Immobili
Veicoli
TiPress - foto d'archivio
CANTONE
23.03.20 - 15:590

Il nuovo orario del liceo è realtà

Approvato dal Consiglio di Stato, entrerà in vigore a settembre 2020.

Introduce l'informatica come disciplina obbligatoria e facilita l'approccio alle discipline scientifiche, in vista dell'università.

BELLINZONA - Il Consiglio di Stato ha approvato le modifiche del Regolamento delle scuole medie superiori che permetteranno dal prossimo mese di settembre di modificare il curricolo formativo dei licei cantonali. Il nuovo piano orario del liceo è quindi realtà.

Le polemiche - Una decisione che arriva in marzo, in piena emergenza coronavirus e con le scuole chiuse. Ma l'argomento aveva acceso gli animi degli attori coinvolti fino alla fine dello scorso anno. In ottobre il sindacato indipendente studenti e apprendisti (Sisa) aveva criticato le modalità di consultazione con cui il Decs aveva proposto il nuovo piano orario alla comunità scolastica. Ne era seguito un botta e risposta tra il Decs e il Forum delle associazioni e organizzazioni degli insegnanti e della scuola. Questi ultimi lamentavano che i docenti non fossero stati consultati. Il Cantone aveva asserito il contrario, tanto da sollevare dubbi sulla rappresentatività del Forum. Infine a inizio dicembre il Sisa con una petizione chiedeva al Consiglio di Stato di «sospendere l’introduzione del nuovo piano settimanale del liceo, aprire una nuova e più ampia fase di riflessione e dibattito e coinvolgere tutte le organizzazioni sindacali e le associazioni attive nel mondo della scuola».

Un piano nuovo da settembre - Ma tant'è. Il Consiglio di Stato lo ha approvato e «i licei cantonali saranno pronti per settembre 2020». Il nuovo curricolo liceale partirà da settembre per le sole classi prime e man mano si applicherà ai nuovi allievi. Gli studenti liceali dell’anno scolastico in corso (ad eccezione di quelli che bocceranno il primo anno) continueranno il loro iter formativo sotto l’egida del vecchio piano delle lezioni.

Perché un nuovo piano - La modifica del piano settimanale delle lezioni del liceo - spiega il Decs - risponde da un lato all’introduzione dell’informatica come disciplina obbligatoria (decisa dalla Conferenza dei direttori della pubblica educazione e dalla Commissione svizzera di maturità), dall’altro alla richiesta del Gran Consiglio di rivedere la griglia oraria in modo da facilitare l’approccio alle discipline scientifiche, permettendo un avvicinamento più graduale a queste materie.

Il poker dei principi - I principi attorno ai quali è stata sviluppata la nuova griglia oraria sono quattro: l’attitudine agli studi universitari deve essere garantita dalle discipline fondamentali e non dalle opzioni; l’italiano e la matematica rappresentano le materie portanti della formazione liceale; una dotazione oraria uguale delle opzioni specifiche conferisce loro lo stesso valore formativo e infine il carico settimanale degli allievi non deve superare le 35 ore-lezione.

«Oltre a rispondere alle richieste delle autorità politiche - aggiunge il Decs -, l’operazione permette di correggere alcuni aspetti problematici della griglia oraria attuale: abbandono di ore-lezione settimanali d’insegnamento uniche (una sola ora-lezione a settimana è una dotazione insufficiente per permettere un insegnamento significativo e genera un carico eccessivo sui docenti di queste materie), abolizione delle differenze nell’articolazione del corso delle diverse opzioni specifiche e distribuzione più equilibrata delle ore d’insegnamento dei diversi settori di studio (p.e. concentrazione del blocco delle discipline cosiddette scientifiche nel primo biennio)».   

Le principali modifiche decise dal Governo concernono:

  • l’Introduzione della nuova disciplina obbligatoria ‘informatica’, con una dotazione oraria di 1,5 ore-lezione settimanali in I e II classe. Si sottolinea che in questo contesto l’informatica è intesa come scienza e il suo insegnamento non si limita a trattare aspetti legati alla programmazione e all’uso della tecnologia digitale, ma affronta anche aspetti etici e sociali legati a questo ambito;
  • per ‘geografia’ si toglie l’ora-lezione singola in II classe e si potenzia il corso di III, introducendo un laboratorio a classe dimezzata, luogo privilegiato per affrontare tematiche legate al territorio;
  • l’insegnamento di ‘economia e diritto’ è rafforzato con l’aumento della dotazione oraria. Attualmente questa disciplina è insegnata in I con un’ora settimanale e in IV con due ore settimanali, mentre la nuova griglia prevede due ore-lezione settimanali in I e II classe, garantendo così la continuità didattica;
  • le discipline delle scienze sperimentali (biologia, chimica, fisica) vengono distribuite sul quadriennio, smontando l’attuale blocco nel primo biennio. Per gli indirizzi linguistico, economico e artistico s’inizierà con la chimica in I e II, la fisica in II e III e la biologia in III e IV. La collocazione della chimica in I classe è dovuta al fatto che essa permette un approccio al metodo scientifico senza richiedere competenze matematiche di livello avanzato. La biologia nel secondo biennio permette l’interazione del suo insegnamento con le materie delle scienze umane (filosofia, storia e geografia) su aspetti etici ed ecologici;
  • per ‘matematica’ viene ridotta la dotazione oraria degli allievi che seguono un’opzione specifica nel settore delle scienze sperimentali e, parallelamente, è aumentata quella degli allievi che ne seguono una in una lingua, in economia e diritto o in una disciplina artistica. Con questo aumento si vuole dare più tempo per la trattazione e l’acquisizione degli argomenti e per lo sviluppo e l’esercitazione delle competenze, senza ampliare gli obiettivi e gli argomenti nei piani di studio;
  • se attualmente gli allievi che intendono seguire l’opzione specifica in una lingua moderna o antica devono scegliere una lingua in più in I classe (lingua 4) e quelli che intendono seguire l’opzione scientifica musica devono scegliere musica in I classe e seguire dei corsi di musica strumentale, con la nuova griglia chi sceglie l’opzione specifica ‘biologia e chimica’ o ‘fisica e applicazioni della matematica’ dovrà aver seguito il corso di fisica in I classe. La scelta dell’indirizzo avverrà comunque al termine del primo anno di liceo, come ora.  
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
TOP NEWS Ticino
LUGANO
49 min
Bimbo prega per fare trovare un lavoro al papà
Il commovente messaggio di un bimbo luganese pubblicato sui social da don Emanuele Di Marco, direttore dell'oratorio.
CANTONE
11 ore
«Dei genitori non ci portano più i loro bambini»
Parte dei club sportivi ticinesi hanno deciso, come in vigore per le scuole, di imporre la mascherina ai bambini.
POSCHIAVO (GR)
12 ore
La Valposchiavo fa il pieno di turisti
Nel 2021 ha registrato oltre 80'000 pernottamenti: un record
CANTONE
20 ore
Nuovi positivi a scuola e nelle case anziani
Sono 17 le classi attualmente in confinamento. Nelle strutture per anziani sono 116, in totale, gli ospiti positivi.
CANTONE
22 ore
Telelavoro, ecco quanti sono i furbetti in Ticino
L'Ufficio dell'ispettorato del Lavoro snocciola qualche numero e spiega: «Si rischiano sanzioni e denunce»
LUGANO
1 gior
In primavera si punta di nuovo sul lungolago (chiuso)
Lo scorso anno la chiusura domenicale è stata un successo. L'iniziativa sarà riproposta a partire da Pasqua
CANTONE
1 gior
Una fattura dal medico del traffico, più di cinque anni dopo
Decine di persone si sono viste richiedere il pagamento dell'IVA (entro 10 giorni) per le prestazioni ottenute nel 2016.
CANTONE
1 gior
Pronzini: «Questa candidatura è una provocazione»
L'MPS chiederà il rinvio della nomina del CdM ad hoc prevista lunedì in Parlamento
CANTONE
1 gior
Caos ferroviario a causa di un guasto
Sulla rete ferroviaria ticinese treni soppressi o in ritardo. La perturbazione è terminata
AGNO
1 gior
La Fiera di San Provino salta (di nuovo)
Per il terzo anno consecutivo il tradizionale evento di Agno, previsto a marzo, non si terrà.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile