Ti Press
CANTONE / SVIZZERA
09.03.20 - 08:110
Aggiornamento : 10:29

Disoccupazione in calo, anche in Ticino

A livello nazionale il tasso per il mese di febbraio si attesta al 2,5%.

Nel nostro Cantone è al 3,4%: sono 5893 le persone iscritte agli Uffici regionali di collocamento

BERNA - Lieve calo della disoccupazione in Svizzera: il tasso è sceso al 2,5% in febbraio, contro il 2,6% di gennaio. A fine mese, 117'822 persone erano iscritte presso gli uffici regionali di collocamento (URC), ossia 3196 in meno rispetto a un mese prima.

Nel confronto con lo stesso mese dell'anno precedente, il numero di disoccupati è diminuito in febbraio di 1651 unità (-1,4%), secondo i rilevamenti effettuati dalla Segreteria di Stato dell'economia (SECO) e annunciati stamani. Su base annua il tasso si è contratto di 0,1 punti.

In Ticino il tasso di disoccupazione in febbraio si è attestato al 3,4% (-0,1 punti rispetto a gennaio, +0,1 nel confronto su 12 mesi), mentre nei Grigioni si è contratto all'1,2% (-0,1 e -0,1). A sud delle Alpi si contavano a fine mese 5893 disoccupati iscritti agli URC, contro i 5991 di fine gennaio. Nei Grigioni si è scesi da 1478 a 1300.

Ticino meglio della Romandia - La quota del Ticino è la quinta più alta dopo quelle di Neuchâtel, Giura e Ginevra (tutti al 3,9%) e del canton Vaud (3,7%). Dall'altro lato della scala si trovano Obvaldo (0,7%), Nidvaldo (0,9%), Uri e Svitto (entrambi 1,2%, come i Grigioni). Se paragonato al dato di gennaio, il calo più accentuato (-0,4 punti) è quello del Vallese, mentre l'unico cantone in crescita è Appenzello esterno (+0,1 punti).

Per quel che concerne le diverse nazionalità, gli svizzeri presentano un tasso di senza lavoro dell'1,8% (invariato da gennaio). I tedeschi sono al 2,8%, gli italiani al 4,4% e i francesi al 4,6%. Il dato più elevato è quello dei bulgari (10,4%), davanti ad africani (8,9%, la SECO li calcola nel loro insieme) e kosovari (7,3%), mentre nel suo complesso la media della popolazione straniera si attesta al 4,6%.

Lo scorso mese il numero di giovani disoccupati (15-24 anni) è diminuito di 477 unità (-3,8%), arrivando al totale di 12'120. Ciò corrisponde a 659 persone in meno (-5,2%) rispetto a febbraio 2019. Contrastato il dato per la fascia 50-64 anni, in cui i senza lavoro erano 33'417: -733 persone (-2,1%) rispetto a gennaio e +125 (+0,4%) su base annua.

Complessivamente, precisa la SECO, le persone in cerca d'impiego registrate erano 190'399 (-2,0% e -3,4%). Il numero dei posti annunciati agli URC è diminuito in febbraio di 401, raggiungendo le 38'151 unità. Di questi, 22'037 sottostavano all'obbligo di annuncio.

A dicembre sono state colpite dal lavoro ridotto 3279 persone, ovvero 371 in meno (-10,2%) in confronto al mese precedente. Il numero delle aziende colpite è sceso di 19 (-11,1%), portandosi a 152. Il totale delle ore di lavoro perse si è contratto di 66'786 unità (-30,2%), portandosi a 154'535. A dicembre 2018 erano state registrate 42'294 ore perse, ripartite su 842 individui in 58 imprese.

Infine, secondo i dati provvisori forniti dalle casse di disoccupazione, in 2807 hanno esaurito il loro diritto alle prestazioni dell'assicurazione.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile