Archivio TiPress
CANTONE
21.04.20 - 18:520

Per la prima volta dal 2000, i salari ticinesi sono in diminuzione

Nel 2018, la contrazione rispetto al biennio precedente è stata di 200 franchi

BELLINONA - Il salario mediano dei ticinesi non solo è il più basso del Paese, ma è addirittura in calo. Nel 2018, la diminuzione rispetto a due anni prima è stata di 200 franchi. Si tratta di un fenomeno che non ha precedenti dal 2000 in poi.

Globalmente, secondo i dati svizzeri pubblicati oggi dall'Ufficio federale di statistica (UST) e dai quali si possono estrapolare quelli ticinesi, nel giro di un paio d'anni il salario mediano nel cantone italofono è passato da 5563 franchi mensili lordi a 5363. Ciò significa che il 50% ha guadagnato più di tale cifra e il 50% meno. A titolo di paragone, fra il 2014 e il 2016 si era osservato un aumento di 78 franchi e fra il 2012 e il 2014 di 97.

Contando solo il settore privato, la contrazione è stata di 99 franchi, da 5262 a 5163. Nei bienni precedenti invece si era assistito a incrementi di 137 e 34 franchi. Dal 2000, quando il salario mediano era di 4357 franchi, la crescita era stata finora costante.

Al momento resta difficile spiegare il perché di questo cambio di tendenza. Contattato dall'agenzia Keystone-ATS, l'Ufficio di statistica cantonale (USTAT) ha preferito per ora non esprimersi, non avendo ancora gli elementi per andare oltre le cifre nude e crude di oggi. Prima di lanciarsi in spiegazioni, l'USTAT vuole analizzare i micro-dati: un approfondimento verrà pubblicato nei prossimi mesi.

Il calo di 200 franchi potrebbe essere dovuto a motivi strutturali, ma non a tagli delle retribuzioni. Inoltre, ipoteticamente, rispetto all'ultima volta potrebbero essere state intervistate persone appena entrate nel mondo del lavoro e quindi con uno stipendio inferiore. La flessione in Ticino è comunque troppo marcata per farla risalire unicamente a motivi legati al campione di popolazione coinvolto.

Tali fluttuazioni dovute alla diversa situazione degli individui interrogati possono invece bastare a interpretare le variazioni, meno pronunciate, di altre regioni elvetiche, come la diminuzione di 13 franchi osservata nella Svizzera centrale (LU, NW, OW, SZ, UR, ZG).

In tutte le altre regioni si è registrato un aumento del salario mediano, in particolare a Zurigo (+96 franchi), l'unico cantone insieme al Ticino che come al solito viene esaminato singolarmente, e nell'Espace Mittelland (BE, FR, JU, NE, SO), con +85. Da ricordare come Zurigo abbia anche il valore più alto in termini assoluti (6965 franchi).

Tornando sul Ticino, il settore in cui la paga è peggiorata di più è quello terziario, con una contrazione di 306 franchi. Più contenuto il passo indietro nel secondario (-75).

Entrando ancora più nel dettaglio, i ticinesi ad aver subito il calo maggiore sono quelli attivi nell'istruzione (-971). Particolarmente colpiti pure altri rami, quali la finanza, giù di 651 franchi, l'architettura e ingegneria (-484) e l'amministrazione pubblica (-403). Nei servizi sanitari, il salario mediano è diminuito esattamente di 300 franchi. Discorso simile per la farmaceutica, industria in cui la busta paga dei ticinesi è quasi la metà di quella della maggior parte dei connazionali.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Don Quijote 1 anno fa su tio
Il modello USA calza bene a chi è qualificato bene sulla carta è ha un buon rendimento anche sul lavoro, si pagano poche tasse e sopratutto pocchi costi sociali (quelli per solidarietà). Quelli poco o per niente qualificati li puoi prendere per una settimana (paga settimanale) e sbarazzartene la settimana dopo. Dipende a che gruppo appartieni ...
Gus 1 anno fa su tio
Certo tagliamo nell'istruzione e nei servizi pubblici. Poi mettiamoci alle finestre ad applaudire gli infermieri e abbassiamo le tasse all'economia. Che vergogna!
Tato50 1 anno fa su tio
Siamo gli ultimi a livello salariale in Svizzera, ma primi per il Coronavirus. Certo che in quanto a rogne siamo messi bene ;-((
Giulietto 1 anno fa su tio
Ma scusate non si può copiare quello che stanno facendo gli USA per difendere i lavoratori e bloccare ogni permesso di lavoro transfrontaliero almeno nei prossimi 12 mesi? Ma chi pensa a noi nessuno? Dall’ Europa non riceviamo nemmeno sostegno finanziario, ma daiiiii
F/A-18 1 anno fa su tio
@Giulietto Ma tu lo sai che senza i frontalieri il nostro cantone è fermo peggio del lockdaun.
Tato50 1 anno fa su tio
@Giulietto Guarda che negli USA, in certi Stati, scendono in piazza a migliaia per pretendere di tornare alla normalità e si scagliano pure contro il personale sanitario che cerca di dissuaderli. Hanno 5000 morti al giorno ma probabilmente non hanno capito cosa sta succedendo. Lasciamoli liberi di morire se vogliono e il personale sanitario che cerca di farli ragionare prenda un mesetto di congedo; forse allora capiranno che era meglio un sacrificio di qualche settimana che un sacrificio totale.
Don Quijote 1 anno fa su tio
@Giulietto Vedi risposta sopra.
klich69 1 anno fa su tio
Notizia vecchia come l’accordo frontalieri del 74.
seo56 1 anno fa su tio
Grazie ai frontalieri!!!
Mag 1 anno fa su tio
@seo56 In che senso, le persone o le leggi?
VECCHIOTTO 1 anno fa su tio
Ma noooooo. Cosa dite mai???? Ma se la SECO dice che non è vero? E il RICO dove è finito?
Meck1970 1 anno fa su tio
..... E le spese, tasse,.... sono 30 anni che aumentano ......
lügan81 1 anno fa su tio
Chi possiamo ringraziare?... Dal 2000 ce ne sono stati di politici nel dipartimento finanze... Ma anche negli altri...
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FAIDO
2 ore
«Tanta rabbia, da sola non ce l'avrei fatta»
Morena Pedruzzi racconta la lunga strada per uscire dall'incubo dell'attentato di Marrakesh
FAIDO
7 ore
Marrakesh, il racconto dieci anni dopo
Morena Pedruzzi è l'unica sopravvissuta ticinese all'attentato terroristico del 2011. Si racconta in un libro
CANTONE
9 ore
L'Udc non parla con la Rsi
«Troppo parziale». I democentristi domani non commenteranno le votazioni ai microfoni di Comano
FOTO E VIDEO
CUGNASCO-GERRA
15 ore
Fiamme dalla canna fumaria, intervengono i pompieri
L'incendio, divampato questa mattina a Cugnasco, si è propagato anche al tetto.
RIVA SAN VITALE
15 ore
A processo per tentato omicidio
Rinviata a giudizio la 43enne che sei mesi fa accoltellò al collo il compagno.
BOSCO GURIN
1 gior
«Rabbia per l'ingiustizia subita...» da Frapolli
Fumata nera dopo gli incontri: niente sconti a maestri e bambini da parte del gestore degli impianti
CANTONE
1 gior
«Aumento delle indennità al Gran Consiglio? No, grazie»
Presentata un'iniziativa parlamentare che chiede lo stralcio dell'automatismo degli aumenti
CANTONE
1 gior
Radar, ecco dove
Come ogni venerdì la Polizia comunica le località in cui potrebbero esserci controlli della velocità.
CANTONE
1 gior
Eoc, terza dose ai dipendenti over 50
L'Ente ospedaliero apre il richiamo vaccinale per i collaboratori a contatto con i pazienti
FOTO
BIOGGIO
1 gior
Sbaglia strada per colpa del navigatore e “sprofonda” in un terreno agricolo
È un'autocisterna la protagonista dell'episodio che si è verificato negli scorsi giorni a Bioggio. Sul posto i pompieri
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile