Keystone
LUGANO/COIRA
17.04.20 - 06:380
Aggiornamento : 09:38

«Mio figlio bloccato in caserma da 5 settimane. Sono come bombe innescate»

La madre di un milite ticinese in ferma nei Grigioni si sfoga: «Non li informano su quando potranno tornare»

E aggiunge: «Perché c'è un ufficiale che tutte le sere va a casa e poi rientra tra i soldati?»

LUGANO/COIRA - “Più si osservano le istruzioni e prima torneremo! Insieme sconfiggeremo il coronavirus”. Se per molti questa è una guerra, sul sito di una scuola reclute di stanza nei Grigioni scrivono di essere pronti a combatterla. 

Il guaio è che quel “prima torneremo” sta diventando maledettamente lungo. Tanto da spingere non una morosa, ma la madre di una recluta ticinese a lanciare un accalorato appello: «Mio figlio, come altri suoi camerati, da cinque settimane non torna a casa! Sono impiegati sette giorni su sette, con le pause ridotte all’osso». La donna aggiunge il dettaglio che «mangiano malissimo e vedo mio figlio prosciugarsi». Ma soprattutto sottolinea di sentirsi «impotente, perché vedo che questi ragazzi stanno soffrendo».

Lo sfogo potrebbe essere archiviato alla voce preoccupazione di mamma...  Se non che la genitrice critica il fatto che non tutti i soldati sarebbero confinati in caserma: «C’è un ufficiale che tutte le sere torna a casa dalla famiglia. E a Pasqua non si è visto per tutto il giorno. Dopodiché fa rientro in mezzo ai soldati senza usare la mascherina». Secondo quanto riferisce la recluta, durante l’istruzione non ci sarebbe rispetto per le distanze: «Quello che si vede fuori dalla piazza d’armi, davanti ai civili, non corrisponde a ciò che poi accade lontano dagli sguardi».

La quarantena a distanza dal Covid starebbe intaccando il morale della truppa: «Stanno scompensando un po’ tutti - sostiene ancora la madre -. Non ricevono nessuna informazione su quando potrebbero fare rientro definitivo in Ticino. Doveva essere per metà maggio, ma se l’epidemia perdura potrebbero trattenerli sino a fine giugno». Risultato: «Molti di questi giovani sono come bombe innescate. Pronti a scattare. Chiedo solo che venga dato loro il contentino di tornare per un weekend». 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
9 min
L’accusa: «Ha consumato la vittima a poco a poco»
Nei confronti dell’ex funzionario del DSS chiesta una pena sospesa di 24 mesi.
BELLINZONA
45 min
Casa anziani a Sementina, il Municipio: «Abbiamo competenze limitate»
Sul rapporto dell'Ufficio del Medico cantonale: «Chi di dovere farà le necessarie osservazioni e contestazioni».
CANTONE
1 ora
«Non riuscivo a oppormi»
Parla la vittima degli abusi sessuali attribuiti all’ex funzionario del DSS a processo in Appello
CANTONE / SVIZZERA
2 ore
Settimana prossima si testano le sirene
Mercoledì 3 febbraio ci sarà l'annuale prova generale delle circa 5'000 sirene fisse presenti sul territorio svizzero.
CANTONE
3 ore
Processo per abusi: «Erano solo degli incontri, senza sesso»
L’ex funzionario del DSS nega di aver costretto la giovane ad avere dei rapporti
CANTONE
4 ore
Personale sociosanitario: «Ora basta! Mobilitiamoci!»
L'idea di manifestare nasce dalla bocciatura della rivalutazione salariale del personale infermieristico dell’Osc.
CANTONE
5 ore
Covid: sette ricoveri, ma 17 dimessi
Nelle ultime 24 ore sono 48 i nuovi positivi al Coronavirus. Purtroppo ci sono anche 4 vittime.
MENDRISIO
5 ore
Con 400 grammi di eroina in auto: arrestato un 19enne
Il giovane è stato fermato martedì 26 gennaio nei pressi dello svincolo di Mendrisio dalle guardie di confine.
CANTONE
5 ore
L’ex funzionario DSS: «Ho ricevuto telefonate e messaggi anonimi»
Si è aperto il processo in appello per abusi sessuali avvenuti tra il 2004 e 2005.
CANTONE
7 ore
Valanghe, bollino rosso nell'Alto Ticino
Allerta di grado 4 nell'Alta Leventina e nella Valle Bedretto, sopra i 1'800 metri
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile