Intubata a 29 anni per il Covid-19: il commovente video di Mariella
Tio/ 20Minuti
Mariella mentre si trovava alla Moncucco.
LUGANO
09.04.20 - 14:320
Aggiornamento : 16:49

Intubata a 29 anni per il Covid-19: il commovente video di Mariella

Mariella Montano torna a casa dopo la degenza, con tanto di cure intense, alla Moncucco. E lancia un nuovo appello.

«Mi fa rabbia – dice la ragazza –. Tanta gente usa l'espressione "#iorestoacasa" come se fosse qualcosa di tendenza. Ma questo non è un trend. E qui, purtroppo, non si scherza. State attenti. Tutti».

Mariella Montano è tornata a casa. La giovane di Breganzona era stata intervistata da Tio/ 20Minuti la scorsa settimana. Con i suoi 29 anni, risultava tra i più giovani pazienti in Svizzera a finire in cure intense per colpa del Covid-19. E Mariella ora può tirare un sospiro di sollievo. La sua degenza alla Clinica Moncucco di Lugano è stata lunga e dolorosa. Ma è terminata. «Venti giorni complessivi di ospedale – sussurra –. Non li potrò mai dimenticare». 

Esperienza sconvolgente – La 29enne lancia un nuovo appello. Tramite un video in cui racconta la sua sconvolgente esperienza. Lo fa con trasparenza e commozione. «Per otto giorni sono stata intubata. Per altri due giorni e mezzo sono stata "sveglia" in terapia intensiva. Poi è iniziata la riabilitazione, in una camera normale».

Amarezza – Ora che Mariella è tornata alla "quotidianità", non nasconde un certo disagio. «Sono amareggiata. Sui social vedo tante persone che usano l'espressione "#iorestoacasa" quasi per moda. Ma poi a casa non ci stanno. Viene usato come hashtag di tendenza. Così non è. Questa è una cosa seria. Qui purtroppo non si scherza. State attenti, tutti».

Il "mea culpa" – La giovane aveva già recitato il "mea culpa". Sapeva di essere soggetta a polmoniti e ha sottovalutato il nuovo coronavirus, continuando tranquillamente a fare uscite e serate con gli amici, anche quando l'allarme si stava amplificando sempre di più. Fino ai primi sintomi, accusati il 17 marzo. «Ho sbagliato. E non voglio che altri facciano lo stesso errore. Tanti non sanno neanche di essere soggetti a rischio». 

Mancava il respiro – La mente di Mariella torna a quanto vissuto nel letto d'ospedale. «Ho trascorso un calvario. Spesso non riuscivo a respirare bene. Se non con la maschera a ossigeno. A volte nemmeno con quella. Ero sotto sedativi. Ho avuto forse anche delle allucinazioni. Se voi aveste passato tutto questo, sapreste che "#iorestoacasa" non può essere un hashtag di tendenza». 

Non è il momento di esaltarsi – Mariella, interpellata di nuovo da Tio/ 20Minuti, si rivolge apertamente ai propri coetanei. «Nei prossimi giorni ci saranno giornate splendide. Non andate in giro. Aspettate che l'emergenza sia davvero rientrata. Non esaltiamoci perché in Ticino si è toccato il "picco" dei contagi. Il bel tempo primaverile può essere una trappola. Ti viene da uscire, da dire "tanto adesso si va verso un miglioramento". No. Le autorità sono state chiare. Le prossime due settimane saranno decisive. Non roviniamo tutto quello che è stato fatto finora». 

Una nuova vita – La 29enne spiega, infine, come si svolgono le sue giornate, ora che ha lasciato la clinica Moncucco. «Cerco di stare tranquilla. Sono guarita completamente. Ma devo ancora riabituarmi a fare determinati movimenti, a respirare nel modo giusto. C'è ancora un po' di strada da fare».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LOCARNO
49 min
Solduno, un giovane «psichicamente instabile»
Il 20enne che ha sparato alla ex fidanzata è accusato di tentato assassinio. Chiesta una perizia psichiatrica
SOLDUNO
5 ore
È salva la 22enne, giallo sul fucile
Sparatoria a Solduno: le condizioni della giovane sono stabili. Intanto riprendono gli interrogatori
MENDRISIO
5 ore
Il car-pooling salverà Ligornetto?
Un'interrogazione del gruppo Lega-Udc-Udf propone di puntare sulla modalità condivisa
CURIO
20 ore
Cede un pannello di legno, gravi ferite per un 49enne
L'infortunio è avvenuto questo tardo pomeriggio in un'abitazione privata di Curio.
CANTONE
20 ore
Quando le recinzioni sono trappole letali per la selvaggina
In Svizzera si stima che ogni anno migliaia di animali muoiano a causa dei mezzi di cinta.
AIROLO
20 ore
Lo scatto che gli salvò la vita
Vent'anni fa Oliviero Toscani entrava in galleria dietro al camion della tragedia
LOCARNO
21 ore
Sparatoria di Solduno, l'ex compagno non poteva avvicinarsi
Prima di esplodere i colpi, il 20enne ha probabilmente rincorso la malcapitata giù per le scale.
CANTONE
23 ore
Più radar nel Luganese che in tutto il resto del cantone
La lista dei controlli della velocità annunciati per la settimana dal 25 al 31 ottobre sulle strade del nostro cantone
CANTONE
1 gior
Trasparenza totale in politica: «Giù le maschere!»
Il caso Fidinam-Pandora riporta d'attualità il tema delle «relazioni d'interesse» tra politica e parastato
CANTONE
1 gior
Mobilità e Covid: «È evidente che qualcosa è cambiato in peggio»
Un'interrogazione di Marco Passalia chiede al Consiglio di Stato di chinarsi sulla situazione dei trasporti ticinesi
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile