TiPress
CANTONE
06.04.20 - 11:510
Aggiornamento : 17:22

Continua la scuola a distanza. L'appello: «Occhio agli allievi fragili e a rischio»

L’anno scolastico 2019/2020 sarà valido, nonostante il periodo "da casa". E finirà il 19 giugno.

Il DECS chiede che i docenti abbiano contatti personali regolari con gli allievi. A maggio si saprà come verranno decise le note.

BELLINZONA - Il calendario scolastico 2019/2020 (con fine il 19 giugno 2020, salvo scuole professionali) è confermato. Così come il calendario 2020/2021 (inizio previsto il 31 agosto 2020). Anche le vacanze di Pasqua si terranno normalmente. È quanto prevedono le direttive trasmesse oggi dal Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport (DECS) a tutti gli istituti scolastici, a seguito della pandemia Covid-19.

Non si perde l’anno - L’anno scolastico 2019/2020 sarà valido, nonostante il periodo (la cui durata non è ancora stabilita) di chiusura delle scuole per l’emergenza coronavirus. Le note di fine anno si baseranno principalmente su quanto fatto a scuola, ma anche il periodo a distanza potrà contribuire alla definizione del voto finale. 

Un occhio di riguardo - Nel periodo d’insegnamento a distanza i docenti/operatori devono avere contatti personali regolari di interazione diretta con ogni allievo (tramite telefono, videochiamata, ecc.) e prestare attenzione particolare ai riscontri delle classi e dei singoli allievi, come pure alle situazioni di fragilità e rischio. «È necessario avere un occhio di riguardo anche per gli allievi che si ha l’impressione fatichino a seguire la didattica a distanza». In questo periodo non ci sono valutazioni sommative (ad esempio le verifiche), mentre è mantenuta una costante valutazione formativa.

Nuovi argomenti, anche a distanza - Di principio fino al 19 aprile il DECS propone la formazione a distanza con un obiettivo di consolidamento di quanto già affrontato in classe. Dopo questa data sarà possibile prevedere l’introduzione e/o lo sviluppo di alcuni nuovi argomenti.

Note, promozioni, bocciature - A inizio maggio il DECS emanerà le direttive - attente a non penalizzare nessun allievo - sui criteri per la determinazione delle note finali e/o delle note del secondo semestre, delle condizioni di passaggio e di promozione. 

Un periodo “strano” ma produttivo - «Tutti gli attori scolastici stanno contribuendo, ognuno nel proprio ruolo, a reinventare la scuola per garantire ai giovani l’istruzione a cui hanno diritto, nel miglior modo possibile». Il DECS ringrazia pubblicamente il lavoro svolto da tutti in questo periodo.

Più nel dettaglio

Si tiene conto di tutto - Nella scuole elementare saranno analizzati singolarmente i casi nei quali è in corso un progetto di pedagogia speciale, quelli per i quali è previsto un monitoraggio, quelli delle unità scolastiche differenziate, quelli con un’accelerazione o un rallentamento del percorso formativo. Per l’iscrizione ai corsi A e B di quarta media e di terza media, la proposta terrà conto dello stato delle conoscenze al 13 marzo 2020. Ma, come sempre, faranno stato le note finali.

Scuole medie superiori - Ogni allievo non sarà chiamato a partecipare a più di una video-conferenza alla settimana organizzata da un docente. Le modalità di svolgimento degli esami di maturità saranno decise dalla Conferenza dei direttori della pubblica educazione. Per tutti l’attribuzione della nota finale per ogni disciplina è inderogabile.

Scuole professionali - Le modalità di svolgimento delle procedure di qualificazione nella formazione professionale, compresa la maturità professionale e specializzata, saranno decise a livello nazionale. Nelle prossime settimane, in base all’evoluzione della situazione, verranno definite date e modalità per gli esami scritti (in presenza o online) e degli eventuali colloqui orali.

Per maggiori informazioni, le direttive del DECS in allegato

Allegati
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
FOTO E VIDEO
LUGANO
12 sec
Materiale e sterpaglie in fiamme a Cadro
L'incendio è divampato all'esterno di uno stabile adibito a magazzino.
CANTONE
2 ore
La "fabbrica" dei collaudi va fuorigiri
Il Governo garantisce il rispetto dei piani di protezione, ma i collaboratori parlano di ritmi quasi pre-pandemici
MENDRISIO
3 ore
Càvea Festival, gli organizzatori gettano di nuovo la spugna
Per il secondo anno consecutivo le cave di Arzo rimarranno senza musica. L'attesa terza edizione non ci sarà.
BELLINZONA
8 ore
Ecco come sarà il nuovo Pretorio
Il Consiglio di Stato chiede al Parlamento un credito di 43 milioni e 420mila franchi per ristrutturazione e ampliamento
FOTO
BREGGIA
8 ore
Gli alberi se ne vanno per poi tornare
Nell'ambito della valorizzazione della piazza di Cabbio è iniziato lo spostamento di tigli e platani
CANTONE
9 ore
L'autostrada A2 si prepara per il semisvincolo
Al via i lavori per il risanamento globale del tratto compreso tra gli svincoli di Bellinzona Nord e Bellinzona Sud
FOTO E VIDEO
BRISSAGO
10 ore
Come ti salvo l'Isolino dalle neofite invasive
Le specie alloctone avevano colonizzato l'Isola dei conigli, ma un intervento mirato le ha estirpate.
CANTONE
10 ore
Covid: 44 positivi e 7 ricoveri
Il tasso di riproduzione Rt è dell'1,09. Sono 156 su 100mila le persone positive negli ultimi 14 giorni
BEDANO
14 ore
Decide Google Maps, niente aiuti per il ragazzo
Sconti sull'abbonamento del bus per chi tra casa e scuola impiega più di 20 minuti a piedi. Beffa per alcuni.
CANTONE
14 ore
Sofferenza (e licenziamenti) dietro il sipario
Il lockdown culturale sembra senza fine. Le eccellenze artistiche in Ticino sono in affanno
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile