tipress
CANTONE
30.03.20 - 00:000
Aggiornamento : 09:54

Quegli anziani che a fare la spesa ci vanno lo stesso

C'è chi mente sull'età, e chi nega pure il documento. Nei casi più estremi si arriva anche alle minacce

Il racconto degli agenti di sicurezza, esasperati: «Purtroppo capita più volte al giorno»

BELLINZONA - Pronti a tutto pur di fare la spesa. Gli anziani in Ticino sono banditi dai supermercati: come hanno reagito durante la prima settimana di divieto? Nel complesso, la Polizia ha comunicato che le regole vengono rispettate ma - racconta chi lavora sul campo - i "furbetti" non mancano. 

Appelli ripetuti - Lo sanno bene gli agenti di sicurezza al lavoro nei negozi. Con l'entrata in vigore delle nuove regole, i servizi di sorveglianza sono stati potenziati in tutto il Ticino. E nei giorni scorsi hanno dovuto allontanare gli over 65 recidivi che, nonostante i ripetuti appelli lanciati dal governo, non ci sentono o fingono di non sentire. 

Securini «esasperati» - «Capita più volte al giorno, purtroppo» racconta ad esempio un addetto alla sicurezza attivo nel Bellinzonese. «L'impressione è che diverse persone non abbiano recepito a pieno le raccomandazioni. È esasperante». 

Menzogne sull'età - Il limite d'età fissato dal Cantone per fare la spesa, vale la pena ricordarlo, è 65 anni. Mentire sull'età, dunque, non è più solo questione di vanità. Il numero dei presunti 64enni nei supermercati, nei giorni scorsi, è aumentato «in maniera sospetta» a detta dei securini. «Capita di imbattersi in 80enni che dichiarano di avere vent'anni in meno».

Il controllo dei documenti - In caso di dubbio gli agenti di sicurezza, meglio precisare anche questo, sono autorizzati a richiedere i documenti d'identità. Ed ecco un altro punto di frizione. «Diverse persone non riconoscono questa prerogativa, e si rifiutano di esibire il documento». In alcuni casi sarebbe stato richiesto l'intervento della polizia, per procedere alla verifica. 

Uno per famiglia - Ma a fare gli "gnorri" non sono solo gli over 65. Un'altra regola da ribadire è quella dell'ingresso limitato a un membro per nucleo famigliare. Si tratta di un accorgimento introdotto dai supermercati per evitare gli assembramenti, ma «ignorato spesso e volentieri» dai clienti. «Molti lo scoprono o dicono di scoprirlo solo una volta giunti al supermercato» racconta un agente. «Arrivano con i bambini, magari piccoli, e dobbiamo respingerli».

Situazioni tese - A quel punto si pone un nuovo problema: chi lascia i bambini da soli in auto, incustoditi, mentre fa la spesa. Insomma le occasioni di diverbio tra clientela e addetti alla sicurezza non mancano. E nemmeno i momenti di tensione. «Le provocazioni sono all'ordine del giorno, ma si arriva anche agli urli e alle minacce» racconta l'agente del Bellinzonese. «Non è sicuramente un momento facile». 

Le buone pratiche - Per fortuna la maggior parte della popolazione - ha riferito la Polizia - ha invece recepito le direttive. E sono sempre di più i Comuni e le associazioni di volontariato che forniscono servizi di consegna a domicilio sul territorio. Gli e-shop dei grandi magazzini invece sembrano avere qualche difficoltà. Pazienza e solidarietà, dunque, sono le parole d'ordine. Anche per gli agenti di sicurezza: qualcuno ammette di «chiudere un occhio» alle volte, entrando a fare gli acquisti per conto degli anziani «se si tratta di pochi prodotti indispensabili». Purché non diventi la regola.    

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
MORBIO INFERIORE
3 ore
Alle Medie di Morbio Inferiore altri 25 casi di coronavirus
Undici sono verosimilmente riconducibili alla variante inglese del virus. Sono state testate 460 persone
CANTONE
3 ore
«Abbiamo 18 detenute alla Farera. Bisogna trovare una soluzione»
La Commissione di sorveglianza sulle condizioni di detenzione ha chiesto un incontro al Dipartimento delle istituzioni.
CADENAZZO
7 ore
Un'intossicazione alimentare dietro ai malori alla Posta
Venerdì scorso tre collaboratori del Centro logistico erano stati trasportati in ambulanza all'ospedale.
CANTONE
8 ore
Torna a nevicare in pianura
Meteo Svizzera lancia l'allerta. Pericolo "marcato" da questa sera fino a mezzogiorno di domani
CANTONE
9 ore
In Ticino altri 114 contagi e 4 decessi
Calano i ricoveri in ospedale, ma non i pazienti in terapia intensiva. Il bollettino del medico cantonale
CANTONE
9 ore
Mercato dell'auto in crisi: «Vediamo quanti sopravviveranno»
Nel 2020 le vendite sono crollate del 24%. E gli aiuti sono stati pochi.
LUGANO 
13 ore
Più che Lombardi «luganese»
Da qualche giorno Filippo Lombardi è a tutti gli effetti domiciliato nella città dove intende correre per il Municipio
CANTONE
13 ore
I tamponi a scuola sono un lusso
Mentre il Decs è alle prese con la variante inglese, gli istituti privati fanno da sé. Il caso "esclusivo" della Tasis.
CANTONE
1 gior
Luci rosse spente: «Le nostre ragazze ora lavorano a Berna»
Lo sconcerto del gerente dell'Oceano: «La coerenza? Quali distanze sociali si possono garantire in un bordello?»
ITALIA / CANTONE
1 gior
«Stressate» dalla scuola: 13enni fiorentine scappano in Ticino
Sono state localizzate grazie ai telefoni cellulari e individuate su un treno diretto a Lugano
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile