tipress
Sassi dietro la vetrina dell'Olimpia.
LUGANO
15.03.20 - 19:240

«Non so in quanti riapriranno, ad aprile»

Lo chef luganese Guido Sassi preoccupato per la chiusura "forzata". Il ritratto di un settore in affanno

LUGANO - Chiusa la cassa, spenta la luce, serrande abbassate. Inizia la lunga attesa. Il mondo della ristorazione in Ticino sta alla finestra, o meglio alla vetrina, e il suo volto è quello - preoccupato - di Guido Sassi. 

«Chissà quando finirà». Lo chef luganese ha chiuso ieri sera il suo storico ristorante Olimpia in piazza Riforma. Un punto d'osservazione eccellente sulla crisi attuale. Ed è preoccupato. «Non sappiamo quante imprese riapriranno, quando tutto questo sarà finito».

Il settore alberghiero e della ristorazione conta oltre 2mila aziende in Ticino, e tutte hanno chiuso i battenti fino al 29 marzo. L'associazione di categoria GastroTicino ha invocato degli aiuti dallo Stato, mentre le imprese fanno la loro parte. 

«Trovo giustissimo chiudere, non conosco un altro rimedio visto che un vaccino non c'è» commenta Sassi, che sul Ceresio oltre all'Olimpia ha aperto anche La Fattoria, nel 2016, e in totale ha alle sue dipendenze 13 persone. Ed è ai collaboratori che va il primo pensiero.

«La situazione è preoccupante, noi dobbiamo pagare gli stipendi, che da contratto collettivo sono tra i più alti in Europa» spiega l'imprenditore. Conti alla mano, fanno circa 60mila franchi al mese. Più l'affitto: altri 16mila. «Non è uno scherzo. Se questa emergenza non si risolve a breve, le aziende non famigliari come la nostra rischiano davvero grosso». 

«Cosa vorrei chiedere alle autorità? Responsabilità, e un intervento concreto. Il turismo ha bisogno di liquidità, e ci vorranno almeno sei mesi per riprenderci da questa batosta, se va bene. Diversamente ho paura che diverse aziende e anche la mia rischieranno di finire tra le vittime di questa epidemia». 

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
33 min
I ticinesi pagheranno più cari i regali?
La carenza di materie prime preoccupa i negozianti. Federcommercio: «Situazione da non sottovalutare»
CANTONE
2 ore
Caro "cannone", a che prezzo sarai legale?
Settimana scorsa un nuovo sprint in avanti del Parlamento sulla via per la depenalizzazione della canapa.
CANTONE
2 ore
«Abbiamo dovuto nutrire le api o sarebbero morte»
Il presidente della Società Ticinese Apicoltori: «Possibile un aumento dei costi».
CANTONE
14 ore
«Mi sono aggrappata alla vita»
La vittima della sparatoria di Solduno prende la parola su Instagram
CANTONE
15 ore
«A rischio l'esistenza di molte aziende, mancano materie prime»
Le previsioni del direttore della Camera di commercio: «Speriamo che per l'estate prossima tutto si normalizzi, ma...»
PARADISO
17 ore
Gli operai del Comune protestano
A Paradiso questa mattina una ventina di dipendenti comunali ha incrociato le braccia
FOTO
CANTONE
17 ore
Il miglior tiramisù del mondo è a Massagno
Un 35enne di Lugano si è portato a casa ben due medaglie dal "Campionato del mondo di Tiramisù".
CANTONE
20 ore
Gli alpeggi scivolano (ancora) sul burro
Il Laboratorio cantonale definisce «globalmente buona» la produzione casearia ticinese, ma...
CANTONE
22 ore
Nel weekend 54 contagi in Ticino
Nessuna nuova classe in quarantena. Il bollettino del medico cantonale
CANTONE
22 ore
Abbattuti oltre 1'600 cervi, ma non è sufficiente
Il bilancio della caccia alta 2021 che ha avuto luogo lo scorso mese di settembre
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile