Deposit
CADEMPINO
30.03.20 - 18:370
Aggiornamento : 31.03.20 - 09:48

L'orto, un'evasione in parte preclusa

Il decreto di chiusura riguarda anche i negozi di piantine e sementi. Caminada: «L'orto come occasione per stare a casa»

L'azienda fondata nel 1887 ha messo in piedi uno shop online. Ma la stagione del coronavirus resta gravida di incertezze: «Il 65% della cifra d'affari viene fatta tra marzo e giugno»

CADEMPINO - «L'insalata era nell'orto...». Con queste parole nel 1939 una canzone maramaldeggiava la morte di Maramao, nonostante quest'ultimo avesse a portata di mano tutto l'essenziale: «Pan e vin non ti mancavan (...) e una casa avevi tu». Ottant'anni dopo i bisogni vitali restano gli stessi. Anzi no, perché gli orti sono per lo più fermi a causa della chiusura dei negozi di sementi e piantine decisa dalle autorità. Come noto, i centri specializzati, ma anche i reparti di giardinaggio-orticoltura annessi ai supermercati, sono oggi preclusi ai clienti come bar, ristoranti e negozi di abbigliamento. Un blocco contestato negli scorsi giorni dai Verdi del Ticino che, sull'onda anche di una petizione lanciata da un granconsigliere neocastellano, chiedono di considerare sementi e piantine da orto un bene di prima necessità.

La prima volta in 130 anni - Tale richiesta farà il proprio corso, ma la natura non aspetta. Aprile è alle porte e molti hobbisti della vanga scalpitano. Una primavera così è un unicum anche per la Caminada sementi, fondata nel 1887. «Ci siamo da oltre 130 anni ed è un momento di grande incertezza» dice il titolare Raffaele Caminada. Il negozio a Cadempino è chiuso, o meglio «siamo aperti solo per i campi-professionisti, cioè gli orticoltori, agricoltori e viticoltori la cui attività prosegue». È il settore primario che giustamente deve continuare perché ne va del sostentamento diretto della popolazione. 

L'orto va online - Per la clientela non professionista alla Caminada hanno predisposto una soluzione d'emergenza: «Da ieri abbiamo potenziato il nostro shop online, dove si potranno ordinare più di mille articoli. In pratica è un centro di giardinaggio virtuale con consegna a domicilio effettuata da professionisti. Semi, piantine, fiori, piante da vivaio, terriccio e prodotti fitosanitari... si potrà ordinare un po' di tutto».

Stimolo per stare a casa - Al di là dell'aspetto commerciale, l'iniziativa ha anche dei risvolti positivi dal profilo sanitario. «Vogliamo far sì che la gente possa fare l'orto e avere una ragione in più per stare a casa». Casa, ci fosse bisogno di ricordarlo, è anche quella zolla di terra in giardino o sul terrazzo o sul davanzale della finestra. La stagione, smaltite le ultime code d'inverno, è ormai propizia per la semina e la piantagione.

Ma anche prodotti freschi - L'orto per scaricare lo stress, ma non solo. «Capisco che il Governo abbia altro a cui pensare in questo momento. Tuttavia - continua Caminada - non andrebbe sottovalutato l'autosostentamento fornito dall'orto. Non sappiamo quanto durerà, ma coltivare e poter mangiare le proprie verdure permette di dipendere meno dalla spesa». 

Mazzata Covid - L'effetto coronavirus si farà sentire anche nel settore del verde: «Il 60-65% della nostra cifra d'affari viene fatta tra marzo e giugno - afferma Caminada -  Il grosso con i giardinieri, ora fermi, e gli orticoltori. Ma in stagione, nel negozio, ci sono giornate in cui serviamo 400 clienti non professionisti. Un altro problema sono gli accordi con i fornitori che hanno già seminato le piantine. Sono accordi che devo onorare. Gli aiuti statali vanno bene, ma bisognerà pensare anche a chi avrà perdite di questo tipo».

Giardini incolti - Un altro settore messo in pausa è quello dei giardinieri, che forse, almeno questo si vocifera ma non c'è nessuna certezza, dalla prossima settimana potrebbero - in parte - ripartire. «Un cantiere edile può essere riattivato anche dopo mesi di stop, la natura invece no, non si può fermare. Ma in questo momento è difficile anche fare da sé nel giardino, se dovesse mancare qualche attrezzo».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LOCARNO
1 ora
«Che imbarazzo, io trattato come un mostro»
Calci, pugni e pallone: dopo la rissa delle Semine, settimana da incubo per Mauro Cavalli, presidente del FC Locarno.
CANTONE
12 ore
«Metà dei clienti scappati per il pass»
Nel mondo "bio" la diffidenza nei confronti dei vaccini è maggiore. Lo sfogo di un esercente in difficoltà
MENDRISIO
15 ore
La biblioteca si trasferisce e diventa una palestra
Il progetto SportAcademy riunirà sotto lo stesso tetto, a Genestrerio, diverse discipline sportive.
CANTONE
19 ore
Salario minimo: «La situazione va monitorata»
Le parti convocate al tavolo delle discussioni hanno condiviso che la deroga prevista per i CCL non va stralciata.
CANTONE
19 ore
Fattacci fra Semine e Locarno, arrivano le prime sospensioni
Per far luce sull'accaduto è stata pure avviata un'inchiesta, il cui rapporto è atteso a inizio ottobre.
CANTONE
21 ore
In Ticino 36 contagi e un altro decesso
Le persone ospedalizzate a causa del coronavirus salgono a 16, sei delle quali in terapia intensiva.
CANTONE
1 gior
Il monopattino è roba da grandi
I monopattini elettrici sono vietati ai minori di 14 anni. Ma spesso i genitori non lo sanno
CANTONE
1 gior
Pfizer, Moderna e l'apparenza che inganna
Il farmacista cantonale rassicura: «Un vaccino vale l'altro, come efficacia e come effetti collaterali».
LUGANO
1 gior
Ben 34 franchi per 9 ore di autosilo: «Ma non mi scandalizzo»
L'episodio diventa lo spunto per una chiacchierata sulla mobilità col futuro sindaco Michele Foletti.
CANTONE
1 gior
Anticorpi anomali coinvolti nel 20% dei decessi da Covid-19
All'importante scoperta hanno contribuito anche due ricercatori dell'EOC: Alessandro Ceschi e Paolo Merlani.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile