Tipress
CANTONE
27.03.20 - 06:050

Centinaia di persone avevano già votato

Ecco in quanti avevano già compilato la scheda per le elezioni comunali 2020

BELLINZONA - Tutto era pronto: i candidati si erano messi in gioco e ai cittadini era stato recapitato il materiale di voto. Ma l’appuntamento con le elezioni comunali 2020, inizialmente previsto per il prossimo 5 aprile, è stato rimandato di un anno a causa della pandemia di Covid-19. Una decisione che, come annunciato lo scorso 18 marzo dal Consiglio di Stato, è stata presa considerando «la difficoltà vissuta in questo momento dalla comunità ticinese».

Per molti ticinesi il voto era tuttavia cosa già fatta: all’annuncio del posticipo, le cancellerie comunali dei principali centri urbani del cantone avevano infatti ricevuto diverse centinaia di schede compilate. Pur trattandosi, in generale, di percentuali basse, complessivamente si parla comunque di un paio di migliaia di voti.

Comune per comune - Dal punto di vista percentuale, in testa c’è il Comune di Locarno, dove al 18 marzo erano rientrate 628 buste: si tratta del 6,95% dei 9’030 cittadini con diritto di voto. Le schede hanno poi continuato ad arrivare anche dopo l’annuncio del Governo ticinese, toccando in questi giorni quota 730 (in percentuale, circa l’8%). Segue la Città di Mendrisio, dove hanno già votato 368 persone (3,56%). Mentre a Bellinzona la percentuale è del 2,5%, con circa 700 schede recapitate alla cancelleria.

Complessivamente si tratta di quasi 1’700 persone che avevano optato per il voto anticipato per corrispondenza. E a questi vanno aggiunte le schede rientrate a Lugano, di cui non è però al momento noto il numero. «Non ne sono arrivate moltissime - ci dicono dall’amministrazione comunale - ma non avevamo ancora cominciato a registrarle, proprio in attesa di una decisione delle autorità cantonali».

Depositate «al sicuro» - Diversi cittadini hanno quindi votato inutilmente? Per ora non è chiaro quale sarà il destino delle schede. A Lugano - ci spiegano - sono depositate al sicuro, in un locale chiuso, «fino a quando riceveremo disposizioni dalle autorità competenti».

Il ricorso - Nel frattempo, come detto, l’appuntamento alle urne è stato rimandato alla primavera del 2021. Ma su questa decisione pende attualmente un ricorso presentato al Tribunale federale dagli avvocati locarnesi Fiorenzo Cotti, Annie Griessen Cotti e Pierluigi Zanchi. «Siamo coscienti della delicata situazione in cui versano Ticino e Confederazione - si leggeva nella premessa - ma il diritto regola la nostra vita nel bene e nel male».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CURIO
45 sec
Cede un pannello di legno, gravi ferite per un 49enne
L'infortunio è avvenuto questo tardo pomeriggio in un'abitazione privata di Curio.
CANTONE
17 min
Quando le recinzioni sono trappole letali per la selvaggina
In Svizzera si stima che ogni anno migliaia di animali muoiano a causa dei mezzi di cinta.
AIROLO
20 min
Lo scatto che gli salvò la vita
Vent'anni fa Oliviero Toscani entrava in galleria dietro al camion della tragedia
LOCARNO
1 ora
Sparatoria di Solduno, l'ex compagno non poteva avvicinarsi
Prima di esplodere i colpi, il 20enne ha probabilmente rincorso la malcapitata giù per le scale.
CANTONE
3 ore
Più radar nel Luganese che in tutto il resto del cantone
La lista dei controlli della velocità annunciati per la settimana dal 25 al 31 ottobre sulle strade del nostro cantone
CANTONE
6 ore
Trasparenza totale in politica: «Giù le maschere!»
Il caso Fidinam-Pandora riporta d'attualità il tema delle «relazioni d'interesse» tra politica e parastato
CANTONE
8 ore
Mobilità e Covid: «È evidente che qualcosa è cambiato in peggio»
Un'interrogazione di Marco Passalia chiede al Consiglio di Stato di chinarsi sulla situazione dei trasporti ticinesi
CANTONE
10 ore
In Ticino 18 positivi e due nuovi ricoverati
I pazienti Covid che necessitano di cure ospedaliere salgono a 11 in tutto.
FOTO
CANTONE
11 ore
«Dentro il tunnel c'era uno scenario apocalittico»
Era il 24 ottobre 2001, quando nella galleria del San Gottardo morirono undici persone in un tragico incendio
CANTONE
14 ore
«Le ragazze non sono tornate»
Da qualche mese i locali a luci rosse dovrebbero aver ripreso l'attività a pieno regime. Ma così non è.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile