tipress
Medici al lavoro alla Carità
CANTONE
26.03.20 - 20:000

Medici guariti dal virus: «Sono tornati al lavoro»

Ma il dottor Merlani è cauto sull'evoluzione dell'epidemia in Ticino: «Imprevedibile». L'intervista.

BELLINZONA - La luce in fondo al tunnel? È presto per vederla. Il medico cantonale Giorgio Merlani conferma la sua prudenza ormai quasi proverbiale, nel giorno in cui - dopo un rallentamento di quattro giorni - i contagi da coronavirus sono tornati a crescere oltre confine. Non fornisce dati sulle persone guarite in Ticino - «sarebbero stime inattendibili» - e non si sbilancia in previsioni. «La curva non cresce più esponenzialmente» conferma. «Ma si tratta di modelli matematici. La realtà è imprevedibile». 

Insomma, le misure decise dal governo funzionano o no?

«Una cosa è certa. Se si introduce un virus in una comunità e non si fa niente, la diffusione è esponenziale. Una singola persona infetta ne contagia due, tre, e in trenta giorni diventano oltre quattrocento. Azzerando la mobilità, i contagi si stabilizzano». 

È quello che sta avvenendo in Ticino? 

«Abbiamo assistito a un rallentamento. La curva dei contagi non presenta più una crescita esponenziale, ma lineare. Tuttavia è presto per tirare conclusioni su quando arriverà il picco». 

In Lombardia i contagi sono tornati a salire, dopo quattro giorni in frenata. 

«Il Ticino ha numeri molto più piccoli, quindi le cifre possono variare molto, un giorno duecento e un altro cinquanta. Fare delle statistiche è più difficile. Quello che è certo è che ridurre gli spostamenti è la cosa giusta da fare». 

Sulle persone guarite, però, non fornite dati. 

«Non sarebbero attendibili».

Perché? 

«Si tratterebbe unicamente di stime. Potremmo calcolare il numero delle persone risultate positive e presupporre che, se trascorsi 14 giorni non sono state ricoverate, siano guarite. Ma la verità è che ognuno ha i suoi tempi di guarigione. L'unico modo per avere un dato reale sarebbe chiamare ogni singolo paziente, un lavoro infattibile al momento». 

Quindi il quadro rimane a tinte fosche. 

«Quello che possiamo dire è che diverse persone sono guarite. Anche alcuni pazienti ricoverati in terapia intensiva, che sono stati dimessi. Abbiamo dei medici che erano risultati positivi, sono guariti e al momento sono già tornati al lavoro». 

Il personale sanitario è sotto pressione. I sindacati chiedono tutele. Quali sono i rischi di contagio per chi lavora in prima linea?

«Tutto il personale è formato e attrezzato per lavorare in sicurezza. Il rischio di contagio esiste, ma è molto basso. Abbiamo avuto dei casi, una parte dei quali era però riconducibile a contagi avvenuti fuori dal lavoro». 

In tutto, quanti medici e infermieri sono risultati positivi ai test?

«È presto per fare una statistica. In Lombardia il dato è attorno al 10 per cento della forza lavoro, ma non è riferibile al Ticino perché oltre confine si sono commessi degli errori, trattando pazienti positivi senza che fossero diagnosticati come tali, e quindi senza le precauzioni necessarie. I tamponi sul personale sanitario a ogni modo vengono effettuati con criteri più larghi, anche senza sintomi gravi o accentuati». 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
4 ore
Una parentesi di sole prima di pioggia e neve
Al weekend di bel tempo farà seguito un inizio di settimana contraddistinto dalle precipitazioni.
LUGANO
4 ore
Permessi al Planet: scatta l'interpellanza
Giovanni Albertini e Sara Beretta Piccoli interrogano il Municipio in merito all'apertura della struttura di Pazzallo.
FOTO E VIDEO
RIAZZINO
6 ore
Cede il terreno sotto i binari: disagi, ma danni limitati
Dopo qualche ora, le FFS hanno ripristinato la linea ferroviaria tra Cadenazzo e Locarno.
CANTONE
10 ore
Dieci ricoveri, un decesso e altri 257 contagi
Negli ospedali ticinesi ci sono 62 persone positive al coronavirus.
FOTO
RIVIERA
11 ore
Esce di strada e finisce contro i ripari fonici della ferrovia
L'incidente della circolazione ha avuto luogo questa notte all'incrocio fra via Traversa e via Cantonale.
CANTONE
22 ore
Un deputato positivo, ma il Gran Consiglio non va in quarantena
Il rispetto delle misure anti-contagio non rende necessario il provvedimento
CANTONE
1 gior
«Il mini lockdown non serve»
L'esperto in malattie infettive Christian Garzoni si appella per l'ennesima volta alla responsabilità dei cittadini
CANTONE
1 gior
Una classe in quarantena alla Scuola Media di Viganello
Lo comunicano il DSS e il DECS in un comunicato congiunto
CANTONE
1 gior
Condonate ai club sportivi le spese d’ordine pubblico
La decisione presa oggi da Governo e Comuni interessati riguarda la stagione 2019/20
CANTONE
1 gior
Ecco i radar di settimana prossima
La polizia ha diffuso la lista delle località che saranno interessate dai controlli, a partire da lunedì
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile