foto Tio.ch
LUGANO
14.03.20 - 16:240

E intanto c'è chi "fa serata"

Dopo l'appello ai giovani del medico cantonale, la movida non si ferma. GastroTicino: «Evitare escamotage»

Il direttore Massimo Suter: «Chiediamo direttive chiare da parte del governo»

LUGANO - C'è chi chiude preventivamente. Lo ha fatto il 20-30 per cento dei locali in Ticino, secondo una stima di GastroTicino. «Molti hanno abbassato le serrande per senso di responsabilità» spiega a tio.ch/20minuti il direttore Massimo Suter. Ma c'è anche chi degli appelli a stare a casa se ne infischia.

In un bar di Lugano ieri sera un evento aperto al pubblico ha attirato diversi giovani, ma anche qualche critica da parte dei vicini di casa. In un video pervenuto alla redazione un abitante della zona (via D'Alberti) ha immortalato quella che definisce una scena "poco edificante". «Questo - commenta - è il ritratto della gioventù ai tempi del coronavirus».

L'appello del medico cantonale Giorgio Merlani ai giovani, lanciato poche ore prima in conferenza stampa a Bellinzona, evidentemente non ha sortito effetto su tutti. Non è stato possibile raggiungere i titolari del locale per un commento. Ma la scena parla da sé. «Evidentemente ognuno si regola come meglio crede» osserva il direttore di GastroTicino. «In questo momento, va detto, non è chiaro cosa si possa e non si possa fare». 

Ad ogni modo «come organizzazione sconsigliamo vivamente agli esercenti di organizzare eventi in questo momento» conclude Suter. «Anche laddove ci sia un vuoto normativo, viste le circostanze sarebbe da incoscienti appigliarsi agli escamotage». Al governo invece, che nelle prossime ore annuncerà nuove misure per le imprese, GastroTicino chiede «anzitutto chiarezza». L'ipotesi di una chiusura di tutti i locali pubblici non fa così paura. «Tenerli aperti in questo momento, in cui comunque non c'è clientela, crea solo confusione». 

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
4 ore
Una parentesi di sole prima di pioggia e neve
Al weekend di bel tempo farà seguito un inizio di settimana contraddistinto dalle precipitazioni.
LUGANO
4 ore
Permessi al Planet: scatta l'interpellanza
Giovanni Albertini e Sara Beretta Piccoli interrogano il Municipio in merito all'apertura della struttura di Pazzallo.
FOTO E VIDEO
RIAZZINO
6 ore
Cede il terreno sotto i binari: disagi, ma danni limitati
Dopo qualche ora, le FFS hanno ripristinato la linea ferroviaria tra Cadenazzo e Locarno.
CANTONE
10 ore
Dieci ricoveri, un decesso e altri 257 contagi
Negli ospedali ticinesi ci sono 62 persone positive al coronavirus.
FOTO
RIVIERA
11 ore
Esce di strada e finisce contro i ripari fonici della ferrovia
L'incidente della circolazione ha avuto luogo questa notte all'incrocio fra via Traversa e via Cantonale.
CANTONE
22 ore
Un deputato positivo, ma il Gran Consiglio non va in quarantena
Il rispetto delle misure anti-contagio non rende necessario il provvedimento
CANTONE
1 gior
«Il mini lockdown non serve»
L'esperto in malattie infettive Christian Garzoni si appella per l'ennesima volta alla responsabilità dei cittadini
CANTONE
1 gior
Una classe in quarantena alla Scuola Media di Viganello
Lo comunicano il DSS e il DECS in un comunicato congiunto
CANTONE
1 gior
Condonate ai club sportivi le spese d’ordine pubblico
La decisione presa oggi da Governo e Comuni interessati riguarda la stagione 2019/20
CANTONE
1 gior
Ecco i radar di settimana prossima
La polizia ha diffuso la lista delle località che saranno interessate dai controlli, a partire da lunedì
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile