Immobili
Veicoli
TiPress - foto d'archivio
CANTONE
25.03.20 - 11:340

Due omicidi e il sequestro di un autista nel 2019 ticinese

Gli atti di violenza gravi sono aumentati rispetto all’anno precedente.

Tutti gli autori di rapine alle stazioni di servizio sono stati identificati e arrestati.

BELLINZONA - 34 rapine, due omicidi, sei tentati omicidi, un attacco con sequestro a portavalori, 170 migranti trasportati da passatori. Sono questi i numeri principali dell’attività dei Commissariati nel 2019.

Rapine - Il dato che spicca è la stabilità data dall’efficacia delle misure intraprese per contrastare il fenomeno delle rapine. Rispetto al 2019, lo scorso anno si è registrata una rapina in più (sono state 34). Sei sono avvenute a danni di stazioni di servizio, per le quali sono stati identificati e arrestati tutti gli autori. In due casi su 10 è stata impugnata un’arma bianca e in altrettanti casi un’arma da fuoco. I distretti più colpiti sono stati il Luganese e il Mendrisiotto. Il tasso di chiarimento è alto e si attesta al 57%. In totale sono stati 48 gli autori materiali; 31 di questi sono stati identificati, 24 sono stati arrestati mentre per altri 7 sono stati emanati degli ordini di arresto nazionali e/o internazionali. 

Un evento “particolare” - Il 5 luglio 2019 un furgone portavalori è stato attaccato a Molinazzo di Monteggio. I malviventi erano fuggiti a bordo dello stesso e il conducente era poi stato rinvenuto legato e in buone condizioni a bordo del veicolo in Italia. La polizia cantonale sottolinea l’importanza della prevenzione, della presenza capillare sul territorio, ma anche della buona collaborazione con le autorità cantonali, federali e internazionali.

Due omicidi - I reati violenti nel 2019 sono stati 1’655, di cui 1’048 di poca entità e 530 minacce. Ma gli atti di violenza grave in Ticino sono passati dai 55 del 2018 ai 77 del 2019. Fra questi sei tentati omicidi - tra cui l’attacco con coltello a Locarno per questiono di stupefacenti e l’aggressione con accetta a Cimadera per problemi di vicinato - e due omicidi: la ragazza britannica trovata morta in una camera de La Palma au Lac di Muralto, dove alloggiava con il fidanzato, e il 35enne ucciso nella pensione La Santa di Viganello.

9 locali e 15 appartamenti a luci rosse - Nel 2019 260 persone si sono annunciate per ’esercizio della prostituzione. Le nazionalità più rappresentate sono quella rumena (52%), italiana (35%) e spagnola (6%). Nel corso dei controlli di polizia, effettuati sia nei locali sia negli appartamenti situati su tutto il territorio cantonale, in particolare nel Sottoceneri, è stata verificata la posizione di 303 persone. 20 sono state denunciate. Il 31 dicembre 2019 in Ticino vi erano 8 locali autorizzati dalle autorità comunali per l’esercizio della prostituzione e si stimavano circa 95 appartamenti occupati da persone dedite alla prostituzione. Allo stato attuale i locali erotici autorizzati sono 9 e gli appartamenti notificati che non necessitano autorizzazione sono 15. Altri appartamenti, sparsi sul territorio, in cui è ancora esercitata illegalmente la prostituzione, sono oggetto di controlli e denunce.

Sfruttamento della forza lavoro - Per reati quali l’usura, l’estorsione, la truffa, la falsità in documenti, l’infrazione alla Legge federale sull’assicurazione contro la disoccupazione e le infrazioni alla Legge sugli stranieri, nel 2019 sono state arrestate 2 persone mentre altre 2 sono state denunciate a piede libero. Sono una trentina invece le vittime identificate.

170 migranti - Il lavoro del Gruppo Interforze Repressione Passatori (GIRP) è proseguito per quanto concerne il monitoraggio del fenomeno dello sfruttamento dei flussi di migranti clandestini e dei richiedenti l’asilo: sono state fermate 40 persone. Gli arresti sono 26, denunciati per infrazioni al codice penale e alla Legge sugli stranieri, rispettivamente per usura, aiuto all’entrata e al soggiorno illegale. I migranti trasportati da questi passatori sono risultati essere 170. 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
2 ore
«Dei genitori non ci portano più i loro bambini»
Parte dei club sportivi ticinesi hanno deciso, come in vigore per le scuole, di imporre la mascherina ai bambini.
POSCHIAVO (GR)
2 ore
La Valposchiavo fa il pieno di turisti
Nel 2021 ha registrato oltre 80'000 pernottamenti: un record
CANTONE
10 ore
Nuovi positivi a scuola e nelle case anziani
Sono 17 le classi attualmente in confinamento. Nelle strutture per anziani sono 116, in totale, gli ospiti positivi.
CANTONE
13 ore
Telelavoro, ecco quanti sono i furbetti in Ticino
L'Ufficio dell'ispettorato del Lavoro snocciola qualche numero e spiega: «Si rischiano sanzioni e denunce»
LUGANO
15 ore
In primavera si punta di nuovo sul lungolago (chiuso)
Lo scorso anno la chiusura domenicale è stata un successo. L'iniziativa sarà riproposta a partire da Pasqua
CANTONE
15 ore
Una fattura dal medico del traffico, più di cinque anni dopo
Decine di persone si sono viste richiedere il pagamento dell'IVA (entro 10 giorni) per le prestazioni ottenute nel 2016.
CANTONE
1 gior
Pronzini: «Questa candidatura è una provocazione»
L'MPS chiederà il rinvio della nomina del CdM ad hoc prevista lunedì in Parlamento
CANTONE
1 gior
Caos ferroviario a causa di un guasto
Sulla rete ferroviaria ticinese treni soppressi o in ritardo. La perturbazione è terminata
AGNO
1 gior
La Fiera di San Provino salta (di nuovo)
Per il terzo anno consecutivo il tradizionale evento di Agno, previsto a marzo, non si terrà.
FOTO
CANTONE
1 gior
La moglie faceva il palo, lui contrabbandava prosciutti
Il Tribunale amministrativo federale ha fornito nuovi dettagli sul modo di agire di un contrabbandiere fermato nel 2017.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile