Archivio Tipress
AIROLO
07.04.20 - 10:290

Tragedia ferroviaria di Airolo dovuta a un errore umano

Lo ha stabilito il Servizio d'inchiesta svizzero sulla sicurezza. Le FFS rivedono la formazione del personale

AIROLO - È dovuto a una pianificazione lacunosa del lavoro il tragico incidente ferroviario che si è verificato il 5 febbraio 2019 ad Airolo. Un incidente, lo ricordiamo, in cui un collaboratore di Securitrans aveva perso la vita e un dipendente FFS aveva riportato gravi ferite.

Oggi il Servizio d'inchiesta svizzero sulla sicurezza SISI ha pubblicato il relativo rapporto, in cui evidenzia che una draisina (un veicolo ferroviario di servizio) era stata posizionata su un binario che era aperto al regolare esercizio ferroviario. Ma i collaboratori erano convinti che la tratta fosse sbarrata. Da qui la collisione con un treno regionale. La causa dell'incidente è quindi un errore umano nel processo di sbarramento e nella comunicazione tra le persone coinvolte. Hanno contribuito anche imprecisioni nel dispositivo di sicurezza.

Le FFS - come si legge in un odierno comunicato - faranno confluire le conclusioni tratte dall’incidente nell’attuale revisione della formazione per dirigenti responsabili della sicurezza. «In particolare, sarà necessario migliorare la rilevanza pratica, affinché si possa tenere meglio conto delle situazioni di partenza in loco e ottimizzare i piani di sicurezza delle aree dei lavori. Le FFS perseguono così l’obiettivo di migliorare costantemente la sicurezza. A tale scopo, le conversazioni dei collaboratori che contribuiscono alla gestione del traffico vengono analizzate su un campione casuale per valutare se la comunicazione soddisfa i requisiti della formazione. L’obiettivo è di individuare tendenze e modelli nella comunicazione tra area dei lavori e capimovimento che hanno un impatto positivo o negativo sulla sicurezza».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
MAROGGIA
12 ore
I segreti delle impronte digitali
Perché tanta gente comune è attratta da questo tema? Lo spiega Federica Keller, esperta in analisi delle mani.
CANTONE
12 ore
Quei nomi che mettono “a rischio” la reputazione della Supsi
Vanno e vengono tra la Supsi e la tanto discussa Fidinam coinvolta nei Pandora Papers
FOTO
MASSAGNO
13 ore
Svelato il nuovo look del Lux
Da domani il cinema di Massagno sarà nuovamente aperto al pubblico dopo la ristrutturazione.
MENDRISIO
16 ore
Sfonda la vetrina con il Suv
Incidente questa mattina davanti alla stazione di Mendrisio. Un brutto spavento, ma nessun ferito
CONFINE
18 ore
Turisti del tampone, oltre frontiera per risparmiare
In Germania costa 14 euro, in Italia 15. Ma c'è chi per i ticinesi rialza il prezzo anche del 60 per cento
CANTONE
19 ore
Covid, i pazienti in cure intense salgono a due
I ricoverati a causa del virus restano nove.
CANTONE
20 ore
Meno auto, moto, bus e treni (ma più biciclette)
Il Dipartimento del territorio ha pubblicato oggi il rapporto "La mobilità in Ticino nel 2020".
LOCARNO
21 ore
«Volevo aiutare i "piccoli" a sopravvivere»
Economia e Covid: ecco come e perché Katia Roncoroni, 50enne di Losone, si è reinventata influencer marketing.
CANTONE
23 ore
Meno di 30 anni e già con il fegato compromesso
La pandemia ha acutizzato le dipendenze da alcol, che possono sfociare in gravi problemi di salute.
CANTONE
1 gior
Ticinesi pazzi per la sella: «Ne vendiamo tre tonnellate al mese»
La sella di capriolo è uno dei piatti maggiormente in voga in questo periodo dell’anno. E i numeri lo confermano.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile