Immobili
Veicoli
Tipress
GRONO (GR)
22.04.20 - 16:420

Il Grigioni italiano compatto: «Insieme ce la faremo»

Da Grono, il Comune più colpito dalla pandemia, arriva un messaggio di fiducia e speranza.

Samuele Censi: «Dobbiamo considerare questo momento come un'opportunità per trovare alternativa al nostro modo di vivere».

GRONO - Si moltiplicano nei Grigioni, anche in queste settimane di rallentamento dei nuovi contagi da Covid-19, appelli e iniziative in aiuto alla popolazione da parte delle autorità locali. Keystone-ATS ne ha approfittato per un giro d'orizzonte nel Grigioni Italiano.

«Dobbiamo restare uniti», «insieme ce la faremo»: è il messaggio di fiducia che le autorità di Grono hanno voluto lanciare oggi alla popolazione, sottolineando l'impegno comune contro il Coronavirus («nemico invisibile, perfido e sconosciuto») e il grande sforzo degli operatori sanitari e delle strutture ospedaliere. Il sindaco Samuele Censi, in rappresentanza del Municipio, e la prima cittadina Maura Gervasoni a nome di tutto il Legislativo, invitano con una lettera aperta a prestare ancora attenzione alle norme emanate, in modo da scongiurare il rischio di eventuali e «sempre possibili» ricadute e, più in generale, a «considerare questo momento come una vera opportunità, cercando alternative al nostro modo di vivere». In queste settimane il comune di Grono ha registrato, da solo, pressoché la metà dei contagiati nel Moesano.

Nelle scorse settimane un'iniziativa simile era stata presa dal sindaco di Roveredo Guido Schenini. Esortando la popolazione a restare ancora a casa, tramite lettera pubblicata sul portale comunale rivolta «alle care concittadine e ai cari concittadini» del capoluogo del Moesano, il sindaco invitava alla solidarietà rivolgendo un pensiero particolare agli anziani per i maggiori rischi che possono correre. Proprio questo fine settimana i dati raccolti nella Regione segnalavano un focolaio di contagi in una casa di cura della Mesolcina.

A S. Vittore invece le autorità hanno informato le persone in difficoltà degli aiuti messi a disposizione da varie associazioni solidali quali Caritas, Croce Rossa e Soccorso Svizzero d'inverno. Si tratta di buoni per la spesa (al massimo di 500 franchi) fino a pagamenti diretti di fatture (fino a 1'000 franchi) per chi a causa della pandemia si trovasse in difficoltà finanziarie, vivendo già al limite assistenziale. Le relative richieste possono essere presentate da chi si trova nel bisogno passando dal servizio sociale Moesa.

Aiuti mirati anche in Valposchiavo e Bregaglia - In Valposchiavo il Podestà del capoluogo Giovanni Jochum, affiancato dal Presidente del Comune di Brusio Arturo Plozza, avevano rivolto un video-messaggio alla popolazione sull'epidemia, trasmesso in streaming lo scorso 27 marzo, raggiungendo in diretta quasi 200 persone. Lo scopo perseguito era quello di affrontare la grave pandemia in modo «serio ordinato e coeso». Venendo incontro alle famiglie nel bisogno, il Comune di Poschiavo aveva organizzato non solo una rete di volontari gratuiti per fare le commissioni agli ultra 65enni, ma anche un servizio di consegna pasti (pranzi e cene) a domicilio preparati dal Centro sanitario locale.

La discussione, su eventuali altri aiuti alla popolazione, oltre a quelli federali e cantonali, è stata infine appena imbastita nel Comune di Bregaglia. Si sta pensando in particolare a misure di sostegno alle aziende. Il Comune segnala però, con viva soddisfazione, l'iniziativa di vari commercianti rimasti aperti (come macellerie, latterie, negozi di alimentari in genere ma anche farmacie) per consegne a domicilio della merce. In tal caso il Comune di Bregaglia si è limitato a informare i cittadini dell'offerta tramite circolare.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
marco17 1 anno fa su tio
Persino le informazioni vere possono essere presentate in modo che risultino falsate. Grono è il comune più colpito soltanto perché ospita sul suo territorio due case per anziani dove la pandemia ha colpito molte persone degenti. Se non si precisa tale circostanze, sembra che gran parte della popolazione sia stata colpita dal virus e che regni una specie di clima apocalittico come a NY o a Bergamo.
pillola rossa 1 anno fa su tio
@marco17 Ottima osservazione
miba 1 anno fa su tio
Gli articoli sullo tsunami del 2011 non erano così tragici... Con un po' d'impegno si riusciva a metterla sicuramente ancora più tragica....
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
55 min
Pugni al Parco Ciani, in due in ospedale
La colluttazione è avvenuta attorno alle 18.30. Sconosciute per il momento le cause
BELLINZONA
2 ore
Cade dalla scala a chiocciola, operaio in fin di vita
Il 40enne italiano stava lavorando presso una casa in ristrutturazione in via Tamporì a Bellinzona.
CANTONE
4 ore
Il Ticino torna in curva
Abolito il divieto di accedere agli spalti durante le partite di hockey e calcio. I tifosi festeggiano
CANTONE / SVIZZERA
10 ore
Puntualità (quasi) da record per i treni FFS
Nel 2021 il 91,9% dei convogli è arrivato in orario. È il secondo miglior risultato della storia (dopo quello del 2020)
CANTONE
10 ore
Ecco dove farsi testare il prossimo weekend
Check Point, farmacie ma non solo. Domenica 23 gennaio verrà infatti riproposto anche il Drive-In di Rivera.
CANTONE
11 ore
Covid: 1473 positivi e una nuova vittima
Si registrano anche quattro nuove quarantene di classe e altri 22 contagi in casa anziani
CANTONE
13 ore
En attendant Contact Tracing: «Ormai guarito, mi dicono "isolati"»
La marea di contagi ha ingolfato il Contact Tracing, la testimonianza di chi è stato avvisato quando era ormai guarito
LUGANO
15 ore
Bimbo prega per fare trovare un lavoro al papà
Il commovente messaggio di un bimbo luganese pubblicato sui social da don Emanuele Di Marco, direttore dell'oratorio.
CANTONE
1 gior
«Dei genitori non ci portano più i loro bambini»
Parte dei club sportivi ticinesi hanno deciso, come in vigore per le scuole, di imporre la mascherina ai bambini.
POSCHIAVO (GR)
1 gior
La Valposchiavo fa il pieno di turisti
Nel 2021 ha registrato oltre 80'000 pernottamenti: un record
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile