Ti-Press
Uno dei tanti ristoranti chiusi in queste settimane.
CANTONE
04.04.20 - 09:340
Aggiornamento : 13:01

Coronavirus, assicurazioni che "fanno le furbe": niente risarcimenti ai ristoratori

Il fenomeno coinvolge diversi esercenti a sud delle Alpi, ma anche nel resto della Svizzera. La rabbia di GastroTicino

«Alcune compagnie – evidenzia l’avvocato Marco Garbani – si sono impuntate su dettagli senza senso. Come dire: non ti pago perché lo stesso problema ce l’hanno in Australia».  

"Presi in giro" dalle compagnie assicurative di fronte alle perdite economiche causate dalla pandemia del nuovo coronavirus. Sta accadendo a diversi esercenti in tutta la Svizzera. Le lamentele arrivano un po’ da ovunque. Le autorità hanno imposto, momentaneamente, a scopo preventivo, la chiusura dei locali. Una misura che dura già da diverse settimane. E che non è stata ancora revocata. Molti esercenti, intanto, stanno litigando col proprio assicuratore. «Ci sono in particolare due colossi assicurativi che si stanno comportando male – tuona Massimo Suter, presidente di GastroTicino –. Tutti gli esercenti coinvolti sono invitati ad agire».

La differenza tra epidemia e pandemia – Cosa sta accadendo in pratica? Al momento di stipulare l’assicurazione, un ristoratore ha la possibilità di assicurarsi anche contro le epidemie. «Il termine "epidemia" – evidenzia Marco Garbani, avvocato di GastroTicino – differisce da "pandemia" solo per una questione di estensione geografica. Alcune assicurazioni si sono impuntate, facendo leva su dettagli senza senso».

Questione di cavilli – Quello principale è il seguente. «Le compagnie oppositrici sostengono che non c’è copertura se la pandemia, dichiarata dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), è di grado 5 o 6. Ma da qualche anno l’OMS ha abbandonato il concetto di grado. Infatti, nel caso del Covid-19, l’OMS ha parlato semplicemente di pandemia. Punto. La tesi di queste assicurazioni, dunque, non regge. Ci si sta aggrappando a delle virgole. Come dire: non ti risarcisco perché lo stesso problema che hai tu, ce l’hanno in Australia».

Fronte comune – Ogni compagnia assicurativa ha le sue condizioni. «E va specificato che alcune si stanno comportando in maniera corretta – dice Suter –. In ogni caso stiamo cercando di organizzarci per fare un fronte comune. Per fare pressione sulle assicurazioni che non stanno facendo il loro dovere. Ci sono decine e decine di ristoratori che si trovano nei guai, in tutta la Svizzera, non solo in Ticino».

Come occorre agire – Un ristoratore della Svizzera italiana, in queste condizioni, cosa deve fare? Garbani spiega: «In accordo con GastroSuisse, si è deciso di attivare l’ombudsman delle assicurazioni, che in Ticino corrisponde alla figura dell’avvocato Marco Cereghetti di Lugano. I nostri soci sono invitati a inviare a lui tutta la documentazione che riguarda i loro casi. Sul sito di GastroTicino si trovano tutte le indicazioni per procedere. In alternativa, ci si può rivolgere al giudice». «Di certo – conclude Suter – non molleremo su questa vicenda. Anche perché si tratta di una questione di etica e di correttezza».   

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
AGNO
5 ore
«Galleria della circonvallazione: occhio che frana tutto»
Secondo il deputato Giancarlo Seitz il futuro tunnel andrà a toccare un pendio già instabile
MENDRISIO
7 ore
Orario ridotto al pronto soccorso pediatrico? «Frutto di un'inesatta comunicazione interna»
L'EOC ha precisato che la riduzione degli orari di apertura è stata valutata, ma non è mai entrata in vigore.
LUGANO
7 ore
La frontiera del sesso
Elena racconta come si immagina la riapertura dei locali erotici
CANTONE
8 ore
«Mergoscia non odia gli svizzero-tedeschi»
La sindaca si difende dagli attacchi seguiti alle multe comminate per posteggi irregolari
LUGANO
8 ore
Bertini non esclude una Lugano marittima "light"
Il problema resta sempre lo stesso: «Temiamo che possa diventare ingestibile il flusso di visitatori»
MENDRISIO
10 ore
Caos sugli orari del pronto soccorso pediatrico
I tre granconsiglieri PPD del Mendrisiotto interpellano il governo sulla paventata diminuzione d'orario all'OBV
BELLINZONA
11 ore
Christian Paglia non si ricandida
Il municipale PLR ha deciso di non ricandidarsi alle elezioni dell’aprile 2021
Berna/LUGANO
13 ore
L'UFAC rimette le ali all'aeroporto Città di Lugano
L'Ufficio federale dell'aviazione civile ha approvato oggi i cambiamenti necessari a far partire la nuova gestione
CONFINE
13 ore
Riapertura della Lombardia: la data chiave potrebbe essere l'8 giugno
La dichiarazione arriva dall'assessore lombardo al Welfare Giulio Gallera
CANTONE
14 ore
Un weekend tra sole e bagnato
Già nel corso della giornata di oggi potrebbero arrivare i primi rovesci
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile