TiPress - foto d'archivio
CANTONE
07.04.20 - 16:270
Aggiornamento : 16:58

«Questo periodo non faccia dimenticare i docenti»

L'OCST chiede al Governo una presa di posizione entro il 16 aprile sulla penalizzazione dei docenti neo-assunti.

Maddalena Ermotti-Lepori ha presentato un'interrogazione.

BELLINZONA - Nella sentenza del 6 novembre 2019, il Tribunale cantonale amministrativo ha stabilito che le penalizzazioni legate al mancato riconoscimento degli aumenti annuali in favore dei docenti neoassunti non avevano base legale. Il 5 febbraio il Consiglio di Stato ha comunicato che avrebbe istituito un gruppo di lavoro al fine di analizzarne le implicazioni e la portata e che, in seguito,
avrebbe fornito ulteriori informazioni appena il quadro generale della situazione si sarebbe delineato.

L'emergenza coronavirus ha bloccato tutto. Ma pur «consapevoli che il periodo storico non ha precedenti e sta richiedendo un enorme sforzo da parte delle autorità cantonali», il sindacato OCST ritiene «strettamente necessario che sia fatta chiarezza in tempi brevi anche su questa questione». La fretta e la preoccupazione sono legate a eventuali termini di prescrizione che potrebbero compromettere le pretese del personale docente, al quale è stato comunicato di attendere una comunicazione da parte del Consiglio di Stato.

Per questo il sindacato ha scritto al Consiglio di Stato sollecitando un riscontro entro il 16 aprile, chiedendo che «rinunci sin d’ora ad avvalersi di un’eventuale eccezione alla prescrizione del credito salariale maturato con effetto sin dall’inizio della carriera professionale dei docenti interessati» e che «le situazioni di ogni docente interessato dalla sentenza vengano integralmente sanate attraverso il riconoscimento degli arretrati salariali maturati a causa delle penalizzazioni retributive patite senza base legale e con l’adeguamento salariale retroattivo all’entrata in vigore della nuova scala di riferimento».

Oltre alla lettera del sindacato, il Governo ha ricevuto anche un'interrogazione sull'argomento, firmata da Maddalena Ermotti-Lepori. Di seguito le tre domande:

1. Per queste ragioni chiedo al Consiglio di Stato di comunicare la/le procedura/e applicata/e attualmente in ogni settore scolastico per la determinazione e per l’attribuzione della classe di stipendio (e di eventuali riconoscimenti di scatti d’anzianità) dei docenti assunti (precisando anche eventuali ulteriori casi specifici interni ad un settore eterogeneo in sé, quale, a titolo esemplificativo, quello delle Scuole professionali), indicando tutti i criteri e tutti i parametri che concorrono nella definizione dei salari (specificando in che modo ed in che misura questi incidono nella procedura) nonché i salari effettivamente stabiliti per i diversi casi.

2. Inoltre, con riferimento alla sentenza del Tribunale amministrativo del 6 novembre 2019 relativa all’errata modalità di penalizzazione di due classi per i docenti neoassunti tra il 1997 e il 2013, chiedo di comunicare in che modo e con quali tempi il Consiglio di Stato intenda indennizzare i docenti colpiti e sanare la loro situazione salariale. Tale richiesta è stata sollevata anche da una lettera del 6 aprile indirizzata al Governo da parte del sindacato OCST.

3. Infine si chiede, in particolare e a tutela dei dipendenti danneggiati, quale sia il termine entro il quale far valere i propri diritti senza rischi di riduzione dell’indennizzo.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
6 ore
Coronavirus e Gran Consiglio: è un grattacapo
Nonostante il protocollo e le rigide misure sanitarie, si valuta nuovamente un cambiamento di sede
CANTONE
7 ore
Ecco l'ora solare: stanotte "si dorme di più"
Le lancette vanno riportate indietro di un'ora
CANTONE
12 ore
Una parentesi di sole prima di pioggia e neve
Al weekend di bel tempo farà seguito un inizio di settimana contraddistinto dalle precipitazioni.
LUGANO
13 ore
Permessi al Planet: scatta l'interpellanza
Giovanni Albertini e Sara Beretta Piccoli interrogano il Municipio in merito all'apertura della struttura di Pazzallo.
FOTO E VIDEO
RIAZZINO
14 ore
Cede il terreno sotto i binari: disagi, ma danni limitati
Dopo qualche ora, le FFS hanno ripristinato la linea ferroviaria tra Cadenazzo e Locarno.
CANTONE
18 ore
Dieci ricoveri, un decesso e altri 257 contagi
Negli ospedali ticinesi ci sono 62 persone positive al coronavirus.
FOTO
RIVIERA
20 ore
Esce di strada e finisce contro i ripari fonici della ferrovia
L'incidente della circolazione ha avuto luogo questa notte all'incrocio fra via Traversa e via Cantonale.
CANTONE
1 gior
Un deputato positivo, ma il Gran Consiglio non va in quarantena
Il rispetto delle misure anti-contagio non rende necessario il provvedimento
CANTONE
1 gior
«Il mini lockdown non serve»
L'esperto in malattie infettive Christian Garzoni si appella per l'ennesima volta alla responsabilità dei cittadini
CANTONE
1 gior
Una classe in quarantena alla Scuola Media di Viganello
Lo comunicano il DSS e il DECS in un comunicato congiunto
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile