Archivio Tipress
NOVAGGIO
23.04.20 - 08:220
Aggiornamento : 12:04

I "risvegliati" dal coma: «Dall'11 marzo non ricordo nulla»

Alla clinica di Novaggio 17 pazienti in riabilitazione post-Covid. Ne abbiamo intervistato uno

Il racconto di un 73enne: «Sono svenuto e da allora vuoto totale. Un grande grazie ai medici»

NOVAGGIO - I prati assolati, le vigne circondate dal bosco, il monte Lema alle spalle. È quello che vedono i pazienti Covid-19 dopo essere usciti dal coma. Nel paesaggio bucolico di Novaggio, la clinica di riabilitazione dell'EOC ne ha ospitati 17 finora. 

Sono i primi "risvegliati" del coronavirus. Sommati agli ospiti della clinica privata Hildebrand di Brissago - 14, fanno sapere dall'Eoc - una trentina di persone in tutto. Intraprendono un lungo e paziente percorso, fatto di riposo e fisioterapia, in attesa di tornare - senza fretta - alle proprie case e alla vita di prima.

Alcuni ci sono già arrivati, ma si contano sulle dita di una mano. «È tutto molto difficile, non bisogna correre» racconta E.C., 73 anni. È rincasato il 19 aprile, giorno del suo compleanno. Lo ha festeggiato riabbracciando i cari, ma senza esagerare. «Sono ancora molto debole e devo stare attento».

E.C. è arrivato a Novaggio il 2 aprile dall'ospedale La Carità, ed era l'unico ospite assieme a un altro paziente (arrivato il giorno prima). «Quando me ne sono andato la struttura era piena» racconta. «Per me è la fine di un incubo. Anche se il personale sanitario è stato molto professionale e il servizio di altissimo livello». 

La presa a carico nelle cliniche post-Covid non è una passeggiata. Dura in media tre settimane. In base alle risoluzioni governative, a Novaggio i posti letto messi a disposizione sono 14, ma «possono essere aumentati in base alle necessità» fanno sapere dall'Eoc. I pazienti vengono ripartiti tra Novaggio e Brissago «in modo equo e in base alle competenze scientifiche delle due cliniche». Entrambe sono comunque attrezzate per accogliere in sicurezza i pazienti Covid. 

È l'ultimo miglio, in una gara con il virus che inizia molto prima. Il fischio d'inizio, per E.C., sono state le avvisaglie classiche - tosse e febbre - agli inizi di marzo. Dopo una settimana circa, l'11 marzo, il crollo: «Mio marito si è alzato una notte, è andato in cucina per prendere uno sciroppo ed è svenuto» racconta la moglie 60enne, ammalatasi prima ma con sintomi lievi. 

Dopo lo svenimento, E.C. non ricorda più nulla. «Vuoto totale, e forse è meglio così». È la consorte a ripercorrere l'odissea. «Si è ripreso ma dopo poco ha smesso di parlare, sembrava come assente. Abbiamo chiamato l'ambulanza e l'hanno portato a Locarno». 

Da allora la famiglia non ha più potuto vedere E.C., fino a domenica. Quasi un mese esatto. «Le telefonate dall'ospedale erano una tortura. Non arrivavamo mai, e temevamo sempre che arrivasse la chiamata brutta. Per fortuna non è arrivata» ricorda la moglie. 

In coma farmacologico dal 16 marzo, il 73enne ne è uscito gradualmente, a partire dal 24 marzo. Il 30 marzo torna a respirare senza ventilatore, e la moglie sente di nuovo la sua voce al telefono. «Non era ancora del tutto cosciente - racconta - ma è stato un enorme sollievo». 

Ora è tornata una normalità diversa. «In casa utilizziamo le mascherine e i guanti, teniamo le distanze» racconta E.C. E non si guardano più i telegiornali «per evitare le notizie negative». Al lieto fine il 73enne aggiunge un appello: «La mia storia è positiva, grazie a Dio, ma le regole vanno rispettate».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
1 ora
Il Covid colpisce anche via Nassa
Bucherer licenzia, ma tutto il settore orologiero in Ticino è in difficoltà. «Mancano i clienti arabi e americani»
CANTONE
1 ora
Gobbi sorpreso dalla decisione sugli eventi: «Si parlava di fine anno»
Secondo il Presidente del Governo cantonale, la decisione porrà molte competenze e costi sulle spalle dei cantoni
CANTONE
3 ore
Pornografia fra minorenni: «A chi sgarra confischiamo il telefono»
Il fenomeno dello scambio di materiale via chat o social è in aumento. Così come le segnalazioni alla magistratura.
CONFINE
5 ore
Pregiudicato napoletano estradato a Ponte Chiasso
Gravi capi d'imputazione, da omicidio ad associazione mafiosa. Avrebbe dovuto trovarsi in custodia cautelare a Napoli
FOTO
MESOCCO (GR)
8 ore
Centro sportivo vittima dei ladri
Qualcuno si è introdotto nel locale dopo aver tentato di sfondare la vetrina e aver rotto alcune finestre
SONDAGGIO
CANTONE
9 ore
«I turisti persi tra marzo e maggio non si possono recuperare»
Per gli alberghi ticinesi si prospetta un calo del giro d'affari di almeno il 25%, nonostante il turismo interno
CANTONE
10 ore
Covid, due mesi senza decessi
È di 3'460 il totale dei tamponi finora risultati positivi da inizio pandemia nel nostro cantone.
FOTOGALLERY
BREGAGLIA (GR)
10 ore
Non solo acqua per produrre energia
Oltre 1'200 pannelli sono stati posati sulla diga dell'Albigna. Sarà il più grande impianto solare alpino in Svizzera.
AGNO
14 ore
Scintille tra e-biker e pedoni
La convivenza sulla frequentata passeggiata "Bill Arigoni" è messa a rischio dalla velocità dei ciclisti
CANTONE / LIBANO
14 ore
Un ticinese a Beirut: «Vivo per miracolo»
L'ex granconsigliere ha raccontato la sua esperienza durante gli scoppi: «L'appartamento è completamente distrutto»
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile