Ti-Press
CANTONE
15.04.20 - 21:150

Il regalo di Ticino Turismo al personale sanitario: vacanze e cene in omaggio

Il direttore Angelo Trotta: «Un ringraziamento per chi ha lottato contro il Covid-19». Congelate le attività 2020.

E ora, dopo una Pasqua da incubo, da dove si riparte? «Dalla clientela d'oltre Gottardo. E da quella locale».

BELLINZONA - Dieci buoni da 50 franchi da spendere in ristoranti ticinesi. E 21 buoni da due notti da spendere in alcuni alberghi, sempre in Ticino. È un concorso particolare quello lanciato da Ticino Turismo, in collaborazione con GastroTicino e con la sezione cantonale di hotelleriesuisse. Vi potrà partecipare unicamente il personale legato alle strutture sanitarie che in questi mesi ha lottato (e sta lottando) contro il Covid-19. 
 
Angelo Trotta, direttore di Ticino Turismo, perché avete lanciato questa operazione?
«Non è un'operazione di marketing. Vuole essere un gesto di ringraziamento verso dei professionisti che si stanno prendendo cura della nostra salute. Nelle intenzioni avremmo voluto offrire questa possibilità a tutte le decine di persone al fronte. Cosa purtroppo impossibile. Facciamo quello che possiamo, ma vorrei sottolineare il valore simbolico di questa mossa». 
 
Lei è entrato in carica a luglio 2019. Questa era la sua prima stagione dall'inizio. Dura iniziare così?
«Premesso che prima viene la salute, e poi tutto il resto, sì, certo, è stata dura. Dal 25 febbraio, giorno del primo contagio in Ticino, io e i miei collaboratori ci siamo messi a studiare un piano B. Questo 2020 era un anno cominciato bene, un anno in cui intendevamo ringiovanire il target di turisti d’oltralpe, in cui si puntava parecchio su una clientela internazionale e in cui dovevamo lanciare un turismo sostenibile e festeggiare l’apertura del tunnel del Ceneri».
 
Tutto questo non sarà possibile...
«Ne siamo consapevoli. Ma il piano di base è solo congelato. Adesso si tratta di uscire dalla crisi nel modo migliore. Per poi rilanciarsi. Almeno inizialmente ci saranno delle misure transitorie importanti, sulle quali stiamo lavorando».
 
Quanto può bruciare a un albergatore avere "perso" una Pasqua così?
«Parecchio. Anche perché c'erano tutte le premesse per fare benissimo. Dal profilo economico il danno è grosso. Posso capire sentimenti di rabbia e delusione. Sono, però, convinto che quasi tutti gli attori in gioco si siano resi conto di quanto la situazione fosse grave. Non si poteva fare altro che fermarsi. È stata una cosa più grande di noi».
 
Arriveranno risarcimenti finanziari per gli albergatori danneggiati da una Pasqua "che non c'è stata"?
«Per ora gli albergatori possono beneficiare delle misure previste per sostenere le aziende (indennità per lavoro ridotto, indennità per autonomi, accesso facilitato al credito…). Sul tavolo ci sono proposte per ottenere sostegni ulteriori sia a livello federale, sia cantonale. Si sta anche pensando a campagne su target nazionale e ticinese per aumentare il numero dei pernottamenti, e non solo i viaggi di giornata».

Da cosa bisogna ripartire?
«Adesso, per forza, dalla clientela d'oltre Gottardo. Che probabilmente, dopo lo stop forzato di Pasqua, ha tanta voglia di Ticino. Senza trascurare la clientela locale. Ticinese. Un albergatore lungimirante in un contesto del genere potrebbe partorire delle belle idee. E noi siamo qui per appoggiare gli albergatori nello sviluppare iniziative vincenti. Più avanti, quando finalmente il nuovo coronavirus sarà sotto controllo, potremo tornare al piano iniziale. Alla clientela internazionale. Ma è musica di un futuro non cosi prossimo».

Quanto le è pesato dire ai turisti svizzero tedeschi e romandi "non venite in Ticino"?
«Lo abbiamo fatto con empatia. E ritengo che il messaggio sia passato in maniera chiara. Appena sarà possibile, accoglieremo chiunque a braccia aperte».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CHIASSO
21 min
Delitto di via Valdani, padre e figlio rinviati a giudizio
Dovranno rispondere di assassinio, subordinatamente omicidio intenzionale, e aggressione.
CANTONE
41 min
«C'è preoccupazione per la durata della seconda ondata»
Da Bellinzona il DSS fa il punto della situazione e spiega gli adattamenti decisi per il prossimo futuro.
BELLINZONA
2 ore
«La polizia interferisce in modo sproporzionato e antidemocratico»
L’accusa arriva da ForumAlternativo, che pubblica su YouTube quanto accaduto martedì mattina
CANTONE / SVIZZERA
4 ore
Contagi e frontalieri: «È ora di limitare gli spostamenti?»
Piero Marchesi interroga le Camere federali sulla situazione ticinese
CANOBBIO
5 ore
Quattro classi in quarantena: «Ci vogliono misure urgenti»
I genitori degli allievi che frequentano le Medie di Canobbio sono preoccupati. E scrivono al Governo ticinese
CANTONE
6 ore
Secondo giorno sopra i 300 contagi, 5 nuove vittime
Sono 6'910 le persone risultate positive al test PCR da inizio pandemia. 361 i decessi
CANTONE
7 ore
A ridosso delle vacanze... altre tre classi in quarantena
La misura è stata adottata per allievi di tre diversi istituti scolastici ticinesi
LUGANO
7 ore
Appena iniziata, e già finita
Le nuove misure per contenere la pandemia prese dal Consiglio federale hanno bloccato Artecasa 2020 dopo poche ore.
CANTONE
9 ore
Il caso della corsa ai sussidi per imparare l'italiano
Il Cantone spende più del doppio del preventivato e blocca l'erogazione degli aiuti agli stranieri
AGNO
10 ore
In farmacia per chiedere aiuto e conforto
Luca Milesi, nuovo membro ticinese del comitato di “pharmaSuisse”, spiega il ruolo delle farmacie durante la pandemia
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile