tipress
CANTONE
30.03.20 - 00:000
Aggiornamento : 09:54

Quegli anziani che a fare la spesa ci vanno lo stesso

C'è chi mente sull'età, e chi nega pure il documento. Nei casi più estremi si arriva anche alle minacce

Il racconto degli agenti di sicurezza, esasperati: «Purtroppo capita più volte al giorno»

BELLINZONA - Pronti a tutto pur di fare la spesa. Gli anziani in Ticino sono banditi dai supermercati: come hanno reagito durante la prima settimana di divieto? Nel complesso, la Polizia ha comunicato che le regole vengono rispettate ma - racconta chi lavora sul campo - i "furbetti" non mancano. 

Appelli ripetuti - Lo sanno bene gli agenti di sicurezza al lavoro nei negozi. Con l'entrata in vigore delle nuove regole, i servizi di sorveglianza sono stati potenziati in tutto il Ticino. E nei giorni scorsi hanno dovuto allontanare gli over 65 recidivi che, nonostante i ripetuti appelli lanciati dal governo, non ci sentono o fingono di non sentire. 

Securini «esasperati» - «Capita più volte al giorno, purtroppo» racconta ad esempio un addetto alla sicurezza attivo nel Bellinzonese. «L'impressione è che diverse persone non abbiano recepito a pieno le raccomandazioni. È esasperante». 

Menzogne sull'età - Il limite d'età fissato dal Cantone per fare la spesa, vale la pena ricordarlo, è 65 anni. Mentire sull'età, dunque, non è più solo questione di vanità. Il numero dei presunti 64enni nei supermercati, nei giorni scorsi, è aumentato «in maniera sospetta» a detta dei securini. «Capita di imbattersi in 80enni che dichiarano di avere vent'anni in meno».

Il controllo dei documenti - In caso di dubbio gli agenti di sicurezza, meglio precisare anche questo, sono autorizzati a richiedere i documenti d'identità. Ed ecco un altro punto di frizione. «Diverse persone non riconoscono questa prerogativa, e si rifiutano di esibire il documento». In alcuni casi sarebbe stato richiesto l'intervento della polizia, per procedere alla verifica. 

Uno per famiglia - Ma a fare gli "gnorri" non sono solo gli over 65. Un'altra regola da ribadire è quella dell'ingresso limitato a un membro per nucleo famigliare. Si tratta di un accorgimento introdotto dai supermercati per evitare gli assembramenti, ma «ignorato spesso e volentieri» dai clienti. «Molti lo scoprono o dicono di scoprirlo solo una volta giunti al supermercato» racconta un agente. «Arrivano con i bambini, magari piccoli, e dobbiamo respingerli».

Situazioni tese - A quel punto si pone un nuovo problema: chi lascia i bambini da soli in auto, incustoditi, mentre fa la spesa. Insomma le occasioni di diverbio tra clientela e addetti alla sicurezza non mancano. E nemmeno i momenti di tensione. «Le provocazioni sono all'ordine del giorno, ma si arriva anche agli urli e alle minacce» racconta l'agente del Bellinzonese. «Non è sicuramente un momento facile». 

Le buone pratiche - Per fortuna la maggior parte della popolazione - ha riferito la Polizia - ha invece recepito le direttive. E sono sempre di più i Comuni e le associazioni di volontariato che forniscono servizi di consegna a domicilio sul territorio. Gli e-shop dei grandi magazzini invece sembrano avere qualche difficoltà. Pazienza e solidarietà, dunque, sono le parole d'ordine. Anche per gli agenti di sicurezza: qualcuno ammette di «chiudere un occhio» alle volte, entrando a fare gli acquisti per conto degli anziani «se si tratta di pochi prodotti indispensabili». Purché non diventi la regola.    

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
36 min
«Non sapevamo. Chiariremo e affronteremo»
Sui presunti abusi in Rsi viene comunicato che le indagini saranno affidate ad esterni.
CANTONE
51 min
«In Ticino restrizioni prorogate fino al 18 dicembre»
Durante una conferenza stampa a Palazzo delle Orsoline il governo ha illustrato la sua strategia
LUGANO
2 ore
«Questo terrore non c'entra con l'Islam»
Aggressione alla Manor: la dura condanna della comunità musulmana sciita in Ticino
FOTO
CANTONE
2 ore
«Gli assembramenti sono stati solo spostati di un'ora»
Lo slittamento dell'orario delle scuole superiori non avrebbe finora avuto l'effetto sperato.
CANTONE
5 ore
Aveva tentato di recarsi in Siria, senza successo
La fedpol ha fornito nuove informazioni sulla donna che ieri ha ferito due persone alla Manor di Lugano.
ONSERNONE
6 ore
Mentre tagliava le piante, gli è caduto addosso un muro
L'incidente si è verificato in Valle Onsernone. Gravi ferite per un 52enne della regione
CANTONE
6 ore
«Sconcerto e delusione» per la conferenza stampa di ieri
Critiche da parte dell’Associazione ticinese dei giornalisti per come Gobbi e Cocchi hanno gestito la conferenza stampa
CANTONE
7 ore
Altre dieci vittime del Covid-19 in Ticino
Nelle ultime ventiquattro ore 21 persone sono state ricoverate in ospedale, mentre 29 lo hanno lasciato.
CANTONE
8 ore
«Quando mi ha detto “ti ammazzo” qualcosa si è rotto»
Quella di Federica è solo una delle tante, troppe, storie di violenza. Che non è solo fisica, ma psicologica, verbale
FOTO E VIDEO
MAROGGIA
10 ore
«Un colpo duro per tutti. Maroggia ha perso il suo ultimo simbolo»
Il Mulino apparteneva alla famiglia Fontana da 42 anni ed era stato tramandato di padre in figlio.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile