Keystone - foto d'archivio
CANTONE / SVIZZERA
25.03.20 - 10:030

«Più liberta ai cantoni durante la crisi», c'è chi sta con il Ticino

Pierre-Yves Maillard, presidente dell'Unione sindacale svizzera,

I singoli Cantoni devono avere la possibilità di adottare misure eccezionali contro il coronavirus. Lo sostiene il presidente dell'Unione sindacale svizzera (USS) Pierre-Yves Maillard citando il caso del Ticino, rimproverato da Berna per aver preso provvedimenti non conformi al diritto federale. Il governo ci sta pensando e dovrebbe esprimersi oggi al riguardo. Secondo Maillard, intervistato dal Blick, il Consiglio federale sta esaminando la creazione di «finestre di crisi» pensate per situazioni particolari come quella attuale, durante le quali ai Cantoni sarebbe permesso di muoversi con più libertà.

Il caso ticinese - Il 21 marzo il Consiglio di Stato ha emanato lo stop di tutte le attività commerciali e produttive private non indispensabili. Lunedì Martin Dumermuth, direttore dell'Ufficio federale di giustizia, ha dichiarato che le misure restrittive attuate dal Ticino vanno oltre le normative federali. «Queste disposizioni sono contrarie alla legge federale. Le aziende toccate da queste restrizioni potrebbero tranquillamente fare opposizione». Questo potrebbe portare a problemi nella concessione del lavoro ridotto. Christian Vitta, ieri, ha affermato che «da parte nostra non accetteremmo atteggiamenti ricattatori» e ha assicurato impegno affinché non ci siano «disparità di trattamento tra lavoratori ticinesi e lavoratori del resto della Svizzera».

In tempi di crisi ci vuole libertà - Per Maillard però, «quando la pressione diventa troppo alta, come in Ticino, un Cantone deve poter rispondere». Il Consiglio federale non può governare andandogli contro, ha aggiunto il numero uno dell'USS. Nessuno vuole uno stop totale, ha chiarito Maillard dalle pagine del quotidiano svizzerotedesco, ma in alcune regioni serve probabilmente una sospensione delle attività. Forse sarebbe necessario fermare qualche cantiere per poter adottare misure a tutela dei lavoratori, ha proposto il sindacalista.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
25 min
L’accusa: «Ha consumato la vittima a poco a poco»
Nei confronti dell’ex funzionario del DSS chiesta una pena sospesa di 24 mesi.
BELLINZONA
1 ora
Casa anziani a Sementina, il Municipio: «Abbiamo competenze limitate»
Sul rapporto dell'Ufficio del Medico cantonale: «Chi di dovere farà le necessarie osservazioni e contestazioni».
CANTONE
1 ora
«Non riuscivo a oppormi»
Parla la vittima degli abusi sessuali attribuiti all’ex funzionario del DSS a processo in Appello
CANTONE / SVIZZERA
2 ore
Settimana prossima si testano le sirene
Mercoledì 3 febbraio ci sarà l'annuale prova generale delle circa 5'000 sirene fisse presenti sul territorio svizzero.
CANTONE
4 ore
Processo per abusi: «Erano solo degli incontri, senza sesso»
L’ex funzionario del DSS nega di aver costretto la giovane ad avere dei rapporti
CANTONE
4 ore
Personale sociosanitario: «Ora basta! Mobilitiamoci!»
L'idea di manifestare nasce dalla bocciatura della rivalutazione salariale del personale infermieristico dell’Osc.
CANTONE
5 ore
Covid: sette ricoveri, ma 17 dimessi
Nelle ultime 24 ore sono 48 i nuovi positivi al Coronavirus. Purtroppo ci sono anche 4 vittime.
MENDRISIO
5 ore
Con 400 grammi di eroina in auto: arrestato un 19enne
Il giovane è stato fermato martedì 26 gennaio nei pressi dello svincolo di Mendrisio dalle guardie di confine.
CANTONE
6 ore
L’ex funzionario DSS: «Ho ricevuto telefonate e messaggi anonimi»
Si è aperto il processo in appello per abusi sessuali avvenuti tra il 2004 e 2005.
CANTONE
7 ore
Valanghe, bollino rosso nell'Alto Ticino
Allerta di grado 4 nell'Alta Leventina e nella Valle Bedretto, sopra i 1'800 metri
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile