tipress
CANTONE
03.04.20 - 15:410

I giovani «rischiano di rimanere indietro»

Il blocco scolastico crea un grande problema a famiglie e allievi svantaggiati. La petizione di Pro Juventute

LUGANO - C'è la crisi sanitaria. La crisi economica. Ma anche una crisi educativa. La chiusura delle scuole penalizza famiglie e allievi, soprattutto nei contesti più svantaggiati. L'allarme arriva da Pro Juventute, che - con una petizione online - chiede alle autorità di non lasciare «nessuno indietro».

«A causa della chiusura delle scuole, durante le lezioni seguite da casa, bambini e giovani sono maggiormente abbandonati a se stessi. Nonostante lo straordinario impegno di questi giorni da parte di insegnanti e genitori, soprattutto le studentesse e gli studenti più fragili si sentono spesso sotto stress» scrive l'associazione in un comunicato.

I bambini appartenenti a famiglie in difficoltà «oltre a non avere l’assistenza e il sostegno necessari, sono anche maggiormente esposti al rischio di subire violenza domestica» avverte Pro Juventute. Che chiede «misure urgenti e mezzi finanziari supplementari» per tutelare e recuperare i giovani svantaggiati.

Il grido d'allarme vale in generale per tutte le famiglie, dove «i genitori sono messi duramente alla prova» e in molti casi, per motivi di lavoro non possono accudire i figli. «Di fatto molti giovani vengono lasciati a sé stessi, incustoditi o affidati a fratelli maggiori». Particolare attenzione è richiamata inoltre sulle famiglie monoparentali «più esposte alle conseguenze di questa situazione». 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
1 ora
Il Covid colpisce anche via Nassa
Bucherer licenzia, ma tutto il settore orologiero in Ticino è in difficoltà. «Mancano i clienti arabi e americani»
CANTONE
2 ore
Gobbi sorpreso dalla decisione sugli eventi: «Si parlava di fine anno»
Secondo il Presidente del Governo cantonale, la decisione porrà molte competenze e costi sulle spalle dei cantoni
CANTONE
3 ore
Pornografia fra minorenni: «A chi sgarra confischiamo il telefono»
Il fenomeno dello scambio di materiale via chat o social è in aumento. Così come le segnalazioni alla magistratura.
CONFINE
5 ore
Pregiudicato napoletano estradato a Ponte Chiasso
Gravi capi d'imputazione, da omicidio ad associazione mafiosa. Avrebbe dovuto trovarsi in custodia cautelare a Napoli
FOTO
MESOCCO (GR)
8 ore
Centro sportivo vittima dei ladri
Qualcuno si è introdotto nel locale dopo aver tentato di sfondare la vetrina e aver rotto alcune finestre
SONDAGGIO
CANTONE
9 ore
«I turisti persi tra marzo e maggio non si possono recuperare»
Per gli alberghi ticinesi si prospetta un calo del giro d'affari di almeno il 25%, nonostante il turismo interno
CANTONE
10 ore
Covid, due mesi senza decessi
È di 3'460 il totale dei tamponi finora risultati positivi da inizio pandemia nel nostro cantone.
FOTOGALLERY
BREGAGLIA (GR)
11 ore
Non solo acqua per produrre energia
Oltre 1'200 pannelli sono stati posati sulla diga dell'Albigna. Sarà il più grande impianto solare alpino in Svizzera.
AGNO
14 ore
Scintille tra e-biker e pedoni
La convivenza sulla frequentata passeggiata "Bill Arigoni" è messa a rischio dalla velocità dei ciclisti
CANTONE / LIBANO
14 ore
Un ticinese a Beirut: «Vivo per miracolo»
L'ex granconsigliere ha raccontato la sua esperienza durante gli scoppi: «L'appartamento è completamente distrutto»
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile