Facebook
LOCARNO
11.03.20 - 23:280
Aggiornamento : 23:48

Coronavirus, scritta al limite della civiltà su un’auto italiana

La testimonianza di un albergatore: «Ho trovato questo biglietto su una macchina e ho avvisato subito la polizia»

Contattato da Tio/ 20Minuti, l’Ufficio stampa della Cantonale ha preferito non enfatizzare l’episodio.

LOCARNO - «Con tutto rispetto, ma osate ancora venire in Svizzera a portarci il virus, nel Paese che vi dà da mangiare? Come osate? State a casa vostra e nascondetevi, per favore. Portate rispetto agli svizzeri. Se vediamo ancora una volta la vostra macchina, prenderemo altre misure. Questo è solo un consiglio». È il testo di un biglietto colmo di ignoranza trovato nel Locarnese sul parabrezza di un’auto con targhe italiane da un albergatore asconese. L’uomo ha subito segnalato il fatto alla Polizia Comunale.

Serve serenità – L’isteria da coronavirus, complice il “blocco” della penisola e il fatto che le dogane continuano a essere aperte per i frontalieri, si sta trasformando in un’ingiustificata caccia all’italiano. L’albergatore asconese racconta le sue impressioni: «La macchina apparteneva a un operaio italiano. La situazione la conosciamo tutti. Le autorità stanno lavorando per noi. Però bisogna smetterla di creare allarmismi, media in primis. Serve serenità. E soprattutto occorre restare nei limiti della civiltà. Spero che non ci siano episodi di disordine pubblico a causa di questo improvviso odio senza senso sbocciato verso gli italiani. Diamo un segnale di positività, tutti quanti».

Episodio da non enfatizzare – Contattato da Tio/ 20Minuti, l’Ufficio stampa della Polizia Cantonale ha preferito non commentare l’episodio. Per evitare di enfatizzare mediaticamente un eventuale fenomeno, con conseguente rischio di emulazione. Scelta comprensibile. 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
POSCHIAVO (GR) / SVIZZERA
8 min
Valposchiavo fra i migliori borghi turistici del mondo
L'Organizzazione Mondiale del Turismo (OMT) ha accolto tutte le tre candidature presentate dalla Svizzera.
BELLINZONA
4 ore
Niente Rabadan nel 2022
Lo ha deciso ieri sera il Comitato, prendendo atto della «preoccupante evoluzione della situazione pandemica»
CANTONE
5 ore
In Ticino 160 nuovi contagi e altre cinque classi in quarantena
Negli ospedali ticinesi si contano attualmente 64 pazienti Covid, di cui otto in cure intense
RIAZZINO
18 ore
Il Vanilla si ferma dopo appena due mesi
La discoteca più grande della Svizzera abbassa di nuovo la serranda. La causa è sempre la stessa
LUGANO
22 ore
«Sempre più solo, così il prete cede al sesso»
Torna d'attualità il celibato obbligatorio tra i sacerdoti cattolici. Il teologo Alberto Bondolfi lo abolirebbe.
CANTONE
23 ore
Con la mascherina già dalla quarta elementare
Il Consiglio di Stato ha comunicato ai Comuni di voler introdurre la misura a partire da lunedì.
CANTONE
1 gior
Test ripetuti nelle scuole? «I laboratori sarebbero in difficoltà»
Ecco il parere ticinese sulle misure anti-coronavirus che il Consiglio federale ha messo in consultazione
LUGANO
1 gior
Ex Macello, di nuovo interrogata Karin Valenzano Rossi
La municipale ha risposto oggi alle domande dell'avvocato degli autogestiti Costantino Castelli.
CANTONE
1 gior
Le quarantene di classe salgono ancora: ce ne sono altre 12
Anche il Ticino deve fare i conti con la quinta ondata. Mai così tanti casi giornalieri dal 6 gennaio scorso a oggi.
CANTONE
1 gior
Scatta Prevena 2021: ecco come prevenire furti e borseggi
I consigli della polizia per le festività. Prevista la presenza accresciuta di agenti su tutto il territorio
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile