Foto lettore Tio/20minuti
Pregassona
+4
CANTONE
16.03.20 - 16:240
Aggiornamento : 19:26

Cantieri al lavoro, solo per la messa in sicurezza?

Questa mattina sono comparsi gli operai di diverse ditte in tutto il Ticino. SSIC, Ocst e Unia scrivono al Governo.

Da Lugano assicurano: «La Città ha chiuso tutto, ma non si può fare in cinque minuti»

LUGANO -  Sono chiusi scuole, ristoranti, bar, negozi, parrucchieri, centri estetici. Pure messe e funzioni nei luoghi di culto sono stati sospesi. Eppure, stamattina, in alcuni cantieri edili sono spuntati gli operai.

Regole uguali per tutti - Una situazione che non ha lasciato indifferente la popolazione. Soprattutto i proprietari di altre ditte del settore. «Ci è stato chiesto di stare a casa affinché si riesca ad arginare il contagio da coronavirus - si sfoga uno di loro -. La situazione economica nel nostro settore è negativa da anni e questa chiusura è una vera mazzata alla quale speriamo di sopravvivere». Ma non tutti, pare, hanno dimostrato la stessa sensibilità. «Per non mettere a repentaglio la vita di altri, non sarebbe forse meglio che stessimo tutti a casa, o perlomeno che le regole valessero per tutti?».

L'UAE chiede una soluzione pianificata - L'Unione associazioni dell'edilizia (UAE) lo scorso giovedì, allineandosi a quanto già deciso dalla Società svizzera impresari costruttori sezione Ticino, ha consigliato alle imprese del settore artigianale di fermare le attività aziendali. Eppure questa mattina alcuni cantieri sembrano ripartiti. «C'è stata mancanza di chiarezza - commenta il presidente di UAE Piergiorgio Rossi -. Il Governo ha parlato di molte attività, dichiarandone la chiusura, ma non degli artigiani. Però non si può pensare di arginare il contagio da coronavirus affidandoci alla coscienza delle persone. C'è sensibilità, ma se vogliamo fermare l'epidemia dobbiamo mettere in campo l'artiglieria. Ci vuole una soluzione pianificata. Qualche informazione più chiara dal Consiglio di Stato e dalla Confederazione ce l’aspettiamo, anche per il nostro settore».

Interventi per chiudere - In effetti in redazione sono giunte segnalazioni di cantieri attivi questa mattina (vedi foto e video). Le ditte che siamo riusciti a contattare, però, assicurano che la presenza degli operai è temporanea. Da un cantiere per la costruzione di appartamenti a Locarno (gestita da una ditta d'Oltralpe), ad esempio, spiegano che «gli operai avevano delle faccende urgenti da finire. Hanno chiesto al Comune di poter intervenire per riuscire a chiudere il cantiere».

Il «buon esempio» a Pregassona - In molti, però, hanno notato con sorpresa la presenza di lavoratori anche nel cantiere della casa anziani di Pregassona. «È vero che non c'è stato un divieto vero e proprio, ma se non sono neppure quelli del settore pubblico a dare il buon esempio...», lamenta un lettore. Risponde Cristina Zanini Barzaghi del Dicastero immobili della Città di Lugano: «Non tutto può essere chiuso in cinque minuti. Si tratta di un cantiere molto grande e alcune operazioni non possono essere interrotte da un momento all'altro». La municipale socialista assicura che «la Città ha chiuso tutti i cantieri» e su quello di Pregassona «è presente solo un terzo degli operai» che si sta occupando dei «lavori necessari per chiudere a fine giornata e poter mantenere fermo tutto per alcune settimane senza lasciare una situazione di pericolo».

Anche il sindaco di Capriasca, rispondendo alle preoccupazioni di un cittadino, ha precisato che «i lavori in corso oggi sono quelli necessari per la messa in sicurezza dei cantieri e la loro chiusura. Non è però escluso, vista l'entità di certi interventi, che qualcosa debba essere fatto anche domani».

La lettera al Governo - Dal canto loro, nel frattempo, la Società ticinese impresari costruttori (SSIC-TI) e i sindacati OCST e UNIA hanno scritto al Consiglio di Stato per «chiedere con urgenza di intimare l’interruzione di tutti i lavori sui cantieri che sono ancora aperti, ad eccezione di interventi di urgenza o messa in sicurezza».

Foto lettore Tio/20minuti
Guarda tutte le 7 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE / CONFINE
13 ore
Natale (forse) blindato? Coppie transfrontaliere in protesta
Lanciata una petizione indirizzata direttamente all'ufficio del premier italiano Giuseppe Conte
LOCARNO
18 ore
Visite ai pazienti Covid: ecco cosa cambia
Incontri in camera, di 15 minuti, uno alla volta, ogni due giorni. È vietato portare loro cibo o bevande
CANTONE
20 ore
Altri 246 casi nelle ultime 24 ore
Sette le persone che hanno perso la vita ieri a causa del Covid-19. C'è una nuova classe in quarantena
CANTONE / VATICANO
1 gior
Fondi vaticani, le "carte di Lugano" per chiarire lo scandalo
I documenti potrebbero portare a una svolta nelle indagini sul caso del "palazzo di Londra".
FOTO
MENDRISIO
1 gior
Qui solitudine e isolamento degli anziani si combattono da 30 anni
Il Servizio Anziani Soli, istituito a Mendrisio nel 1990, è tuttora un unicum a livello ticinese.
CANTONE
1 gior
Radar accesi su quattro distretti
La prossima settimana i controlli mobili colpiranno Bellinzona, Locarno, Lugano e Mendrisio.
CANTONE
1 gior
2'300 firme per avere «più corse nelle tratte affollate»
Covid-19 e trasporto pubblico: il SISA ha consegnato oggi alle autorità le firme raccolte con una petizione online.
CANTONE
1 gior
Cantieri e misure anti-Covid: «Scenario desolante»
Il sindacato Unia ha presentato un'analisi dettagliata del fenomeno, analizzando la situazione su 132 cantieri.
FOTO E VIDEO
LUGANO
1 gior
Liceo evacuato per un principio d'incendio
Ad aver preso fuoco sarebbe un albero di Natale. Le fiamme sono state rapidamente domate dai pompieri.
VIDEO
CANTONE
1 gior
«Cosa ci aspetta ora?»
Giorgio Merlani in un video prospetta tre scenari per l'evoluzione della pandemia nel nostro cantone.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile