Tipress
CANTONE
08.03.20 - 12:310

«Solo nell’edilizia 3800 frontalieri. Lo stop sarebbe molto grave per noi»

La preoccupazione di Nicola Bagnovini, direttore degli impresari: «Le imprese devono sapere per organizzarsi»

Tra i nodi da sciogliere nel caso di blocco, la questione dei salari, ma non solo. «Ho pensato anche di far anticipare le ferie collettive di agosto. Ma servirebbe l'accordo coi sindacati».

LUGANO - Sanità ed edilizia stanno col fiato sospeso. Quest’ultimo settore, da sempre, vive grazie ai lavoratori d’oltrefrontiera… Un blocco delle entrate avrebbe gravi ripercussioni: «Saremmo molto in difficoltà - dichiara a Tio/20Minuti Nicola Bagnovini, direttore degli impresari costruttori (Ssic Ti) -. Più della metà, per l’esattezza il 56% della nostra manodopera sui cantieri, è frontaliera. Sono oltre 3.800 lavoratori e parlo solo del settore principale della costruzione». La cifra non comprende infatti gli artigiani.

«Attendiamo notizie» - «Quindi sarebbe molto grave - prosegue Bagnovini -. Anche noi attendiamo notizie dalla politica e dal Dipartimento. Innanzitutto per sapere se domattina questi lavoratori entreranno o no in Ticino. Perché anche le imprese devono sapere come organizzarsi».

I salari e la salute - Molti sono gli scenari che vengono considerati in questo momento. «Non è semplice. Mi sentirò anche con i sindacati perché sul tavolo c’è anche una questione economica. Se ci fosse questo blocco il datore di lavoro non è tenuto a pagare i salari dei lavoratori fermi oltrefrontiera». Ma al di là di questo, continua Bagnovini, «c’è anche un problema di salute pubblica se arrivano questi lavoratori. Le imprese già hanno adottato dei provvedimenti per evitare di avere troppe persone in un solo posto». Vero che l’edilizia si svolge spesso all’aria aperta, ma «gli operai mangiano nella baracca di cantiere. Ci sono dei momenti in cui c’è comunque un contatto».

Anticipare le ferie agostane? Difficile - In attesa che arrivino risposte ai dubbi, si pensa alle possibili soluzioni. «Ho pensato addirittura alla possibilità di anticipare le vacanze collettive di agosto e farle ora. Ma sono problemi difficili da risolvere perché lo stesso codice delle obbligazioni impone di annunciare le vacanze con un certo anticipo». Insomma non è facile e servirebbe l’accordo coi sindacati trattandosi di prescrizioni contenute nel contratto collettivo. 

Un documento per gli operai - Se blocco ci sarà, è inoltre importante che «ogni impresa contabilizzi le ore perse. Raccomanderò anche alle imprese di preparare un documento che certifichi ai frontalieri che sono impiegati qui in Ticino. A parte che hanno un permesso G. Ma non tutti l’hanno sempre con sé». 

Un mese caldo - Bagnovini non fa previsioni. L’unica certezza è che l’eventuale blocco fino ad inizio aprile è molto lungo e l’edilizia non è ferma in questo momento. Anzi, «soprattutto nel genio civile l’intensità di lavoro in questo momento è elevata. Basti pensare ai cantieri autostradali. Anche lavori di una certa urgenza per cui uno stop di un mese non so se sarebbe sopportabile. Non solo per le imprese, ma per gli stessi committenti».

«A chi critica dico che...» - Infine, il direttore della Ssic Ti tiene a rispondere ad un rimprovero che circola in queste ore: «A chi dice:”Così imparate a dare lavoro solo ai frontalieri”, dico che non è così. La nostra percentuale di manodopera italiana sopra il 50 per cento è storica». Come storica rischia di essere anche la situazione odierna.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Ticino
CANTONE / CONFINE
12 ore
Natale (forse) blindato? Coppie transfrontaliere in protesta
Lanciata una petizione indirizzata direttamente all'ufficio del premier italiano Giuseppe Conte
LOCARNO
17 ore
Visite ai pazienti Covid: ecco cosa cambia
Incontri in camera, di 15 minuti, uno alla volta, ogni due giorni. È vietato portare loro cibo o bevande
CANTONE
19 ore
Altri 246 casi nelle ultime 24 ore
Sette le persone che hanno perso la vita ieri a causa del Covid-19. C'è una nuova classe in quarantena
CANTONE / VATICANO
1 gior
Fondi vaticani, le "carte di Lugano" per chiarire lo scandalo
I documenti potrebbero portare a una svolta nelle indagini sul caso del "palazzo di Londra".
FOTO
MENDRISIO
1 gior
Qui solitudine e isolamento degli anziani si combattono da 30 anni
Il Servizio Anziani Soli, istituito a Mendrisio nel 1990, è tuttora un unicum a livello ticinese.
CANTONE
1 gior
Radar accesi su quattro distretti
La prossima settimana i controlli mobili colpiranno Bellinzona, Locarno, Lugano e Mendrisio.
CANTONE
1 gior
2'300 firme per avere «più corse nelle tratte affollate»
Covid-19 e trasporto pubblico: il SISA ha consegnato oggi alle autorità le firme raccolte con una petizione online.
CANTONE
1 gior
Cantieri e misure anti-Covid: «Scenario desolante»
Il sindacato Unia ha presentato un'analisi dettagliata del fenomeno, analizzando la situazione su 132 cantieri.
FOTO E VIDEO
LUGANO
1 gior
Liceo evacuato per un principio d'incendio
Ad aver preso fuoco sarebbe un albero di Natale. Le fiamme sono state rapidamente domate dai pompieri.
VIDEO
CANTONE
1 gior
«Cosa ci aspetta ora?»
Giorgio Merlani in un video prospetta tre scenari per l'evoluzione della pandemia nel nostro cantone.
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile