TiPress - foto d'archivio
CANTONE
15.04.20 - 19:000

«Impareremo a convivere con il coronavirus»

Il dottor Christian Garzoni spiega che solo il 10% dei ticinesi lo ha contratto per ora. E continuerà a circolare

LUGANO - «Sarà una lunga convivenza quella con il coronavirus». Lo ha dichiarato questa sera Christian Garzoni, direttore sanitario della Clinica Luganese Moncucco, ai microfoni di Radio Ticino. Il medico ha spiegato che il virus «circolerà di più non appena ci sarà un allentamento delle misure. Quindi dobbiamo aspettarci che aumenteranno i casi, sicuramente. E il sistema sanitario farà da “fisarmonica”», con i contagi che aumenteranno e diminuiranno periodicamente.

Oggi, infatti, in Ticino «difficilmente più di una persona su dieci ha contratto il virus». E per arrivare alla cosiddetta "immunità di gregge" «almeno il 60-70% della popolazione nel cantone deve averlo contratto». Insieme ad altri cantoni, quindi, si sta avviando un programma di «mappatura, per capire quante persone sono state contagiate». In ogni caso, il Covid-19 «dovremo lasciarlo circolare - spiega il dottor Garzoni -, in maniera controllata. Impareremo a conviverci». 

Se le misure venissero allentate tutte insieme, si rischierebbe che la curva torni ad alzarsi troppo velocemente. «Anche l'allentamento deve pertanto essere misurato e se dovesse tornare “la tempesta”, dovremo essere pronti a stringere nuovamente con le misure».

E sull'immunità? Il direttore sanitario della Clinica Luganese Moncucco fa un po' di chiarezza in merito ai test sierologici: «Se io oggi avessi un risultato positivo al test, vorrebbe dire che il mio sistema immunitario ha contratto il virus. Ma non è ancora dimostrato che quegli anticorpi che ora ho mi proteggono dal ricontrarre la malattia. Inoltre, non si sa quanto dureranno questi anticorpi, per quanto tempo sarò protetto». Per il dottor Garzoni «la corsa al test sierologico è una falsa corsa». E invita: «Aspettiamo dei dati più sicuri e definitivi».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
14 min
Le sardine con la mascherina (a metà)
Mezzi pubblici affollati: a Lugano la situazione più problematica. Un 17enne con l'asma: «Ho paura»
MENDRISIO
14 min
«Basta un codice QR e il cliente è tracciato»
Esercenti stufi di “perdere tempo” nel registrare gli avventori? Forse c’è una soluzione.
COMANO
8 ore
Caffè "scorretto" Covid
La gerente dell'esercizio pubblico critica i silenzi dell'azienda: «Un cliente aveva il Covid e l'ho saputo da altri»
LUGANO / BELLINZONA
12 ore
Covid, quarantena di classe al Liceo 1 e alla Commercio di Bellinzona
Diversi allievi contagiati dal virus. Seguiranno le lezioni da casa
BIOGGIO
12 ore
Chiude la TE Connectivity: in 106 perdono il posto
L'azienda chiuderà lo stabilimento produttivo sul piano del Vedeggio a causa delle difficoltà attuali del mercato
CANTONE
13 ore
In treno senza mascherina? Poche multe
Le Ffs vigilano sul rispetto delle regole in treno. Ma «la maggioranza dei passeggeri si comporta bene» assicurano
CANTONE
18 ore
«Scegliamo con chi avere contatti stretti»
Oggi nel nostro cantone sono stati segnalati altri 255 casi. Negli ospedali sono ricoverate 35 persone
CANTONE
19 ore
Ambrì-Losanna: processo rimandato a data da definire
Doveva tenersi domani, ma non avrà luogo. «La farsa continua», commenta la Gioventù Biancoblu
CANTONE
19 ore
Trafficanti di marijuana in manette
Si tratta di un 57enne e un 30enne. In uno stabile in Riviera sono stati trovati stupefacenti e una coltivazione indoor
CANTONE
20 ore
In Ticino raddoppiano i contagi, 255 in un giorno
Il bollettino del medico segna un aumento notevole. I dati aggiornati sulle ultime 24 ore
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile