Archivio Tipress
AIROLO
07.04.20 - 10:290

Tragedia ferroviaria di Airolo dovuta a un errore umano

Lo ha stabilito il Servizio d'inchiesta svizzero sulla sicurezza. Le FFS rivedono la formazione del personale

AIROLO - È dovuto a una pianificazione lacunosa del lavoro il tragico incidente ferroviario che si è verificato il 5 febbraio 2019 ad Airolo. Un incidente, lo ricordiamo, in cui un collaboratore di Securitrans aveva perso la vita e un dipendente FFS aveva riportato gravi ferite.

Oggi il Servizio d'inchiesta svizzero sulla sicurezza SISI ha pubblicato il relativo rapporto, in cui evidenzia che una draisina (un veicolo ferroviario di servizio) era stata posizionata su un binario che era aperto al regolare esercizio ferroviario. Ma i collaboratori erano convinti che la tratta fosse sbarrata. Da qui la collisione con un treno regionale. La causa dell'incidente è quindi un errore umano nel processo di sbarramento e nella comunicazione tra le persone coinvolte. Hanno contribuito anche imprecisioni nel dispositivo di sicurezza.

Le FFS - come si legge in un odierno comunicato - faranno confluire le conclusioni tratte dall’incidente nell’attuale revisione della formazione per dirigenti responsabili della sicurezza. «In particolare, sarà necessario migliorare la rilevanza pratica, affinché si possa tenere meglio conto delle situazioni di partenza in loco e ottimizzare i piani di sicurezza delle aree dei lavori. Le FFS perseguono così l’obiettivo di migliorare costantemente la sicurezza. A tale scopo, le conversazioni dei collaboratori che contribuiscono alla gestione del traffico vengono analizzate su un campione casuale per valutare se la comunicazione soddisfa i requisiti della formazione. L’obiettivo è di individuare tendenze e modelli nella comunicazione tra area dei lavori e capimovimento che hanno un impatto positivo o negativo sulla sicurezza».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
MURALTO/ LUGANO
25 min
Bocche cucite sui test non fatti sul corpo della vittima
Processo per il delitto in hotel: il giudice Ermani aveva "bacchettato" il medico legale. Nessuno al momento replica.
LUGANO
1 ora
«Io non giocherò più al calcio, ma ti spacco la faccia»
Torna la violenza nel calcio regionale. Ma l'origine del male risale a tanti anni fa.
CANTONE
1 ora
Gli universitari ticinesi tornano in classe: «È come ricominciare da capo»
Dopo un anno di studio da casa, condito da noia e solitudine, tre studenti ci raccontano il loro ritorno in aula.
CANTONE
7 ore
Massimo Suter passa all'UDC
La conferma arriva da un post pubblicato sulla pagina Facebook della sezione ticinese del partito
CANTONE
12 ore
Gobbi è diventato più permissivo
Permessi di residenza agli stranieri, il Ticino ha detto meno "no". Un ammorbidimento «per adeguarci alle sentenze»
FOTO
MAGLIASO
12 ore
Tre nasua albini allo Zoo al Maglio
Sono figli di un esemplare albino confiscato e che ha trovato accoglienza in Ticino.
CANTONE
14 ore
Delitto di Muralto, chiesti diciannove anni e sei mesi
Secondo l’accusa nella notte del 9 aprile 2019 all’Hotel La Palma si consumò un assassinio
CANTONE / SVIZZERA
17 ore
Il Ticino perderà due deputati... nel 2051
Colpa del calo della popolazione. La previsione dei politologi
CANTONE
18 ore
«L’ha strangolata, non erano tipi da asfissia erotica»
Nel processo per il delitto di Muralto, la procuratrice ha ribadito che la versione dell’imputato è «una menzogna».
CANTONE
20 ore
Il delitto in hotel, poi tutta una serie di menzogne
Si è riaperto con la requisitoria il processo nei confronti del 32enne accusato di assassinio
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile