tipress
Sassi dietro la vetrina dell'Olimpia.
LUGANO
15.03.20 - 19:240

«Non so in quanti riapriranno, ad aprile»

Lo chef luganese Guido Sassi preoccupato per la chiusura "forzata". Il ritratto di un settore in affanno

LUGANO - Chiusa la cassa, spenta la luce, serrande abbassate. Inizia la lunga attesa. Il mondo della ristorazione in Ticino sta alla finestra, o meglio alla vetrina, e il suo volto è quello - preoccupato - di Guido Sassi. 

«Chissà quando finirà». Lo chef luganese ha chiuso ieri sera il suo storico ristorante Olimpia in piazza Riforma. Un punto d'osservazione eccellente sulla crisi attuale. Ed è preoccupato. «Non sappiamo quante imprese riapriranno, quando tutto questo sarà finito».

Il settore alberghiero e della ristorazione conta oltre 2mila aziende in Ticino, e tutte hanno chiuso i battenti fino al 29 marzo. L'associazione di categoria GastroTicino ha invocato degli aiuti dallo Stato, mentre le imprese fanno la loro parte. 

«Trovo giustissimo chiudere, non conosco un altro rimedio visto che un vaccino non c'è» commenta Sassi, che sul Ceresio oltre all'Olimpia ha aperto anche La Fattoria, nel 2016, e in totale ha alle sue dipendenze 13 persone. Ed è ai collaboratori che va il primo pensiero.

«La situazione è preoccupante, noi dobbiamo pagare gli stipendi, che da contratto collettivo sono tra i più alti in Europa» spiega l'imprenditore. Conti alla mano, fanno circa 60mila franchi al mese. Più l'affitto: altri 16mila. «Non è uno scherzo. Se questa emergenza non si risolve a breve, le aziende non famigliari come la nostra rischiano davvero grosso». 

«Cosa vorrei chiedere alle autorità? Responsabilità, e un intervento concreto. Il turismo ha bisogno di liquidità, e ci vorranno almeno sei mesi per riprenderci da questa batosta, se va bene. Diversamente ho paura che diverse aziende e anche la mia rischieranno di finire tra le vittime di questa epidemia». 

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
9 ore
Un "corridoio vasariano" a luci rosse tra Iceberg e Moulin Rouge
Progetto di passerella per unire i due locali erotici in un solo postribolo da 60 stanze
CANTONE
9 ore
Valle di Blenio senza radar, Luganese sotto stretta sorveglianza
La prossima settimana nessun radar mobile in Valle di Blenio. Nel Luganese possibili controlli in ben 23 località.
CADENAZZO
12 ore
Due anni di lavori per 7 km di strada: «È inevitabile»
La strada cantonale tra Cadenazzo e lo svincolo di Rivera avrà un cantiere per 24 mesi.
CANTONE
17 ore
Altri 15 contagi in Ticino
Le strutture sanitarie accolgono 19 pazienti con sintomi gravi della malattia. Sei si trovano in cure intense.
CANTONE
17 ore
Vaccinazione: un weekend dedicato agli adolescenti
Il primo fine settimana di ottobre verranno riaperti quattro centri cantonali.
RIAZZINO
18 ore
Al Vanilla si torna a ballare
Il reopening, a lungo rimandato a causa della pandemia, è previsto per il 9 ottobre prossimo.
LOCARNO
21 ore
«Che imbarazzo, io trattato come un mostro»
Calci, pugni e pallone: dopo la rissa delle Semine, settimana da incubo per Mauro Cavalli, presidente del FC Locarno.
CANTONE
1 gior
«Metà dei clienti scappati per il pass»
Nel mondo "bio" la diffidenza nei confronti dei vaccini è maggiore. Lo sfogo di un esercente in difficoltà
MENDRISIO
1 gior
La biblioteca si trasferisce e diventa una palestra
Il progetto SportAcademy riunirà sotto lo stesso tetto, a Genestrerio, diverse discipline sportive.
CANTONE
1 gior
Salario minimo: «La situazione va monitorata»
Le parti convocate al tavolo delle discussioni hanno condiviso che la deroga prevista per i CCL non va stralciata.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile