Lettore
CANTONE
17.03.20 - 17:170
Aggiornamento : 18:41

Covid-19: obbligati ad andare in cantiere, anche se non si tratta di lavori urgenti

Il direttore della SSIC Ticino, Nicola Bagnovini: «Purtroppo mancano direttive chiare dal Governo»

Rabbia tra i lavoratori. E anche tra chi, appartenente ad altri settori, è stato costretto a bloccare la propria attività.

Che senso ha fermare (quasi) tutto, se poi puntualmente i cantieri restano aperti? L'edilizia di fronte alla questione del nuovo coronavirus sembra ampiamente fregarsene. E non mancano lamentele da parte sia di operai coinvolti, sia da parte di professionisti di altri settori che, al contrario, sono stati costretti a bloccare la propria attività. O lo hanno fatto spontaneamente, per una questione di coscienza. Sulla questione si discute ormai da giorni. Tio/ 20 Minuti ha interpellato Nicola Bagnovini, direttore della Società Svizzera Impresari Costruttori, sezione Ticino. 

Signor Bagnovini. Perché l'edilizia sta facendo finta di nulla?
«Non è del tutto vero. Premetto che alcuni cantieri si sono fermati spontaneamente. In altre situazioni invece si sta cercando, come già spiegato, di mettere in sicurezza il cantiere stesso, prima dello stop. In pratica: alcune cose non possono essere lasciate a metà». 

Può essere, ma testimonianze dirette ci indicano che alcuni datori di lavoro obbligano i loro dipendenti a lavorare anche per cantieri non così urgenti. 
«Non posso confermarlo. Ma se così fosse, sarebbe grave».

Glielo confermiamo noi. 
«Il problema è che dalle autorità mancano direttive chiare sul nostro settore. Al momento quello che sembra pesare è il parere del committente. Se il committente ritiene che il lavoro sia urgente, i lavori vanno avanti».

Mi perdoni, ma tutto questo non ha senso. Allora riapriamo tutto: dai bar ai negozietti...
«Personalmente io sono favorevole a regole chiare per tutti. Per questo la Società ticinese impresari costruttori e i sindacati OCST e UNIA hanno scritto al Consiglio di Stato. La salute della gente viene al primo posto. Assolutamente. Compresa quella dei lavoratori. Vogliamo che il Consiglio di Stato intimi con urgenza l’interruzione di tutti i lavori sui cantieri che sono ancora aperti, ad eccezione di interventi di urgenza o messa in sicurezza».

 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Um999 7 mesi fa su tio
Leggo alcuni commenti, praticamente si vede il dito na si nasconde la luna. Se la politica voleva arginare il problema, obbligava a chiudere tutto per due o tre settimane, pagava le ore non produttive come sospensiva (cioè qualche miliardo) e il problema era risolto. Invece si ordina di chiudere e le conseguenze sono di chi ha una impresa, credo che questo male non lo abbia voluto quasi nessuno, sicuramente non di sicuro chi ha impresa o attività. Quindi le colpe vanno date a chi le ha realmente, non chi subisce le conseguenze.
Zico 7 mesi fa su tio
invece di intervistare il Bagnovini, non potevate intervistare l'impresario? se diceva no si scriveva che l'inpresario tai dei tali non ha voluto rilasciare dichiarazioni. così si sapeva chi era...
ciapp 7 mesi fa su tio
he purtroppo comanda sempre il dio soldo ! e i politici stanno zitti , vergogna !!!
klich69 7 mesi fa su tio
Finché NON chiudono la frontiera veramente con il sud ci saranno questi problemi perché il governo NON ha coraggio, un coniglio ne ha di più.
Marta 7 mesi fa su tio
in Ticino ed anche nel resto della Svizzera ci sono situazioni analoghe ...sul posto di lavoro negli uffici ..dove non adottano nessun provvedimento!
Cai Cai 7 mesi fa su tio
vecchiotto ha ragione. Bisogna dire il nome delle ditte.
Norvegianviking 7 mesi fa su tio
È per fortuna si sprecano fiumi di inchiostro a inveire spesso e anche per futili motivi contro l'Italia. Stiamo facendo ben di peggio, vergognamoci.
VECCHIOTTO 7 mesi fa su tio
Forse in questo momento più che dire siamo sicuri bisogna dire il nome della ditta. Poi ognuno tiri le conclusioni. La salute al primo posto
gabola 7 mesi fa su tio
@VECCHIOTTO I cantieri principali attivi in ticino? USTRA E FFS e te di tut
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile