Tipress
CANTONE
09.04.20 - 11:490

Gli uomini muoiono di più, i ricercatori di IOR e IRB lavorano su un'ipotesi

Dati epidemiologici suggeriscono che le differenze tra i sessi siano legate al diverso funzionamento degli ormoni.

Una delle proteine utilizzate dal virus SARS-CoV-2 per infettare le cellule sarebbe regolata dal recettore degli ormoni maschili. Una possibile terapia è già in cantiere.

BELLINZONA - Dopo il primo caso di Covid-19 diagnosticato in Ticino a febbraio, i casi registrati in Svizzera sono diventati più di 21'000 al 6 aprile. Se rapportato alla popolazione totale, la Svizzera ha al momento il numero più alto di casi diagnosticati in Europa (252 su 100'000 abitanti. E tale rapporto è ancora più alto per il Ticino (715 su 100'000). «Si tratta - precisano l'Istituto oncologico di ricerca (IOR) e dell’Istituto di ricerca in biomedicina (IRB) - chiaramente di un’emergenza sociale e sanitaria di dimensioni enormi». La tragedia diventa ancora più evidente se consideriamo i decessi: se rapportiamo il numero del Ticino alla popolazione per esempio della Germania, risulterebbe che a oggi questo paese avrebbe già dovuto registrare tra i 35-40'000 decessi, invece dei circa 2'000 avuti sinora.

E proprio osservando i dati delle persone morte, appare subito chiara la differenza di letalità tra uomo e donna. «Stiamo lavorando - precisano i ricercatori dei due istituti - per capire la differenza d'incidenza e soprattutto di severità del Covid-19 nelle diverse fasce di età tra uomini e donne».

Dati epidemiologici suggeriscono che le differenze tra i sessi siano legate al diverso funzionamento di ormoni e recettori ormonali tra uomini e donne. «In particolare - sottolineano IOR e IRB - da esperimenti preliminari di biologia molecolare, sembra che una delle proteine utilizzate dal virus SARS-CoV-2 per infettare le cellule sia la TMPRSS2 che è regolata dal recettore degli ormoni maschili».

 Questa proteina è anche coinvolta in tumori ormono-dipendenti, come il cancro alla prostata, uno dei temi fondamentali di ricerca allo IOR, e nuovi dati appena generati nei laboratori bellinzonesi indicano che le cellule epiteliali del polmone, suscettibili al virus SARS-CoV-2, esprimono i recettori per gli ormoni maschili. «Per questo ricercatori dei due istituti hanno deciso di unire le forze per sviluppare una possibile terapia anti-Covid-19, combinando l’inibizione diretta della proteina con molecole già note, assieme a farmaci antitumorali ormonali usati correntemente nella terapia del tumore alla prostata». Questo, viene precisato - permetterebbe di “attaccare” TMPRSS2 da due parti, impedendone il funzionamento. L’uso poi di farmaci già presenti sul mercato permetterebbe di rendere il trattamento, qualora si rivelasse efficace, subito disponibile.

L’ipotesi dei ricercatori bellinzonesi sembrerebbe suffragata anche dai primi dati inviati dagli oncologi di Wuhan in Cina, con i quali è stato stabilito uno stretto contatto, e che sembrerebbero indicare un’incidenza molto bassa d'infezione da COVID-19 in pazienti con carcinoma della prostata trattati con le succitate terapie anti-ormonali.

 

Per ampliare la ricerca scientifica, avviata nei laboratori dello IOR e nell’Unità di biologia strutturale computazionale dell’IRB, e per poter a termine arrivare a uno studio clinico adeguato, sono state inoltrate domande di finanziamento sia al Fondo Nazionale Svizzero per la Ricerca che ad altre fondazioni.

 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Tato50 1 anno fa su tio
Non ne ho sentita una dire che ci vogliono le "quote rosa" anche in questo momento ;-))
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FOTO
LUGANO
8 ore
Due auto si scontrano sulla Crespera
L'incidente è avvenuto questa sera a Breganzona: i due conducenti se la sono cavata con leggere escoriazioni.
LUGANO
8 ore
Don Tamagni, oltre 600mila franchi sottratti ai genitori
Il parroco di Cadro era il curatore della coppia di anziani, ed era esente da controlli.
CONFINE
10 ore
Covid, più controlli tra Svizzera e Piemonte
Il Verbano Cusio Ossola aumenta la sorveglianza sul confine, con l'introduzione del super Green Pass
RIVERA
11 ore
La Lega si riorganizza, ma c'è di mezzo la variante
L'appuntamento doveva tenersi questa domenica al Centro istruzione della Protezione civile
POSCHIAVO (GR) / SVIZZERA
12 ore
Valposchiavo fra i migliori borghi turistici del mondo
L'Organizzazione Mondiale del Turismo (OMT) ha accolto tutte le tre candidature presentate dalla Svizzera.
BELLINZONA
17 ore
Niente Rabadan nel 2022
Lo ha deciso ieri sera il Comitato, prendendo atto della «preoccupante evoluzione della situazione pandemica»
CANTONE
18 ore
In Ticino 160 nuovi contagi e altre cinque classi in quarantena
Negli ospedali ticinesi si contano attualmente 64 pazienti Covid, di cui otto in cure intense
RIAZZINO
1 gior
Il Vanilla si ferma dopo appena due mesi
La discoteca più grande della Svizzera abbassa di nuovo la serranda. La causa è sempre la stessa
LUGANO
1 gior
«Sempre più solo, così il prete cede al sesso»
Torna d'attualità il celibato obbligatorio tra i sacerdoti cattolici. Il teologo Alberto Bondolfi lo abolirebbe.
CANTONE
1 gior
Con la mascherina già dalla quarta elementare
Il Consiglio di Stato ha comunicato ai Comuni di voler introdurre la misura a partire da lunedì.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile