tipress
CANTONE
01.05.20 - 22:230
Aggiornamento : 02.05.20 - 10:01

Il popolo della notte: «Siamo stati abbandonati»

Discoteche chiuse a oltranza. Il settore ribolle. L'imprenditore: «Così perdiamo tutto l'anno»

BELLINZONA - Per le discoteche ticinesi è decisamente una serata storta: come tutti i venerdì e i sabato sera negli ultimi due mesi. Ma forse ancora di più. Il "popolo della notte" ha ricevuto oggi pomeriggio la brutta notizia: serrande chiuse ancora fino a giugno. Forse oltre.

Il Consiglio federale non ha usato mezzi termini, rispondendo a due mozioni delle Commissioni dell'economia e dei tributi. Una riapertura dell'intrattenimento notturno è «fuori discussione» per ora. Se ne parlerà nella seduta del prossimo 27 maggio. 

Chi sperava di tornare presto in pista è rimasto a bocca asciutta. «Oggi non è un giorno felice» commenta un imprenditore del Bellinzonese. «L'impressione è di essere stati abbandonati». 

Il settore è in ginocchio, in Ticino come nel resto della Svizzera. Dopo la bassa stagione di gennaio-febbraio (dominata dai carnevali) i locali notturni erano pronti a partire con la primavera, e invece sono sono arrivate le restrizioni: prima il tetto di 1000 persone, poi 150, poi 50. L'11 marzo la chiusura forzata, dopo che alcune serate "brave" - ma svoltesi in piena legalità - avevano fatto scalpore. 

«Siamo stati tra i primi a chiudere, e saremo gli ultimi a riaprire». Il titolare della discoteca Capital Club di Bellinzona parla a nome della categoria. «Sono molto dispiaciuto. È vero che possiamo ricorrere al lavoro ridotto, ma le nostre attività hanno bisogno di grandi superfici, il rischio è che molte imprese finiscano schiacciate sotto il peso degli affitti». 

A questo proposito, oggi è arrivata un'altra brutta notizia. Il Consiglio federale ha chiarito che non prenderà decisioni in merito alle pigioni, commerciali o abitative. Eventuali sconti sono lasciati alla trattativa tra inquilino e padrone di casa. 

Secondo il nostro interlocutore alcune aziende rischiano di chiudere i battenti, se non si correrà in fretta ai ripari. Altre «dovranno inventarsi soluzioni diverse, magari negli spazi aperti». Il tempo è contato: «Con l'arrivo dell'estate la nostra stagione è finita, la gente non va più a ballare al chiuso. Abbiamo perso metà anno, in pratica. Un peccato anche per i molti fornitori e per l'indotto locale». 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
6 ore
Lo sfogo del broker: «Il Covid ha fatto scappare i clienti»
Le difficoltà di chi lavora a provvigione. «Non abbiamo uno stipendio minimo, e nessun aiuto».
CANTONE
9 ore
«Vogliamo controlli sistematici alla frontiera»
È la rinnovata richiesta del Governo ticinese a Berna. Anche se la situazione epidemiologica sta migliorando
TICINO
13 ore
«Sono orgoglioso del mio Ticino»
Ignazio Cassis parla da ex medico cantonale e da ticinese. «Bene la gestione della pandemia, ma la morte non sia tabù»
SOLETTA
14 ore
Le due bimbe uccise erano ticinesi
Dramma tra le mura domestiche: forti legami con la Svizzera italiana.
CANTONE
14 ore
In Ticino altri 6 decessi
Il bollettino del medico cantonale sulle ultime 24 ore. I contagi da Covid-19 calano a 24
CANTONE
14 ore
Dopo 175 anni si cambia, il Foglio ufficiale diventa digitale
Una decisione presa in nome della sostenibilità, ma che permetterà pure di passare a una diffusione giornaliera
CANTONE
17 ore
Se il maestro di guida è abusivo
Non sono in possesso della relativa autorizzazione, ma si mettono a disposizione online.
CANTONE
19 ore
«Annunciatevi per la vaccinazione di prossimità»
Assegnati gli ultimi posti ad Ascona, già si pensa a tastare l'interesse di chi ha problemi di mobilità.
CANTONE
19 ore
Le lingue passe-partout per un lavoro... ma non sempre
Tra competenze professionali e conoscenze linguistiche, l'esperta spiega cosa conta di più nel trovare impiego
CANTONE
1 gior
Vaccino ai docenti: «Questione posta al Governo, ma bocciata»
Manuele Bertoli sulla nuova variante e la scuola in quarantena: «Siamo pronti, ora come in futuro».
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile