Tipress (archivio)
CANTONE
07.04.20 - 12:260

Anche le cliniche di riabilitazione ticinesi in rete nella lotta contro il Covid-19

Alla Clinica di Novaggio sono già arrivati i primi pazienti.

Al Centro di riabilitazione Hildebrand di Brissago giungeranno nel corso della settimana. Le due strutture potranno accogliere 58 persone.

BELLINZONA - Il percorso delle persone colpite in maniera pesante dalla malattia si arricchisce di una nuova (e fondamentale) tappa. L'ultima prima del ritorno a casa. Nella lotta contro il Covid-19, infatti, entrano in campo anche le cliniche di riabilitazione: il centro Hildebrand di Brissago e la Clinica dell'Eoc di Novaggio, entrambe facenti parte della rete REHA TICINO (vedi box). «Le due cliniche - viene precisato in una nota - hanno coordinato l’offerta specifica di medicina riabilitativa per accogliere pazienti che hanno trascorso un lungo periodo all’Ospedale di Locarno o alla Clinica Luganese Moncucco». Novaggio ha già accolto i primi esuli dal nosocomio luganese, mentre a Brissago gli ex-pazienti Covid arriveranno nel corso di questa settimana. 

Le strutture si sono organizzate in modo da poter separare nel migliore modo possibile i flussi tra i pazienti ex-covid e i pazienti della riabilitazione “ordinaria”. «È importante ricordare che ci sono ancora pazienti che necessitano di riabilitazione, per esempio dopo un ictus oppure dopo un intervento a causa di un tumore, che non possono attendere. Medici, infermieri, terapisti e personale ausiliario sono dedicati specificatamente a una di queste due categorie».

L’attività riabilitativa per i pazienti ex-covid si svolge prevalentemente in camera per diminuire ulteriormente il rischio di un possibile contagio tra pazienti come pure tra il personale. «Secondo i piani attuali il numero massimo di pazienti ex-covid a Brissago è stato fissato a 32. Per quanto riguarda Novaggio si prevedono, con le attuali risorse, al massimo 26 pazienti. Per quanto
riguarda la Clinica Hildebrand sono stati inoltre organizzate 9 camere per pazienti che hanno ancora una tracheotomia. Questi pazienti necessitano di una sorveglianza clinica particolarmente elevata. A seconda dell’evoluzione della necessità riabilitativa, le due strutture adegueranno le loro offerte.

REHA TICINO - Si tratta di un’alleanza strategica in ambito riabilitativo siglata nel 2007 tra l’EOC e la Clinica Hildebrand. L’EOC, tramite la sua Clinica di Riabilitazione (CREOC), offre la riabilitazione nei campi muscoloscheletrico, respiratorio/pneumologico, geriatrico e oncologico nelle sue sedi di Novaggio e Faido. La Clinica Hildebrand Centro di riabilitazione Brissago, si occupa, dal canto suo, della riabilitazione neurologica, muscoloscheletrica, cardiologica, geriatrica e psicosomatica. Oggi, la rete REHA TICINO accoglie nelle tre strutture complessivamente 3’000 pazienti all’anno per le varie forme di riabilitazione stazionaria.

Tipress (archivio)
Guarda le 2 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
TOP NEWS Ticino
CANTONE
17 min
L'intelligenza artificiale che tiene sotto controllo il cuore
Ecco un progetto “made in Ticino” pensato per i pazienti affetti da disturbo del ritmo cardiaco su base genetica
CANTONE
1 ora
Covid in Ticino: 21 nuovi casi, stabili i ricoverati
Non si contano nuove vittime della malattia. Sette le classi tuttora in quarantena.
CANTONE
2 ore
È scontro politico sulle ispettrici contro la disparità di genere
Iniziativa contro il dumping, la Commissione propone lo stralcio del concorso al femminile: «Sarebbe discriminatorio»
CANTONE
4 ore
Insetti nel piatto? Ai ticinesi è passato l'appetito
Da Migros saranno tolti dall'assortimento. Nei negozi Coop le vendite restano stabili
BOLOGNA/LUGANO
6 ore
«Io, madre di un terrorista cerco la pace nel dolore»
È una mamma forte e coraggiosa, il cui figlio ha preso parte a un attentato dove hanno perso la vita 8 persone.
CANTONE
6 ore
Vaccinazione indotta dal Pass: «La fiammata si è già spenta»
L'obbligo di certificato per numerose attività ha spinto molti ad annunciarsi per farsi vaccinare.
CONFINE
13 ore
L'accoltellatore in Svizzera? È subito polemica
Dalla Lega si alzano voci di protesta, dopo la richiesta italiana. Quadri interpella il Consiglio federale
CASTIONE-ARBEDO
15 ore
La palestra dei non vaccinati è fuori legge
Lo confermano, interpellate sul caso del centro fitness Gymnasium, le autorità cantonali.
CANTONE
17 ore
Ecco il contratto dello scandalo
In anteprima il Ccl che Nando Ceruso non ha voluto mostrare alla stampa
CANTONE
19 ore
«Nessun essere umano può essere costretto a vivere sottoterra»
La campagna, che chiede la chiusura del bunker di Camorino come centro per richiedenti asilo, ha raccolto 1'580 firme.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile