Deposit
CANTONE
11.03.20 - 09:030

«È più importante la salute che l’economia. Chiudete scuole e frontiere»

Lettera al Governo da parte della Federazione Associazioni Femminili Ticino Plus

BELLINZONA - È l’ennesimo appello a chiudere momentaneamente le frontiere e le scuole che da diversi giorni arrivano, a intervalli regolari, all’indirizzo delle autorità cantonali. Oggi è il Comitato FAFTPlus, Federazione Associazioni Femminili Ticino Plus, ad avanzare la richiesta attraverso una lettera inviata al Consiglio di Stato.

Insomma parlano le donne, quelle che «per convenzione sociale» si fanno carico della cura e che a maggior ragione sentono la «responsabilità di richiamare ed esigere la priorità del diritto alla salute su ogni altro diritto e interesse».

Quindi diventa indispensabile in questi casi - fanno notare - «priorizzare il tema sanitario su quello economico». Fanno notare al Governo che gli «specialisti e le specialiste della medicina e della sanità hanno chiaramente espresso l’urgenza di limitare il contagio attraverso la chiusura delle scuole e delle frontiere». 

Ritengono che non sia efficace continuare a tenere aperte le scuole con l’obiettivo di proteggere le persone anziane senza però modificare gli orari scolastici. «Gli stessi nonni - fanno notare - continuano ad occuparsi del pranzo e del doposcuola dei bambini e i bambini sono potenti portatori del virus. Le ultime notizie riportano che anche i giovanissimi possono essere colpiti duramente dal virus».

Critiche vengono espresse al  ministro della salute federale, Alain Berset, «che trova normale esprimere ai media di non sentire la responsabilità di prendere decisioni sulle frontiere, così pregiudicando l’economia».

Le richieste delle donne sono quelle dunque di chiudere immediatamente le scuole e organizzare l’insegnamento in via telematica. Di adottare un provvedimento, da disegnare con attenzione e cautela, rivolto alla chiusura temporanea delle frontiere, concentrandosi su interventi mirati. Quindi sostenere economicamente le aziende (es. rinvio pagamenti delle tasse, aiuto al credito e alla liquidità di breve termine, e così via) per non pregiudicarne l’attività e danneggiare la forza lavoro; sostenere economicamente le famiglie che devono supplire al ruolo di custodia delle scuole. Inoltre chiedono di  adottare misure #tuttiacasa da comunicare in modo preciso e serio alla popolazione, facendo appello alla responsabilità individuale per evitare la diffusione del virus in tempi troppo brevi e insostenibili. E infine di includere le donne nei processi decisionali. «È sconcertante - concludono - che non si sia ritenuto di chiamare le donne (tecniche e specialiste, che non mancano) al tavolo prima di prendere delle decisioni che hanno impatto immediato sulle condizioni di vita, professionale e privata, di tutta la popolazione».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
lollo68 7 mesi fa su tio
Ieri c'erano i controlli alle stazioni per mantenere le distanze tra le persone, ma poi se uno saliva sull'autopostale che trasportava i ragazzi delle scuole medie si trovava schiacciato come una sardina.
GIGETTO 7 mesi fa su tio
ROMA - I casi positivi di Covid-19 in Italia sono 10590, ovvero 2076 in più rispetto a quelli conteggiati 24 ore fa. Il numero complessivo dei contagiati ha raggiunto i 12462, ha comunicato il commissario per l'emergenza Angelo Borrelli nella conferenza stampa quotidiana della Protezione Civile. CHIUDETE PER L'AMOR DEL CIELO SUBITO CONFINI E SCUOLE....CHE QUALCUNO FACCIA QUALCHE COSA!!!!!!!!
spank77 7 mesi fa su tio
Medici di tutta la Svizzera e personale sanitario !!!! Unitevi e rivolgetevi all Organizzazione Mondiale della Sanità !!!!! I riflettori mondiali su questo insensato gioco dei "provvedimenti" proporzionali...non si tratta di regolare il traffico o altro...qui è in gioco tutto il Sistema sanitario e la salute di molte persone.
Tato50 7 mesi fa su tio
@spank77 Parli della stessa Organizzazione della Sanità che poco tempo fa diceva di non allarmarsi però era solo un problema "cinese" Alla faccia della serietà; da licenziare tutti-;(((
moma 7 mesi fa su tio
Stiamo scoprendo l'altra faccia della medaglia globalizzazione e libera circolazione delle persone. Non c'è altro da dire.
Lore62 7 mesi fa su tio
@moma La politica l'ha voluta a tutti i costi, e i cittadini l'hanno votata, anche i virus ne approfittano, cosa vuoi di più... XD Non rinunceranno MAI allo sfruttamento dei "disperati", la nostra economia funziona solo così, tu (residente) sei una pedina sacrificabile!
Tato50 7 mesi fa su tio
Chiudete anche la RSI perché quando al TG delle 12.30 invitano quelli che hanno più di 65 anni con febbre alta e difficoltà di respirazione a non andare in Ospedale per evitare intasamenti. Aaaameeenn -;((((
4cerchi 7 mesi fa su tio
Ticino =Lombardia lombardia=Italia ticino=Italia infestata
4cerchi 7 mesi fa su tio
Ora non lamentiamoci delle lunghe code in auto... Ah ah ah poi si cercherà una soluzione e apri di qua e chiudi di là. DISORDINE,INQUINAMENTO E Bla bla bla
4cerchi 7 mesi fa su tio
I lombardi sono abitanti dell Italia. Italia dichiarata zona rossa. Ma di che cosa parliamo. Tutte le nazione chiudono all Italia. La Svizzera pagherà col tempo questa alleanza. Poi ne riparleremo. IGNORANTI
spank77 7 mesi fa su tio
E mi complimento per la scelta di totale responsabilità civile per quei frontalieri che hanno deciso di trasferirsi momentaneamente in Ticino. Bravi, Fate la cosa giusta per voi, le vostre famiglie e il terrritorio Ticinese . E davvero la cosa piu saggia da fare.
spank77 7 mesi fa su tio
Tanto alla fine I costi a corto e specialmente a lungo termine delle conseguenze di queste scelte "economiche" a discapito della salute saranno molto maggiori. Vedremo chi ha ragione. L'economia -materiale-si riprende con il tempo ...lo abbiamo gia visto -la salute no.
Arciere 7 mesi fa su tio
Non mi sembra un grande problema chiudere le scuole, il tempo di vederci un po' più chiaro. Alla peggio si può recuperare il tempo "perso" prolungando l'anno scolastico di due settimane in estate. Condivido il pensiero che la salute viene prima di ogni altra cosa; la salute non ha prezzo, per il resto c'è modo di arrangiarsi.
spank77 7 mesi fa su tio
@Arciere ALmeno dove si può. Pero dopo occorre controllare che gli adolescenti non si assemblano se le scuole vengono chiuse. Occorre studiare da casa (autodisciplina). Ovvio che non deve essere tempo libero o vacanza
Tato50 7 mesi fa su tio
Quando si accorgeranno che i costi della salute generano più spese dell'economia, magari, chissà ....................
Lilly Formina 7 mesi fa su tio
@Tato50 Di questo se ne sono già accorti di sicuro, ma la logica dei nostri padroni, intrallazzati fino all'osso con gli impresari, è un'altra: i costi della salute li paghiamo noi di tasca nostra senza alcuna contropartita e quindi vanno ad impoverire i cittadini normali; i danni all'economia toccano invece anche gli amici degli amici. Quindi meglio tartassare i comuni mortali e sgravare chi, in futuro, potrà ricambiare il favore offrendo cadreghe d'oro in consigli di amministrazione vari. D'altra parte i poveri consiglieri di stato e medici cantonali non manterranno l'attuale carica a vita, e devono pure pensare al loro futuro.
Tato50 7 mesi fa su tio
@Lilly Formina Infatti; se ci saranno perdite per l'economia qualcuno interverrà per tappare i buchi. Noi poveri mortali possiamo solamente prepararci il buco e saltarci dentro -;(((
streciadalbüter 7 mesi fa su tio
Evviva la libera circolazione( e anche quella del virus).
Nordica 7 mesi fa su tio
Le donne ascoltino i medici... i politici che si sentono invulnerabili non capiscono nemmeno che sono proprio loro più a rischio: uomini di una certa età... ma saranno tutti senza figli e nipoti?!?
occhiodiairolo 7 mesi fa su tio
vogliono i bambini a casa ma non vogliono curarli... bene...
Tato50 7 mesi fa su tio
@occhiodiairolo Cosî se il nonno parte per le grandi praterie chissenefrega; il problema per loro è trovarne un altro. Ma una che sta a casa e si guarda i propri figli esiste ancora e non andiamo sulla solita "menata" che devono tutte lavorare per arrivare a fine mese. Chiudere le scuole va bene, ma le mamme che vanno in giro a impestare gli altri un po' meno ;-((
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE
3 ore
«Sei anni che vivo ad Airolo, ma non mi rinnovano il permesso»
Il racconto di uno dei lavoratori a cui è stato negato il rinnovo del "patentino" LAPIS.
CANTONE
4 ore
Prostituzione in hotel o a domicilio: «Non è illegale»
Una sentenza ha assolto due escort accusate di esercizio illecito della prostituzione.
CONFINE
6 ore
Scontro in galleria, quattro i feriti di cui uno grave
All'origine dell'incidente forse un sorpasso.
CANTONE
7 ore
Altre due classi in quarantena
La misura è scattata per allievi del CPT di Trevano e del Liceo di Bellinzona
CANTONE
8 ore
Falso nipote in manette
Si tratta di un 26enne che in almeno sei occasioni sarebbe riuscito a farsi consegnare denaro o gioielli
CANTONE
13 ore
In Ticino 137 nuovi casi
I dati aggiornati dall'Ufficio del medico cantonale. Nessun decesso nelle ultime 24 ore
LUGANO
14 ore
«Senza mascherina, niente scuola per mio figlio»
Covid alle medie. Silvana Pagani è una mamma di Barbengo che si fa portavoce di un appello al DECS.
CANTONE 
16 ore
Meno parti prematuri nella bolla del lockdown
Le risposte della dottoressa Petra Donati-Genet ai molti dubbi che assillano le mamme
CUGNASCO
16 ore
Infarto in casa, salvato da due idraulici-eroi
È successo a Cugnasco. Un 73enne soccorso dalla Rega, ma provvidenziale l'intervento di due "eroi per caso"
BELLINZONA
16 ore
In Ticino si studia la cura per il Covid
Novanta pazienti avranno la possibilità di assumere un farmaco ormonale che viene usato contro il tumore alla prostata.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile