Archivio Keystone
CANTONE
28.03.20 - 16:210

Le reclute di Losone «pronte per un'eventuale chiamata»

I neoformati del corso di sanitari d'unità «potranno entrare in servizio se necessario» a partire dal prossimo 3 aprile

LOSONE - Da giovedì 19 marzo all'ex Caserma di Losone alloggia una parte dei militi delle Scuole sanitarie 42 normalmente di stanza ad Airolo. L'attuale emergenza sanitaria ha reso necessario trasferire un distaccamento nel Locarnese per salvaguardare la salute dei militi e l'integrità della truppa.

Venerdì 3 aprile le reclute termineranno il loro corso di formazione e rientreranno presso la loro truppa di appartenenza, dove resteranno in stato di prontezza operativa per un eventuale impiego a supporto delle autorità civili nel contenimento della diffusione del Coronavirus.

Proprio per prepararsi all'evenienza le reclute hanno dovuto svolgere delle formazioni supplementari al fine di poter essere impiegate nell'ambito delle cure anche in strutture civili.

Al termine del corso i militi saranno soccorritori non professionisti e potranno assicurare misure di medicina d’urgenza ai feriti sul campo prima di condurli in un’installazione medica.

 

«Al momento attuale - ha spiegato il comandante Col SMG Daniele Meyerhofer - non mi è possibile dire cosa succederà con l'occupazione militare dell'ex Caserma dopo la fine del corso. Il luogo è, comunque, molto favorevole per l'entrata in servizio e la preparazione delle truppe che dovessero venir chiamate»

«Siamo grati al Comune di Losone - ha concluso il comandante - per la rapidità e la professionalità con cui ci ha aperto le porte dell'ex Caserma. I nostri militi, che ormai già da qualche settimana non possono più tornare a casa, nemmeno nei fine settimana, sono lieti di poter contare su queste infrastrutture».

Dopo vent'anni Losone torna a ospitare ancora una volta truppe sanitarie. Dal 1973 fino al 2000 i sanitari hanno, infatti, svolto la loro formazione all'ex Caserma. E, come durante la grande alluvione del 1978 che devastò il Ticino, quando le reclute furono in prima linea ad aiutare i civili, i militi sono pronti a venire in soccorso della popolazione.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
1 ora
«Scegliamo con chi avere contatti stretti»
Oggi nel nostro cantone sono stati segnalati altri 255 casi. Negli ospedali sono ricoverate 35 persone
CANTONE
2 ore
Ambrì-Losanna: processo rimandato a data da definire
Doveva tenersi domani, ma non avrà luogo. «La farsa continua», commenta la Gioventù Biancoblu
CANTONE
2 ore
Trafficanti di marijuana in manette
Si tratta di un 57enne e un 30enne. In uno stabile in Riviera sono stati trovati stupefacenti e una coltivazione indoor
CANTONE
3 ore
In Ticino raddoppiano i contagi, 255 in un giorno
Il bollettino del medico segna un aumento notevole. I dati aggiornati sulle ultime 24 ore
CONFINE
5 ore
A tutto gas sulla Pedemontana con un sacco di soldi in auto
La somma era destinata all'acquisto di sigarette di contrabbando in Svizzera. L'uomo è stato denunciato per riciclaggio
MENDRISIO
7 ore
A Mendrisio si cercano fuoriclasse dei videogiochi
Fog eSports Team, con sede in Via Penate è una grande novità a livello cantonale: «Qui ci sono le risorse per riuscire»
CANTONE
7 ore
La migrazione delle lucciole
Chiusi i locali erotici l'attività sta migrando negli appartamenti autorizzati, ma anche in quelli fuori controllo
CANTONE
17 ore
«Sei anni che vivo ad Airolo, ma non mi rinnovano il permesso»
Il racconto di uno dei lavoratori a cui è stato negato il rinnovo del "patentino" LAPIS.
CANTONE
18 ore
Prostituzione in hotel o a domicilio: «Non è illegale»
Una sentenza ha assolto due escort accusate di esercizio illecito della prostituzione.
CONFINE
20 ore
Scontro in galleria, quattro i feriti di cui uno grave
All'origine dell'incidente forse un sorpasso.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile