Nel 2019 uno svizzero su tre ha lavorato da casa
Keystone
SVIZZERA
17.04.20 - 16:360
Aggiornamento : 17:30

Nel 2019 uno svizzero su tre ha lavorato da casa

Come cambia il lavoro: uno su due ha un orario flessibile. Gli uomini meglio delle donne

BERNA - Ormai lavoriamo da casa da oltre un mese. Realizziamo il sito e il giornale direttamente dalle nostre stanze. Per noi si tratta della prima volta. E come noi tante altre aziende si sono dovute confrontare con l'home working. Se per noi è una novità, non lo è per molte altre realtà aziendali. L'home office non è dunque una novità conosciuta solo con la diffusione del coronavirus. Lo scorso anno ad esempio, circa un terzo dei dipendenti svizzeri ha lavorato da casa.  Stando ai dati fornito oggi dall'Ufficio federale di statistica (UST) nel 2019  il 33,7% dei dipendenti ha dichiarato di lavorava da casa;  il 4,9% ha detto di farlo sempre, il 14% lo fa regolarmente e il 14,8% occasionalmente.

Inoltre l'anno scorso quasi un collaboratore su due (46,2%) beneficiava di un orario flessibile: il 18,9% lavorava principalmente o regolarmente a domicilio e il 5,1% su chiamata. La percentuale di coloro che hanno deciso autonomamente l'orario di inizio e fine della giornata lavorativa è aumentata di 5,3 punti percentuali rispetto al 2010 (40,9%).  Un po' più a misura del dipendente è diventato anche il lavoro nel fine settimana: nel 2019 quasi una persona attiva su cinque (18,9%) lavorava regolarmente il sabato e quasi una su dieci (9,8%) la domenica. Dal 2010 si registra un calo rispettivamente di 3,6 e di 1,5 punti percentuali, precisa l'UST, che promette di presentare a settembre i dati relativi al primo semestre di quest'anno caratterizzato dal lockdown.

Gli uomini meglio delle donne - Per quanto riguarda l'orario di lavoro flessibile, si nota un evidente squilibrio tra i sessi: gli uomini sono stati l'anno scorso più spesso liberi di organizzare il loro orario di lavoro rispetto alle donne. A godere di questo privilegio erano il 51,5% dei collaboratori e solo il 40,5% delle collaboratrici.

Attività finanziarie flessibili, ristorazione no

La grande opportunità di avere un orario di lavoro flessibile l'avevano le persone impiegate nei rami attività finanziarie e assicurative (77,0%) e informazione e comunicazione (76,4%). L'orario flessibile era invece poco diffuso nei rami servizi di alloggio e ristorazione (18,4%), sanità e assistenza sociale (23,8%) ed edilizia (24,4%). A lavorare la sera (tra le 19.00 e mezzanotte) nel 2019 sono state maggiormente le donne (17,8%) rispetto agli uomini (15,4%). Complessivamente - secondo i dati dell'UST - a svolgere abitualmente un'attività serale l'anno scorso è stato il 16,5% delle persone occupate, in calo di 0,7 punti percentuali rispetto al 2010 (17,2%). Per quanto riguarda invece il lavoro notturno (tra mezzanotte e le 6.00 del mattino) - svolto dal 4,6% delle persone occupate - il tasso degli uomini (5,2%) superava quello delle donne (3,9%). Tale orario era prevalentemente diffuso nei rami trasporto e magazzinaggio e servizi di alloggio e ristorazione.

Lavoro su chiamata - Nel 2019 ha lavorato su chiamata il 5,1% delle persone dipendenti, contro il 5,6% del 2010. Questa forma di attività riguardava maggiormente le donne rispetto agli uomini (6,3% contro 4,0%). Il lavoro su chiamata era più frequente tra i giovani (15-24 anni: 9,5% delle persone dipendenti) e tra gli over 65 (21,6%), precisa l'UST.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
miba 1 anno fa su tio
....e poi magari hai un lavoro da consegnare e sei tirato con i tempi ma subentrano le sempre più frequenti panne di Swisscom... :):):)
Canis Majoris 1 anno fa su tio
Io del home Office sono felicissimo! Niente traffico 4 volte al giorno (circa 2 ore di tempo libero in più) nessun problema per il posteggio, nessun fiato sul collo.. una figata pazzesca e mi sembra addirittura di essere più produttivo! Non vorrei più tornare al classico sistema
Fran 1 anno fa su tio
Io ho gestito una cassa malati da casa al.50%. Io ADORO lavorare da casa. E lavoro bene se non di più é consegno un lavoro qualitativamente equivalente se non migliore lavorando da casa. Ho cercato per anni (!) telelavoro: senza successo. In Ticino i datori di lavoro hanno l'assoluta necessità a vedere (..) la segretaria. Peccato. Il telelavoro funziona solo ora. Vedrete, appena rientrerà l'allarme covid è saremo di nuovo tutti imbottigliati nelle interminabili code. Assurdo. Ma...scommettiamo?
Canis Majoris 1 anno fa su tio
@Fran Quanto spero di no! Il telelavoro funziona benissimo!
Fran 1 anno fa su tio
@Canis Majoris Già. Io rendo non il doppio ma quasi, da casa. Senza distrazioni tra colleghi e telefonate e pause caffè ??
Mag 1 anno fa su tio
Se una attività lavorativa dipendente può essere svolta completamente tramite telelavoro, allora è una attività lavorativa indipendente; chi fosse contrario a questo concetto, non lo assumerei mai (non scaldatevi ... è solo un opinione).
Fran 1 anno fa su tio
@Mag Concordo.
Fran 1 anno fa su tio
@Mag Concordo. Indipendente ma salariato da dipendente??
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
RIAZZINO
7 ore
Il Vanilla si ferma dopo appena due mesi
La discoteca più grande della Svizzera abbassa di nuovo la serranda. La causa è sempre la stessa
LUGANO
11 ore
«Sempre più solo, così il prete cede al sesso»
Torna d'attualità il celibato obbligatorio tra i sacerdoti cattolici. Il teologo Alberto Bondolfi lo abolirebbe.
CANTONE
12 ore
Con la mascherina già dalla quarta elementare
Il Consiglio di Stato ha comunicato ai Comuni di voler introdurre la misura a partire da lunedì.
CANTONE
14 ore
Test ripetuti nelle scuole? «I laboratori sarebbero in difficoltà»
Ecco il parere ticinese sulle misure anti-coronavirus che il Consiglio federale ha messo in consultazione
LUGANO
15 ore
Ex Macello, di nuovo interrogata Karin Valenzano Rossi
La municipale ha risposto oggi alle domande dell'avvocato degli autogestiti Costantino Castelli.
CANTONE
19 ore
Le quarantene di classe salgono ancora: ce ne sono altre 12
Anche il Ticino deve fare i conti con la quinta ondata. Mai così tanti casi giornalieri dal 6 gennaio scorso a oggi.
CANTONE
20 ore
Scatta Prevena 2021: ecco come prevenire furti e borseggi
I consigli della polizia per le festività. Prevista la presenza accresciuta di agenti su tutto il territorio
LUGANO
21 ore
L'Orto a scuola, perché solo con loro il futuro sarà più green
Alle scuole elementari di Besso ha preso avvio un innovativo progetto di "Permacultura".
FOCUS
21 ore
Che fine ha fatto l'AIDS?
Esiste da 40 anni. Un vaccino ancora non c'è. Perché? Intervista a Enos Bernasconi, viceprimario Malattie infettive ORL
LOCARNO
23 ore
«Ecco l'idea che libererà le valli dai campeggiatori selvaggi»
L'app "parknsleep.eu" vince il premio per l'innovazione del turismo svizzero. E sbarca anche in Ticino.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile