Tipress
GAMBAROGNO 
21.04.20 - 18:170

Il personale della Cinque Fonti: «La situazione sta degenerando»

Una trentina di dipendenti ha scritto una lettera aperta per denunciare l'attuale, profondo, disagio

GAMBAROGNO - È una lettera aperta che ha il tono del grido d’aiuto quella sottoscritta da una trentina di collaboratori della Casa per anziani Cinque Fonti di San Nazzaro. Le vicende che hanno costellato gli ultimi mesi hanno spinto il personale a portare allo scoperto un «profondo disagio e preoccupazione». 

«L’impressione - scrivono i dipendenti - è che la situazione non promette affatto di migliorare, ma al contrario degenera ogni giorno di più». Da qui lo scritto che si rivolge a mezzo stampa «agli ospiti della casa, ai loro parenti, ma anche e soprattutto ai cittadini e ai politici del Gambarogno; insomma, a tutti coloro cui il bene della Casa Anziani Cinque Fonti sta (o dovrebbe stare) più a cuore». 

Lo scorso mese di settembre, prosegue la lettera, «con l’entrata in funzione del nuovo direttore Samuele Enderli, abbiamo subìto respirato un’aria nuova. Abbiamo avvertito che erano in atto importanti e positivi cambiamenti. Ci siamo sentiti ascoltati e considerati, coinvolti nelle decisioni quotidiane. Abbiamo finalmente potuto svolgere le funzioni che competono al nostro ruolo professionale». 

Il licenziamento dopo soli tre mesi del direttore avrebbe, continuano i dipendenti, avuto effetti nefasti per la struttura. «Fino a gennaio ci siamo ritrovati con la precedente e storica direttrice, la quale, in un sol colpo, ha azzerato tutto quanto di nuovo e positivo era stato introdotto da Enderli. Dopo la partenza del direttore Enderli, si sono dimesse la contabile e la governante. Poi è improvvisamente entrato in scena Alvad, con un nuovo direttore. Tutto è avvenuto a nostra insaputa».

Nella migliore delle ipotesi, continua lo scritto, «siamo stati serviti di informazioni assolutamente sommarie. Il tutto si è svolto in un contesto di poca trasparenza. Ci sentiamo in balia degli eventi». La lettera ripercorre quindi le partenze e dimissioni degli ultimi mesi, di cui ha riferito anche Ticinonline. Fino a quella più recente della direttrice sanitaria. «Con la fine di aprile la direttrice sanitaria e suo padre Dottor Pelloni terminano la collaborazione con la Casa e non è noto chi prenderà il loro posto. Non vi sono nominativi di medici da sottoporre ai Residenti e ai loro famigliari, questa situazione genera ansia e preoccupazione soprattutto in questo periodo che già costringe i nostri ospiti ad un isolamento prolungato dovuto all’emergenza sanitaria in corso».

Il personale lamenta quindi la mancanza di informazioni: «Quanto accade lo apprendiamo soprattutto dai media«. «Tutto questo - conclude la lettera - suscita preoccupazione e compromette indubbiamente l’immagine della Casa per Anziani. Ma soprattutto pregiudica la qualità del lavoro e del servizio, turbando la serenità di collaboratori, ospiti e parenti. Ci auguriamo di cuore ed auspichiamo che la Cinque Fonti possa al più presto ritrovare una gestione affidabile e trasparente, che sola può garantire qualità e serenità nel lavoro».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FOTO E VIDEO
LUGANO
53 min
Toh, in Viale Franscini sono spuntate delle balene
È il murale realizzato sulla parete di un palazzo dal collettivo Nevercrew
CANTONE
1 ora
No del Governo alla mascherina: «È una decisione politica»
Il dottor Garzoni si dice convinto che il Consiglio di Stato sarà disposto a introdurre l'obbligo se i numeri saliranno.
CANTONE
3 ore
San Giorgio: svelato il mistero del rettile col supercollo
I ricercatori hanno stabilito che si trattava di un animale acquatico, ma non era un nuotatore efficiente
CANTONE
6 ore
No all'obbligo d'indossare la mascherina negli spazi chiusi
Norman Gobbi: «Non sarebbe stata una misura proporzionata visti i pochi casi che ci sono in Ticino»
CANTONE / ITALIA
6 ore
Riciclava soldi per il boss a Lugano
Sequestrati tre milioni di euro a un’avvocatessa di Milano legata al camorrista Vincenzo Guida.
CANTONE / SVIZZERA
8 ore
Tra ritardi e Covid, festeggiamenti ridotti per la galleria del Ceneri
Venerdì 4 settembre l'inaugurazione ufficiale. Inizialmente erano previsti 650 ospiti, ma non sarà così
CANTONE
10 ore
Un nuovo caso di Covid-19 in Ticino, anche un ricovero in più
Il totale d'infezioni da inizio pandemia ha raggiunto quota 3'446. Il numero di decessi resta fermo a 350.
BLENIO
14 ore
«Rilanceremo il cioccolato della Cima Norma»
Gastronomia e cultura. Ecco l’affascinante progetto di Abouzar Rahmani, 39 anni, imprenditore di Morcote.
CANTONE
14 ore
«Annunciarsi in ritardo è da furbi»
La hotline per chi rientra da paesi a rischio Covid lavora a pieno ritmo. Ma non mancano i problemi
BEDRETTO
21 ore
Moto completamente distrutta dalle fiamme
L'incendio si è sviluppato oggi attorno alle 21 sulla strada del Passo della Novena
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile