Tipress
CANOBBIO
11.03.20 - 15:430
Aggiornamento : 16:44

Non sta bene, giù una pastiglia e va a scuola

Lo sconcertante comportamento di una persona impiegata alla scuola media di Canobbio dove un bimbo è malato di Covid-19

Il dipendente pur non sentendosi affatto bene continua a recarsi al lavoro. La febbre? «No, ma prendo il Ponstan. Magari vado al pronto soccorso...».

CANOBBIO - Da quattordici a cinque giorni a… niente. La chiamavano quarantena e metteva la museruola al contagio. Ma i casi più recenti confermano che l'approccio è mutato.

Un cambiamento mal digerito da molti genitori e in particolare da quelli dei ragazzi della scuola media di Canobbio che si chiedono perché non sia stata isolata a casa la classe dell’allievo che da una settimana è assente per coronavirus (vedi il riquadro sotto).

Il punto è che non sembra il solo. Una persona che lavora all’interno dell’istituto, non un insegnante, è da venerdì scorso che non si sente affatto bene. Ha rinviato alcuni appuntamenti, ma ancora si sta recando al lavoro presso l’istituto. 

Nei secoli scorsi, sbagliando, li etichettavano come untori. Oggi è forse meglio definirli, per usare un eufemismo, disinformati. Il potenziale infetto da Covid-19 infatti ha candidamente confessato di non stare bene. La febbre? «No, ma è da venerdì che prendo il Ponstan». Il farmaco, basta leggere il bugiardino, è indicato per calmare i dolori e far scendere la temperatura corporea. 

A testimonianza di quanto l’informazione tra la popolazione stenti ancora ad attecchire questa persona ha anche pensato di recarsi al Pronto soccorso… Quando invece è tassativo telefonare al proprio medico e alla hotline 0800 144 144.

L'auto-isolamento
Le nuove disposizioni dicono che non deve auto-escludersi (isolarsi) chi ha avuto contatti con parenti in salute di ammalati. Si isola solo chi ha avuto rapporti intimi con ammalati. Per cinque giorni. Su base volontaria o indicazione del proprio medico to. Questo mutamento d'approccio rispetto ai primi giorni dell'emergenza sarebbe dettato dal fatto che oggi non si è più in grado di stabilire la tracciabilità del contagio. Per le autorità ha senso piuttosto monitorare l'evoluzione dell'epidemia, e in particolare quanti si ammalano gravemente e quanti necessitano un ricovero in ospedale. 

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
LUGANO
9 ore
S'invola per gli Emirati, lasciando un cavallino nero in Ticino
Sul sito delle aste dell'Ufficio di esecuzione è sbucata una Ferrari 458 nera
CANTONE
9 ore
La “pandemia dei bambini”... anche nelle scuole ticinesi
In molti si dicono favorevoli all'introduzione dei test ripetuti e alla mascherina obbligatoria dalla quarta elementare
CANTONE
12 ore
Alle medie mancano professori di francese
Formazione dei docenti, il DECS e il DFA hanno fatto il punto della situazione tra passato, presente e futuro.
CANTONE
15 ore
Esplosione di casi nelle scuole
Durante il weekend sono state segnalate ben ventidue quarantene di classe (sedici alle elementari).
CANTONE
16 ore
Le novità sui cantieri delle FFS in Ticino
Dal nuovo cantiere di Riviera-Bironico fino alla chiusura (temporanea) dei lavori a Maroggia-Melano
CANTONE
17 ore
Altri 344 contagi e due decessi nel weekend
Salgono a settanta i pazienti ricoverati in ospedale. Sette si trovano nel reparto di cure intense.
LUGANO
18 ore
L'acqua potabile luganese costerà di più
Il 1. gennaio 2022 la tariffa aumenterà del 20%, sia per la tassa di base sia per quella di consumo
CANTONE
19 ore
L'USTRA «irrispettosa» nei confronti del Mendrisiotto
I deputati PPD della regione interrogano il Governo sul progetto per la corsia destinata allo stazionamento dei tir
CANTONE / SVIZZERA
21 ore
«Senza l'IPG Corona, passeremo un bruttissimo Natale»
Tassisti e altri indipendenti restano senza aiuto economico: con le attuali restrizioni non sarebbe giustificato
LOSTALLO
1 gior
Contro la ringhiera, finisce nel prato
Ferite gravi per un'automobilista uscita di strada a Lostallo
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile