilità di prendere un tumore che il Covid19! La riapertura deve cominciare anche dalle scuole superiori come era stato promesso dai politici visto che erano state le prime a chiudere!
Don Quijote 9 mesi fa su tio
@MIM Per una volta faccio a meno di contradirti :-)
F/A-18 9 mesi fa su tio
Questa è la generazione degli smidollati cresciuti nella bambagia, tutto è dovuto. Io direi che chi non vuole lavorare se ne può stare a casa ma senza stipendio. Il rischio c’è in tutto quello che facciamo dal primo giorno di vita, anzi, dal concepimento perché qualcuno viene eliminato prima dei nove mesi.
lollo68 10 mesi fa su tio
Mio figlio come compito ha dovuto argomentare l'insegnamento a distanza e prendere una posizione (pro o contro). È decisamente contro: dare compiti o pagine da leggere non è insegnare. Un robot potrebbe fare la stessa cosa! Il contatto umano è quello che gli è mancato di più anche se ha 3 fratelli. Io aggiungo che 4 computer accesi tutto il giorno e a dipendenza dei compiti anche la sera è troppo. Le onde elettromagnetiche non sono salutari: ero abituata alle giornate senza Wi-Fi acceso. Abbiamo più possibilità di prenderci un tumore che il Covid19 e non sarei stupita di dover portare uno dei figli dall'oculista. Sono più nervosi e tornare a scuola può solo fare loro del bene! Aprite però anche le scuole superiori perché sono state le prime a chiudere e i politici ci avevano promesso che sarebbero state le prime a riaprire!
Meck1970 10 mesi fa su tio
I ragazzi sono stufi di stare a casa, si stanno deprimendo. Cosa fanno a casa fino a settembre? Inoltre diversi ragazzi stanno ricominciando ad uscire per incontrarsi con i loro compagni di scuola. Ci sarà una qualche statistica riguardante il coronavirus per poter prendere una decisione. Ho visto in alcuni articoli che sono i docenti che stanno facendo storie per le aperture. Ma che cosa devono dire le cassiere, o chi ha lavorato fino ad oggi nei negozi alimentari? E di sicuro non prendono la il loro salario.
Dioneus 10 mesi fa su tio
Sarà un pandemonio. Ma oggi ho visto un sacco di grulli in giro per la città, addirittura ragazzi che giocavano a calcio (poi fatti sloggiare dalla polizia). Continuando con questa intelligenza, non si aprirà lunedì perché la curva in 1 settimana sarà già risalita
Mattiatr 10 mesi fa su tio
@Dioneus Secondo le statistiche federali, sono state infettate più persone di 99 anni che di 15. Da questa età in giù gli infetti calano di anno in anno. Tutto ciò mi fa intuire che tutto sommato la riapertura delle scuole dell'obbligo non rappresenti questo gran problema, malgrado mi pare di aver capito che il governo ha complicato le cose in maniera assurda. In ogni caso a me farebbe piacere uno studio di qualche università Svizzera, magari quella di Losanna visto che hanno già trattato il virus, che non dica quanti morti potrebbe fare il virus, ma cosa applicare per evitare il sovraccarico degli ospedali. Buona giornata.
Blobloblo 10 mesi fa su tio
A tutti gli scienziati che parlano di morti e catastrofe...avete tutti i figli che vanno a scuola over 65 o nella categoria a rischio o con patologie pregresse??? Al supermercato insieme si è a scuola no?? Ma basta!!! Non sono radiazioni che ci dobbiamo rintanare nei bunker!!! Bastano le precauzioni che ci continuano a ripetere!!! Qui c’è gente che non ha ancora capito cosa è successo e soprattutto il perché delle chiusure...mica perché il virus è letale e moriremo tutti se lo prendiamo...guardate meno film!!!
dasz 10 mesi fa su tio
Per favore smettete con questo regime del terrore. I miei figli sono andati sempre al asilo nido, mai smesso. E non si sono ammalati. Amche tra le maestre tutto ok, nessun ammalato. Da febbraio ad ora. Aprite le scuole e via. Si deve tornare alla normalitá. Per il resto basta stare attenti a un po piu di igiene del normale. È spaventoso leggere i vari commenti di terrore, neanche fossimo in una zona di guerra.
JefNiro 10 mesi fa su tio
Torno a ripete, aprire per un mese non salva niente a nessun bambino cambierà l'esistenza se si terranno chiuse le scuole ancora in mese. E' solo per far si che i genitori possano tornare a lavorare (così che l'economia riprende). Sarebbe stato corretto valutare la ripresa di tutta la macchina sociale e poi a settembre se ne sarebbe riparlato. Ma come detto, l'economia esige ognuno al suo posto.
MrBlack 10 mesi fa su tio
Io vorrei capire coloro che non vogliono mandare i figli a scuola per paura che si ammalino i figli o i famigliari...Ora abbiamo dei numeri molto bassi, e molti paesi europei in situazioni simili a noi stanno riaprendo le scuole o l’hanno già fatto. A meno di grandi scoperte, a settembre saremo nella situazione di adesso (se va bene) o peggiore. Se dovremmo attendere il vaccino, prima della fine dell’anno non sarà disponibile per la massa. Quindi che farete? Non manderete i vostri figli a scuola fino all’anno prossimo? Non è una provocazione. Voglio capire i vari punti di vista, quindi ringrazio coloro che non vogliono mandare adesso i figli a scuola se vorranno spiegarmi cosa intendono fare in settembre, se non sarà cambiato nulla nel mondo dal punto di vista sanitario per questo virus, come è probabile che sarà.
Fedeltà 10 mesi fa su tio
..ma avete finito tutti di aver paura dell'aria che cammina..è giusto ritornare piano piano alla normalità e quindi anche con le scuole che riaprono....ah vero che siete tutti medici....cerchiamo invece tutti insieme di ritornare a vivere con le giuste precauzioni....
Zarco 10 mesi fa su tio
X tale Ivan Scara! Va bene a te , le mie figlie non lo fanno.
Zarco 10 mesi fa su tio
X tale Davor Safin !!!!!io sono maligno , ma credo che il conto al rovescio lo fai te .........
Spirito1 10 mesi fa su tio
....chi non vuole portare il figlio a scuola e tenerlo a casa a giocare con il gatto benissimo.... benissimo! Sarà bocciato e ripeterà l'anno...
Spirito1 10 mesi fa su tio
....ma volete tenere i vostri figli ignoranti a giocare in giardino con la palla contro il muro...
norway555 10 mesi fa su tio
Mossa sbagliata. Per l 11.5. Hanno dato il libera tutti in contemporanea per negozi ristorazione musei... e giusto le scuole ci mancavano mettendo in movimento pure tutti noi genitori . Per 13 giorni potevano risparmiare l apertura affrettata e pasticciata. Le piattaforme digitali stanno funzionando benissimo anche per le elementari per tirare avanti e si riapriva a settembre con una formula ben studiata. Bertoli ha sbagliato. Lui poteva aspettare! Ora tutto insieme non capiremo gli effetti singoli degl allentamenti!
seo56 10 mesi fa su tio
Mi auguro che chi di dovere faccia un passo indietro e tenga chiuso le scuole. È scellerato aprirle il medesimo giorno che apre la ristorazione...
Wunder-Baum 10 mesi fa su tio
Pienamente d'accordo con lei.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FOTO
LUGANO
8 ore
Fuga di gas a Breganzona, bloccate le 5 vie
Grande dispiegamento di mezzi dei pompieri e della polizia e diversi disagi al traffico
CANTONE
18 ore
In Ticino altri 63 casi e un decesso
Nelle strutture ospedaliere ci sono 69 pazienti col Covid, di cui 10 in terapia intensiva
CONFINE
18 ore
A Viggiù parte la vaccinazione di massa
Dallo scorso 16 febbraio il comune al confine col Ticino si trova in zona rossa per la presenza di varianti
BELLINZONA
1 gior
Sulla mobilità lenta le polemiche corrono veloci
I Verdi attaccano il Municipale Simone Gianini per un presunto conflitto d'interesse fra due cariche «non compatibili».
CANTONE
1 gior
I radar risparmiano solo la Leventina
Ecco le località che saranno oggetto di controlli della velocità mobili e semi-stazionari.
FOTO
CASTEL SAN PIETRO
1 gior
Schiacciata da un furgone, grave una 49enne
L'incidente è avvenuto in via Alle Zocche a Castel San Pietro.
CANTONE
1 gior
Torna il sereno nelle case anziani: visite in camera e uscite consentite
Dal 1. marzo adeguate le direttive per le strutture della terza età e per le cliniche psichiatriche
FOTO E VIDEO
AIROLO
1 gior
Guasto alla seggiovia di Varozzei, nove persone evacuate in elicottero
Operazione di salvataggio, questa mattina, nel comprensorio sciistico di Airolo-Pesciüm.
FOTO E VIDEO
RIAZZINO
1 gior
Perde il rimorchio e colpisce un'auto
L'incidente è avvenuto stamattina alla rotonda dell'aeroporto di Locarno.
CANTONE
1 gior
Gelata sulle terrazze
La decisione presa dopo che non è stato possibile trovare un compromesso tra Berna e i Cantoni interessati
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile