Ti-Press
Uno dei tanti ristoranti chiusi in queste settimane.
CANTONE
04.04.20 - 09:340
Aggiornamento : 13:01

Coronavirus, assicurazioni che "fanno le furbe": niente risarcimenti ai ristoratori

Il fenomeno coinvolge diversi esercenti a sud delle Alpi, ma anche nel resto della Svizzera. La rabbia di GastroTicino

«Alcune compagnie – evidenzia l’avvocato Marco Garbani – si sono impuntate su dettagli senza senso. Come dire: non ti pago perché lo stesso problema ce l’hanno in Australia».  

"Presi in giro" dalle compagnie assicurative di fronte alle perdite economiche causate dalla pandemia del nuovo coronavirus. Sta accadendo a diversi esercenti in tutta la Svizzera. Le lamentele arrivano un po’ da ovunque. Le autorità hanno imposto, momentaneamente, a scopo preventivo, la chiusura dei locali. Una misura che dura già da diverse settimane. E che non è stata ancora revocata. Molti esercenti, intanto, stanno litigando col proprio assicuratore. «Ci sono in particolare due colossi assicurativi che si stanno comportando male – tuona Massimo Suter, presidente di GastroTicino –. Tutti gli esercenti coinvolti sono invitati ad agire».

La differenza tra epidemia e pandemia – Cosa sta accadendo in pratica? Al momento di stipulare l’assicurazione, un ristoratore ha la possibilità di assicurarsi anche contro le epidemie. «Il termine "epidemia" – evidenzia Marco Garbani, avvocato di GastroTicino – differisce da "pandemia" solo per una questione di estensione geografica. Alcune assicurazioni si sono impuntate, facendo leva su dettagli senza senso».

Questione di cavilli – Quello principale è il seguente. «Le compagnie oppositrici sostengono che non c’è copertura se la pandemia, dichiarata dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), è di grado 5 o 6. Ma da qualche anno l’OMS ha abbandonato il concetto di grado. Infatti, nel caso del Covid-19, l’OMS ha parlato semplicemente di pandemia. Punto. La tesi di queste assicurazioni, dunque, non regge. Ci si sta aggrappando a delle virgole. Come dire: non ti risarcisco perché lo stesso problema che hai tu, ce l’hanno in Australia».

Fronte comune – Ogni compagnia assicurativa ha le sue condizioni. «E va specificato che alcune si stanno comportando in maniera corretta – dice Suter –. In ogni caso stiamo cercando di organizzarci per fare un fronte comune. Per fare pressione sulle assicurazioni che non stanno facendo il loro dovere. Ci sono decine e decine di ristoratori che si trovano nei guai, in tutta la Svizzera, non solo in Ticino».

Come occorre agire – Un ristoratore della Svizzera italiana, in queste condizioni, cosa deve fare? Garbani spiega: «In accordo con GastroSuisse, si è deciso di attivare l’ombudsman delle assicurazioni, che in Ticino corrisponde alla figura dell’avvocato Marco Cereghetti di Lugano. I nostri soci sono invitati a inviare a lui tutta la documentazione che riguarda i loro casi. Sul sito di GastroTicino si trovano tutte le indicazioni per procedere. In alternativa, ci si può rivolgere al giudice». «Di certo – conclude Suter – non molleremo su questa vicenda. Anche perché si tratta di una questione di etica e di correttezza».   

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
4 ore
Il nonno di Eitan fermato dalla polizia ticinese per un controllo
Poche le informazioni invece sul misterioso guidatore che ha accompagnato i due all'aeroporto.
BELLINZONA
5 ore
Il Palazzo delle Orsoline e la fontana si accendono di arancione
La settimana d’azione “Sicurezza dei pazienti 2021”, appena terminata, mira a sensibilizzare l'opinione pubblica
LUGANO
5 ore
Premi svizzeri di musica consegnati al LAC
Alla cerimonia era presente anche il Consigliere federale Alain Berset
LUGANO
16 ore
Eitan in aeroporto: «Non potevamo saperlo»
Lugano-Airport si smarca sul caso del piccolo sopravvissuto alla tragedia del Mottarone
CANTONE
21 ore
Un'altra settimana di radar
Ecco dove rischierete di essere "flashati" da lunedì
CANTONE
1 gior
Il settore turistico ticinese ha retto il duro colpo della pandemia
Le autorità fanno il punto della situazione: i pernottamenti sono aumentati, anche grazie a campagne e promozioni
CANTONE
1 gior
Covid di venerdì 17: altri 29 casi e una nuova quarantena a scuola
Non si registrano ulteriori decessi. I pazienti Covid scendono a 19.
LUGANO
1 gior
Tram-treno: pubblicato il nuovo bando di concorso
Quello precedente era stato annullato a seguito di due ricorsi accolti da Tribunale cantonale amministrativo
MANNO/ LOCARNO
1 gior
Ecco perché questi studenti non si vaccinano
Alla SUPSI è in corso una rivolta silenziosa. Una raccolta firme contro il Certificato Covid. Le voci dei protagonisti.
LUGANO
1 gior
Stragi, killer e vite blindate (e non): parla Michele Santoro
Il famoso giornalista italiano sarà ospite questa sera all'Endorfine Festival di Lugano. Lo abbiamo intervistato.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile